Seguici su

Attualità

La NASA progetta un gasdotto lunare per condurre l’ossigeno dai poli

Pubblicato

il

La NASA sta valutando se utilizzare una conduttura di ossigeno per trasportare in modo efficiente il gas in varie località intorno al polo sud lunare per le sue prossime missioni Artemis. Potremmo chiamare questa realizzazione un gasdotto a ossigeno. Questa scelta viene valutata dopo che Peter Curreri, scienziato capo del progetto lunare, ha spiegato i grossi problemi derivanti dal trasporto di ossigeno sulla superficie lunare tramite rover. Il concetto di conduttura lunare della NASA potrebbe facilitare la vita dei futuri astronauti di Artemis
L’oleodotto lunare proposto, ufficialmente denominato Lunar South Pole Oxygen Pipeline (LSPOP), si collegherebbe all’hub della NASA per l’estrazione del ghiaccio lunare nel polo sud lunare. La NASA, la Cina e la Russia stanno puntando sul polo sud lunare perché presenta grandi quantità di ghiaccio e altre risorse appena sotto la superficie della luna.

Il ghiaccio costituirà una parte cruciale dei piani della NASA per stabilire una presenza umana permanente sulla Luna, in quanto può essere estratto e convertito in acqua potabile e ossigeno che può essere usato per respirare e come carburante per i razzi.

In una recente dichiarazione pubblicata sul sito web della NASA, Curreri ha scritto che “gli attuali sforzi finanziati per l’estrazione dell’ossigeno in situ consistono nell’imbottigliare l’ossigeno in serbatoi di gas compresso o nel liquefarlo e stoccarlo in dewar. Entrambi gli approcci richiedono il trasporto di serbatoi o dewars in varie strutture per l’utilizzo. Il processo di spostamento dell’ossigeno sui rover è più dispendioso dal punto di vista energetico rispetto al processo di estrazione e si ritiene che sia l’aspetto più costoso per l’ottenimento dell’ossigeno in situ da utilizzare sulla Luna, considerando le grandi distanze di un’area di estrazione delle risorse da un habitat umano o da un impianto di liquefazione”.

In altre parole, il piano della NASA prevede di conservare il ghiaccio in contenitori criogenici a pressione e di trasportarlo con i rover lunari. Probabilmente dovranno trasportare il ghiaccio in una regione più vicina all’equatore lunare, poiché gli habitat lunari richiederanno anche la luce solare supplementare che quella regione fornirebbe.

Il concetto di conduttura lunare di Curreri, invece, fornirebbe un accesso costante all’ossigeno per i coloni lunari. Inoltre, ridurrebbe drasticamente i costi che altrimenti sarebbero associati al trasporto. A differenza delle condutture sulla Terra, una perdita sulla Luna non inquinerebbe. Al contrario, l’ossigeno sfuggirebbe semplicemente nello spazio, poiché la Luna non ha un’atmosfera.

Lunar Resources testerà diversi prototipi di condutture lunari, anche se sta iniziando con un concetto di circa 3 miglia (5 km). Nella sua dichiarazione, Curreri ha scritto che “il nostro concetto di partenza è un gasdotto di 5 km per trasportare l’ossigeno gassoso da una fonte di produzione di ossigeno, ad esempio il nostro sito di estrazione di elettrolisi del regolite fuso (MRE) o qualsiasi altra fonte, a un impianto di stoccaggio/liquidazione dell’ossigeno vicino a una base lunare”.

Se la NASA dovesse dare il via libera all’LSPOP per le sue missioni lunari Artemis, sarà prodotto in segmenti sulla Luna prima di essere assemblato in tutta la sua lunghezza. La conduttura sarà probabilmente realizzata in alluminio, che si trova in abbondanza al polo sud lunare.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito