Seguici su

Attualità

Il cripto-lender genesis si avvia alla bancarotta. Si estenderà anche all’exchange?

Pubblicato

il

Genesis Global Capital, un prestatore di criptovalute, sta gettando le basi per il fallimento questa settimana. Bloomberg ha recentemente riportato la notizia, citando persone a conoscenza della situazione.

L’unità di prestito di criptovalute ha avviato trattative riservate con diversi gruppi di creditori nel bel mezzo di una crisi di liquidità. La società ha recentemente avvertito che potrebbe dichiarare bancarotta se non riuscisse a raccogliere liquidità in modo rapido. Le fonti consultate hanno detto che i colloqui continueranno e che i piani potrebbero cambiare in qualsiasi momento.

Cosa è andato storto? Le pressioni finanziarie sulla DCG di Barry Silbert sono iniziate a emergere dopo il crollo dell’hedge fund Three Arrows Capital. Genesis ha sospeso i prelievi nel novembre 2022, poco dopo che la borsa delle criptovalute FTX ha dichiarato bancarotta – Genesis deteneva alcuni dei suoi fondi nella borsa FTX.

I fallimenti hanno prodotto effetti a catena sull’exchange di criptovalute Gemini Trust gestita da Cameron e Tyler Winklevoss, coloro che furono coinvolti nella diatriba con Zuckerberg alle origini di Facebook. 

Anche Gemini Earn – un servizio utilizzato dagli utenti di Gemini per ricevere i rendimenti per il prestito delle loro monete attraverso la società – ha interrotto i rimborsi. Secondo le fonti, i creditori, Digital Currency Group (DCG) e Genesis hanno scambiato varie proposte, ma non sono riusciti a raggiungere un accordo. Proskauer Rose e Kirkland & Ellis sono stati i gruppi di consulenza dei creditori.

Ora il criptolender sta lavorando a un piano di ristrutturazione e in passato ha scambiato diverse proposte con i suoi creditori. Le fonti hanno detto che alcuni creditori hanno anche suggerito alla società di ricevere un mix di contanti e azioni da DCG, che alla fine rimarrebbe la proprietaria di Gemini lender. DCG ha ingaggiato Lazard come consulente per valutare tutte le opzioni.

Giovedì il Bitcoin ha subito un calo dopo aver concluso una rara striscia di guadagni di 14 giorni. La più grande criptovaluta ha registrato un calo fino allo 0,7%, con prezzi intorno ai 20.700 dollari alle 9:20 di Tokyo. Questo cambiamento di sentimento è stato determinato da un atteggiamento cauto che ha sostituito la propensione al rischio che aveva spinto al rialzo diversi asset all’inizio dell’anno.

Questi avvenimenti sono comunque ancora le conseguenze del fallimento di FTX, che ha causato un vero e proprio terremoto nel mondo delle valute virtuali.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito