attualita' posted by

Il produttore di microchip da cui dipende il mondo

 

Taiwan Semiconductor, TMSC,  è in questo momento la regina mondiale dei semiconduttori e, attraverso questo straordinario business, letteralmente comanda diversi settori industriali, dall’elettronica di consumo al settore auto, ora in crisi proprio per la carenza di microchip.

La carenza mondiale di questi prodotti ha reso questa singola società, su un’isola abitata da poco più di 23 milioni di abitanti di abitanti, ha raggiunto un’importanza strategica a livello  mondiale. Ora TSMC ha fatto notizia per il suo  aver deciso di espandere la produzione negli Stati Uniti, riuscendo a differenziarsi in un’area strategicamente più sicura.

 

I chip di TSMC sono in “miliardi di prodotti”, inclusi iPhone, computer e automobili, scrive il Wall Street Journal in un nuovo profilo dell’azienda. La società è lentamente diventata l’undicesima azienda più preziosa al mondo, con una capitalizzazione di mercato di circa 550 miliardi di dollari. La società ha registrato un utile di 17,6 miliardi di dollari lo scorso anno su un fatturato di circa 45,5 miliardi di dollari. TSMC produce “circa il 92% dei chip più sofisticati al mondo”, afferma il rapporto.

 

Cina USA ed Europa hanno  cercato in ogni modo di acquisire quote della TSMC  di mercato sono talmente grandi che difficilmente possono essere superate nel breve medio periodo. Gli Stati Uniti, ad esempio, rappresentano solo il 12% della produzione mondiale di chip, rispetto al 37% del 1990.

Gli analisti non sono sicuri che ci sarà una catena di fornitura di semiconduttori più diversificata “in qualunque momento presto”. Lo attribuiscono alla “dura cultura competitiva ” e alle “tasche profonde” di TSMC. Il settore dei chip è diventata così complesso che una volta che un produttore resta indietro, diventa difficile recuperare il ritardo.

E sarà ancora più difficile per la concorrenza recuperare il ritardo se TSMC inizia ad espandersi negli Stati Uniti Dopo anni di investimenti in ricerca e sviluppo dalla fondazione dell’azienda nel 1987, TSMC ha finalmente “sfondato” quando ha iniziato a produrre in serie chip per telefoni cellulari per Mela:

“Un momento cruciale è arrivato nel 2013, quando TSMC ha iniziato a lavorare sulla produzione di massa di chip per telefoni cellulari per Apple, ora il suo più grande cliente. Prima di allora, Samsung, che aveva i suoi smartphone, era stato il fornitore esclusivo di microprocessori per iPhone.

Per soddisfare il primo ordine di Apple, TSMC spese 9 miliardi di dollari, con 6.000 persone che lavorano 24 ore su 24 per costruire una fabbrica a Taiwan in 11 mesi record. TSMC è ora il fornitore esclusivo per i principali processori degli iPhone.”

Meno di un decennio dopo e appena 30 anni dopo la sua fondazione, TSMC è la forza dominante nel mondo globale dei semiconduttori.

Abbiamo anche riferito il mese scorso che TSMC sta “valutando i piani per pompare decine di miliardi di dollari in più nelle fabbriche di chip all’avanguardia nello stato americano dell’Arizona rispetto a quanto precedentemente rivelato”, ha rivelato un’esclusiva Reuters.

La società aveva già detto che avrebbe investito da $ 10 a $ 12 miliardi in Arizona. Ora, la società sta rimuginando su un impianto per la produzione di chip a  3 nanometri più avanzati che potrebbe costare tra i 23 ed i 25 miliardi di dollari, affermano le fonti.

La mossa metterebbe TSMC in diretta concorrenza con Intel e Samsung per i sussidi del governo degli Stati Uniti. Il presidente Joe Biden ha proposto un finanziamento di 50 miliardi di dollari per la produzione interna di chip, una proposta su cui il Senato potrebbe agire già questa settimana. Intel si è anche impegnata in due nuovi stabilimenti in Arizona e Samsung sta pianificando una fabbrica da 17 miliardi di dollari ad Austin, in Texas.

TSMC ha anche affermato che i colloqui in Europa sull’espansione sono andati “molto male”, aumentando la probabilità che il gigante dei chip si concentri maggiormente sugli Stati Uniti. L’europa, per l’ennesima volta, ha perso  un’occasione d’oro, ma ormai, nel settore tecnologico c’è abituata.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal