Seguici su

Attualità

La BoJ non cambia la sua politica espansiva. Del resto, perché dovrebbe?

Pubblicato

il

La Bank of Japan (BoJ) ha mantenuto il suo tasso di interesse di riferimento a breve termine a -0,1% e quello sui rendimenti dei titoli decennali intorno allo 0% durante la riunione di gennaio con voto unanime. La banca centrale ha inoltre mantenuto il tetto dello 0,5% del tasso per l’acquisto di obbligazioni, sfidando le speculazioni del mercato e segnalando che i responsabili politici non stanno cercando di allentare la presa sui rendimenti obbligazionari dopo che la banca aveva inaspettatamente modificato la gamma di controllo della curva dei rendimenti a dicembre.

Nel frattempo, in un rapporto trimestrale sulle prospettive, il consiglio di amministrazione ha tagliato leggermente le previsioni di crescita del PIL per il 2022, portandole all’1,9% dal 2,0%, citando il rallentamento delle economie estere e gli alti prezzi delle materie prime. Per l’anno fiscale 2023, la banca ha anche ridotto le previsioni sul PIL all’1,7% dall’1,9%. Le letture dell’IPC sono rimaste pressoché invariate, attestandosi intorno al 3% nell’anno 2022 e all’1,6% nell’anno successivo, non molto lontano da quanto si è visto in passato. La BoJ ha ribadito che adotterà ulteriori misure di allentamento se necessario, prevedendo che i tassi di interesse a breve e lungo termine rimarranno ai livelli attuali o inferiori.

Intanto questo è il tasso di interesse degli ultimi 10 anni. l’unica cosa che è variata è la tolleranza, da 0,25 a 0,50% della BoJ prima di intervenire negli acquisti dei titoli. La banca interviene solo quando il decennale di stato supera il tasso prefissato dello 0,2% del 0,5%.

E comunque, come sottolineato prima, l’inflazione sembra aver raggiunto il suo massimo

La politica monetaria giapponese funziona meglio di quella europea. Perché dovrebbe cambiarla?

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito