attualita' posted by

LA CURA BONAFEDE PER LO SCANDALO PALAMARA? PIU’ PALAMARA! Una fesseria in malafede

Il Consiglio Superiore della Magistratura è un intrigo di correnti politicizzate che inquinano la magistratura. Bisogna quindi risolvere il problema ed il ministro della Giustizia fa un’ipotesi di riforma. Cosa contiene l’ipotesi? Più politicizzazione e più potere ad un organo malato. Un’ottima idea che potremmo estendere anche alla medicina: soffri di fegato? Vai ad ubriacarti.

Le ultime rivelazioni di Palamara a La 7 sono scandalose nella loro banale normalità: il CSM è effettivamente un coacervo di correnti politiche, queste condizionano le nomine, anzi direttamente le decidono con i propri intrighi politici, ma pensiamo comunque di fare il meglio per la Nazione perchè, di tanto in tanto, azzecchiamo una nomina o pensiamo di azzeccarla, anche se fuori dal nostro “Giro”, non sei nessuno. Ammissioni fatte in diretta, di fronte a tutti gli ascoltatori che hanno potuto capire quale livello di corruzione politica domini il sistema giudiziario e che potete sentire a questo link. Che poi perfino il trojan usato per le intercettazioni è curioso, perchè, come riporta Il Riformista, si è rotto non appena ha sentito il nome di Davigo.

C’è troppa politicizzazione nel CSM, e questa, o stupore, non deriva tanto dagli 8 membri “Laici” , nominati dal parlamento, ma dai 16 membri “Togati”, nominati da magistrati inquirenti e giudicanti. Quindi ci vuole una cura, e il ministro Bonafede cosa riesce a studiare : più potere al CSM e più politicizzazione al CSM! Il numero di membri dovrebbe passare dal 27 a 30, alla faccia dell’alleggerimento economico dello stato, con cancellazione dell’unica differenziazione fra giudici inquirenti e giudicanti che esista, cioè nella nomina delle varie componenti, e quindi si torna a fare un bel mischione. SI tenta quindi di depoliticizzare la componente laica impedendo la nomina di chi abbia ricoperto cariche politiche nei 5 anni precedenti, ma non si fa nulla per la componente togata, prevalente, che si è rivelata al centro degli intrighi. Non solo, si dà al CSM la possibilità di supervisione degli uffici dei Pubblici Ministeri. Quindi chi ha, per esempio, definito Salvini “Una Merda”, verrà a supervisionare chi ne guida l’accusa. Una soluzione sicuramente equilibrata…

La soluzione Bonafede è pessima, alla politicizzazione del CSM risponde con più politicizzazione. Al problema posto in evidenza dal caso  Palamara si risponde con “Più Palamara”. Ci chiediamo francamente chi consigli il Ministro o se questo stia ancora agendo in modo lucido. Soluzioni? Eccovene alcune:

  • collegi uninominali per le componenti togate della giustizia. Basta giochi di correnti, che si scontrino direttamente le figure più influenti;
  • valutiamo una terza componente eletta a suffragio universale diretto fra giudici o professionisti del settore giudiziario, quindi anche avvocati, che abbiano certe caratteristiche di onorabilità e di efficienza nel raggiungimento dei propri obiettivi. Se carrierismo deve essere, che sia almeno giudicato dal popolo;
  • riduzione della componente parlamentare a favore di quella ad elezione diretta;
  • trasparenza assoluta nelle nomine giudiziarie, con pubblicità delle candidature e dei verbali di nomina.

Se vogliamo un CSM meno politicizzato, ma più democratico, almeno proviamoci.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed