Seguici su

Attualità

La Corea si affida al nucleare e non alle rinnovabili per il proprio futuro energetico

Pubblicato

il

La Corea del Sud si affiderà maggiormente alla produzione di energia nucleare nei suoi sforzi per raggiungere l’azzeramento delle emissioni entro il 2050, secondo il suo ultimo piano, che prevede una minore quota di produzione di energia rinnovabile nel mix elettrico.

La Corea del Sud punterà a far sì che l’energia nucleare rappresenti quasi un terzo della sua capacità di produzione di energia elettrica entro il 2030, mentre le fonti rinnovabili dovrebbero soddisfare il 21,6% della domanda di energia, in calo rispetto alla precedente previsione di poco più del 30%, secondo i documenti governativi pubblicati giovedì e citati da Bloomberg.

Nei piani precedenti, la Corea del Sud puntava a una quota del 24% di capacità di produzione di energia nucleare.

Attualmente, 25 reattori forniscono circa un terzo dell’elettricità sudcoreana da 23 GWe di impianti, secondo la World Nuclear Association.

Il presidente Yoon Suk-yeol, eletto nel marzo 2022, ha eliminato la politica del suo predecessore di eliminare gradualmente l’energia nucleare in circa 45 anni. Il nuovo presidente ha fissato l’obiettivo che il nucleare fornisca almeno il 30% dell’elettricità del Paese nel 2030.

L’ultimo piano della Corea del Sud prevede anche una quota minore di GNL nel mix di produzione di energia elettrica, come parte degli obiettivi di zero netto del Paese, mentre molti Paesi si sono mossi per rafforzare la loro sicurezza energetica dopo l’invasione russa dell’Ucraina e le turbolenze di mercato che ne sono seguite.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, molti alleati occidentali degli Stati Uniti e dell’UE hanno intensificato gli sforzi per garantire la sicurezza energetica e dipendere meno dalle materie prime energetiche. Molti di loro hanno scelto di affidarsi maggiormente all’energia nucleare.

Proprio questa settimana, il governo svedese ha proposto delle modifiche alla legislazione vigente per consentire la costruzione e il funzionamento di un maggior numero di reattori nucleari, nell’intento di rafforzare la propria sicurezza energetica.

Anche il Giappone sta riportando l’energia nucleare come fonte energetica chiave, cercando di proteggere la propria sicurezza energetica nella crisi che ha portato all’aumento dei prezzi dei combustibili fossili. Il governo giapponese ha confermato a dicembre una nuova politica per l’energia nucleare, che il Paese aveva in gran parte abbandonato dopo il disastro di Fukushima nel 2011. Un gruppo di esperti del Ministero dell’Industria giapponese ha deciso che il Giappone consentirà lo sviluppo di nuovi reattori nucleari e permetterà ai reattori disponibili di operare dopo l’attuale limite di 60 anni.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito