attualita' posted by

Il petrolio resterà a 120 dollari/barile o ben oltre. E col dollaro forte è un doppio disastro

 

Il Brent è scambiato a 120 dollari al barile ed è improbabile che scenda ancora di molto con il ritorno sul mercato della Cina. E secondo il Ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti, non abbiamo ancora raggiunto il massimo del prezzo.

“Non ho mai visto questa combinazione di circostanze nella mia carriera negli ultimi 50 anni”, ha dichiarato la scorsa settimana a Bloomberg Gary Ross, gestore dell’hedge fund Black Gold Investors. “Il mondo ha pochissima capacità inutilizzata, l’economia è forte al di fuori della Cina, la Cina sta tornando e siamo nel bel mezzo di un’interruzione globale della logistica del petrolio”.

La riduzione della capacità di riserva a livello mondiale è stata recentemente sotto i riflettori dopo che l’OPEC+ ha deciso di aumentare gli obiettivi di produzione per luglio e agosto, nel tentativo di placare le preoccupazioni di un’inflazione energetica in continua crescita.

Tuttavia, la decisione sulla carta potrebbe non tradursi mai in azione: solo pochi membri dell’OPEC+ hanno la capacità di riserva per aumentare significativamente la produzione e, secondo gli analisti, potrebbero non essere disposti ad attingere alla loro capacità di riserva perché ciò ridurrebbe ulteriormente il cuscinetto di capacità disponibile, rendendo i produttori meno flessibili in caso di interruzione della produzione come quelle che affliggono regolarmente la Libia, ad esempio.

Nel frattempo, la domanda di petrolio rimane robusta, conferendo un ulteriore potenziale di rialzo ai prezzi, con gli osservatori e gli analisti del settore che si aspettano prezzi molto più alti prima che il loro livello inizi a influenzare la domanda.

“Se continuiamo a consumare, con il ritmo di consumo che abbiamo, non siamo vicini al picco, perché la Cina non è ancora tornata”, ha detto la scorsa settimana il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti Suhail Al-Mazrouei, citato da Bloomberg. “La Cina arriverà con un consumo maggiore”.

In effetti, si prevede che la Cina tornerà presto alla normalità, nonostante le notizie di un nuovo focolaio “esplosivo” di Covid a Shanghai. Il focolaio ha richiesto test di massa in un distretto di Pechino, ma resta da vedere se l’epidemia si diffonderà a sufficienza da rendere necessaria una chiusura in base alla politica di tolleranza zero della Cina nei confronti del Covid e se avrà ripercussioni sull’economia della potenza asiatica. In caso contrario, l’estate sarà dolorosa alla pompa e in tutti i negozi che vendono merci trasportate da camion.

Siamo a 120 dollari senza la Cina, quindi quando la Cina tornerà, il petrolio salirà“, ha detto di recente Amrita Sen, analista capo di Energy, citata anche da Bloomberg.

Anche con i prezzi alti, la domanda continua perché la gente vuole viaggiare, vuole uscire. E la seconda cosa è che i governi di tutto il mondo stanno sovvenzionando i prezzi”, ha osservato Sen. Cioè la distruzione della domanda non avviene alla velocità con cui dovrebbe accadere normalmente.

Nel frattempo, anche le ultime notizie sulla produzione OPEC+ non sono particolarmente incoraggianti. Un sondaggio Platts ha suggerito che il cartello allargato è ancora una volta sceso ben al di sotto del suo obiettivo di produzione a maggio, dopo che l’OPEC da sola ha prodotto 2,7 milioni di bpd in meno rispetto a quanto concordato ad aprile. La produzione della Nigeria è al minimo da quando Platts effettua i sondaggi e la Libia ha appena dichiarato di aver perso 1,1 milioni di bpd di produzione giornaliera a causa dei continui combattimenti.

“Con solo una manciata di … partecipanti all’OPEC+ con capacità inutilizzata, ci aspettiamo che l’aumento della produzione dell’OPEC+ sia di circa 160.000 barili al giorno a luglio e di 170.000 bpd ad agosto”, hanno scritto gli analisti di JP Morgan in una nota della scorsa settimana, rafforzando le fosche prospettive per i prezzi del petrolio durante l’estate dell’emisfero settentrionale, quando la domanda aumenta grazie all’incremento dei viaggi.

Il ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita ha dichiarato da tempo che la colpa dell’attuale situazione del prezzo del petrolio è da attribuire alla mancanza di investimenti. Anche le chiusure delle raffinerie hanno contribuito alla carenza di combustibili quando la domanda è in forte aumento e, naturalmente, le sanzioni contro la Russia non hanno aiutato. Inoltre per i paesi europei la forte rivalutazione del dollaro fa sentire ancora più fortemente questo aumento.

Secondo Bloomberg, la situazione dell’offerta al momento è così stretta che, anche se l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti utilizzassero la loro capacità di riserva, non sarebbe sufficiente a compensare le perdite di fornitura della Russia. Praticamente nessuno prevede un calo dei prezzi del petrolio questa volta. Ma un numero crescente di analisti e osservatori comincia a mettere in guardia sulla possibilità di una recessione.

Sarà un’estate molto calda per i prezzi del petrolio. Le economie dipendono dagli idrocarburi in questo momento di transizione energetica come vent’anni fa, se non forse di più, e la transizione sembra sempre più un lontano miraggio.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal