Seguici su

Attualità

La Corea del Sud conquista spazi nel mercato delle armi, grazie al conflitto

Pubblicato

il

La guerra su larga scala della Russia contro l’Ucraina ha cambiato le carte in tavola per l’architettura della sicurezza internazionale, e non solo da una prospettiva regionale. Più di recente, ha offerto alle aziende sudcoreane del settore della sicurezza e dell’energia un’opportunità per approfondire l’impegno con i Paesi dell’Europa centrale e orientale.

Negli ultimi anni, la Corea del Sud ha assistito a una crescita rapida e spettacolare delle sue esportazioni di armi. Il Paese, che per il periodo 2017-2021 è stato l’ottavo esportatore di armi con il 2,8% della quota globale, ha aumentato il valore delle sue esportazioni di un enorme 177% rispetto al periodo 2012-2016 (Sipri.org, marzo 2022). Inoltre, come riportato dalla Korea Eximbank, questa tendenza è continuata per tutto il 2022 e molto probabilmente aumenterà in futuro (Nikkei Asia, 29 settembre 2022). Eppure, in quel periodo, solo un quarto delle esportazioni di armi della Corea del Sud ha raggiunto l’Europa, con il Regno Unito che da solo rappresenta più della metà di queste importazioni. Questa situazione, tuttavia, potrebbe cambiare, poiché la guerra in Ucraina ha spinto i membri dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) a sviluppare in modo significativo e rapido il proprio potenziale militare.

Già nel giugno 2022, questo cambiamento ha iniziato a concretizzarsi quando il ministro della Difesa polacco ha firmato accordi per l’acquisto di 1.000 carri armati principali K2, 672 obici semoventi K9 e 48 aerei da combattimento leggeri FA-50 dalla Corea del Sud. Il valore netto totale dei contratti firmati dalle aziende coreane Hyundai Rotem, Hanwha Defense e Korea Aerospace Industries ammonta a 8,77 miliardi di dollari. Questa cooperazione bilaterale si è ulteriormente intensificata nell’ottobre 2022, quando la Polonia ha deciso di acquistare 218 sistemi di artiglieria a razzo K239 Chunmoo con pacchetti logistici e fornitura di munizioni per un valore di 3,55 miliardi di dollari. Tutti e quattro gli accordi rappresentano i più grandi contratti di armi nella storia dell’industria militare coreana (Polskieradio.pl, 27 agosto 2022).

Anche l’entità degli acquisti di armi dalla Corea del Sud non ha precedenti dal punto di vista polacco. La loro implementazione, combinata con altri accordi da parte di appaltatori americani e nazionali, renderebbe la Polonia una delle maggiori potenze militari non nucleari in Europa. per fare un confronto l’Italia ha solo 200 carri Ariete, tra l’altro meno avanzati dei K2.  E questo è strategicamente fondamentale, vista l’aggressione russa in corso contro l’Ucraina e la necessità di dissuadere Mosca sul fianco orientale della NATO. Inoltre, se Varsavia vuole continuare a fornire armi a Kiev, è essenziale sostituire gli armamenti donati. L’Ucraina ha indubbiamente bisogno di tale assistenza, poiché è improbabile che la guerra finisca presto. E la Polonia dovrebbe avere la capacità di sostenere questi aiuti, poiché il Piano di modernizzazione tecnica annunciato nel 2019 presuppone che l’esercito polacco intenda sostituire il gran numero di armamenti post-sovietici ancora presenti nel suo arsenale, tra cui i carri armati T-72 e i loro carri PT-91 sviluppati in Polonia. Circa 300 di questi carri armati sono rimasti dopo che la Polonia ne ha donati più di 200 all’Ucraina. Questo spostamento è ancora più probabile perché è controproducente mantenere quattro tipi di carri armati attivi nell’arsenale polacco. In questo contesto, il prossimo passo potrebbe essere la sostituzione del veicolo da combattimento di fanteria (IFV) post-sovietico BMP-1 con l’AS-21 Redback di produzione coreana. Questo IFV è già stato testato dalle Forze Armate polacche alla fine del 2022 (Pap.pl, 26 novembre 2022).

In Polonia, l’offerta sudcoreana è stata vista con favore per diversi motivi. Innanzitutto, l’industria coreana offre un ritmo rapido di produzione e di consegne. Il primo lotto di 10 carri armati K2 e 24 obici semoventi K9 è già stato consegnato alla Polonia nel dicembre 2022. Un’altra consegna “per colmare le lacune” di 180 carri armati K2 sarà effettuata entro il 2025 e altri 24 obici K9 entro la fine del 2023 (Dziennikzbrojny.pl, 24 luglio 2022). Varsavia prevede la consegna dei primi 12 FA-50 entro la metà del 2023 (Yonhap News Agency, 28 luglio 2022).

In realtà, anche la velocità di consegna è stata una delle argomentazioni chiave per l’affare K239 Chunmoo. Inizialmente, la Polonia voleva acquistare 500 sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS), ma quando è apparso evidente che una fornitura così massiccia sarebbe stata impossibile in tempi così stretti, Varsavia ha deciso di procedere con l’accordo per l’alternativa coreana. Il primo lotto di sistemi Chunmoo dovrebbe arrivare in Polonia nel 2023. Inoltre, questi contratti su larga scala includono accordi di compensazione vantaggiosi. La consegna del resto dei carri armati è prevista a partire dal 2026 e comprenderà equipaggiamenti modernizzati e parzialmente “polonizzati” nella versione K2PL. I K2PL saranno in gran parte prodotti in stabilimenti industriali di nuova costituzione in Polonia. Ciò comporterà il trasferimento di know-how e tecnologie dalla Corea del Sud, che migliorerà le capacità di produzione e di servizio dell’industria militare pesante polacca, tecnicamente arretrata e a lungo trascurata (Defence24.pl, 23 settembre; 9 dicembre 2022). Questo, a sua volta, creerebbe strutture logistiche che non solo sono essenziali per la manutenzione, ma potrebbero anche offrire l’opportunità di diventare l’hub produttivo della Corea del Sud per ulteriori consegne di armi in Europa, Africa e Medio Oriente.

Ne è un esempio l’obiettivo di Hanwha Defense di unire le proprie potenzialità con il Gruppo Armamenti Polacco (Polska Grupa Zbrojeniowa) nella produzione dell’obice K9. A tal fine, la nuova versione K9PL sarà prodotta in Polonia a partire dal 2026. Queste due aziende hanno già collaborato in passato, in quanto Hanwha Defense ha fornito il telaio del K9 Thunder per l’obice semovente AHS Krab progettato in Polonia. La produzione del Krab, generalmente di successo, non è tuttavia in grado di soddisfare le esigenze urgenti delle Forze Armate polacche a causa della scarsa capacità produttiva del Polish Armaments Group, che viene potenziata solo ora. Ciononostante, il Ministero della Difesa polacco continua a espandere l’acquisto di obici di produzione nazionale (Defence24.pl, 5 settembre 2022). In questo contesto, è interessante il fatto che i sistemi K9 e Krab potrebbero essere fusi in un unico progetto, con inizio dei lavori di sviluppo nel 2025-2026 (Dziennikzbrojny.pl, 24 luglio 2022).

Inoltre, nel concludere questi accordi con la Polonia, la Corea del Sud ha avuto una predominanza “dottrinale” derivante dalla decisione del governo guidato da Diritto e Giustizia di rinunciare a qualsiasi acquisto militare importante con i suoi partner europei. Questa politica è stata invertita solo di recente, quando la Polonia ha acquistato due satelliti di osservazione e una stazione ricevente dalla francese Airbus. Non si deve escludere, tuttavia, che tale accordo possa essere stato un caso isolato.

Alcuni fattori sono alla base di questo ragionamento. L’accordo aveva una motivazione politica e molto probabilmente derivava dalla sfiducia di Varsavia nei confronti degli altri Stati dell’Europa occidentale. Tale sfiducia è stata causata dall’ambigua politica decennale dell’Europa occidentale nei confronti della Russia, che ha iniziato a dissiparsi solo dopo la reinvasione dell’Ucraina da parte della Russia. Inoltre, data la politica polacca di puntare tutto sul paniere americano, la Corea del Sud è un beneficiario politico dei suoi stretti legami con gli Stati Uniti.

Infine, questi acquisti di armi erano in realtà un “pacchetto”. Il 31 ottobre 2022, il gruppo energetico polacco (Polska Grupa Energetyczna) ha firmato un accordo per lo sviluppo di una centrale nucleare con la società statale sudcoreana Korea Hydro & Nuclear Power (KHNP). Inoltre, il vicedirettore della KHNP ha aggiunto che l’offerta comprendeva ulteriori investimenti nei settori dei semiconduttori, delle batterie e dell’idrogeno (Energetyka24.pl, 22 luglio 2022). Inoltre, l’offerta coreana era molto più economica rispetto all’equivalente tedesco (Nikkei Asia, 9 settembre 2022).

Mentre la guerra della Russia contro l’Ucraina entra in una fase più prolungata, l’accordo coreano-polacco rappresenta solo la punta dell’iceberg dell’impatto complessivo che le esportazioni di armi della Corea del Sud potrebbero avere sulla difesa e sulla sicurezza dell’Europa centrale e orientale.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito