analisi e studi posted by

Il “lockdown 2” sarà a macchia di leopardo: divide et impera (di G. PALMA)

Ad oggi ci sono 53 persone ricoverate in terapia intensiva (solo +9 dal minimo storico di fine luglio che è stato di 41) e 6 morti (mai così pochi dal 22 febbraio). Su una popolazione di 60 milioni di abitanti.

Durante il picco di fine marzo/inizi di aprile, in piena Fase1, abbiamo avuto circa 4.000 persone ricoverate in terapia intensiva. Oggi ne abbiamo 53. Certo, è aumentato di parecchio in questo periodo il numero dei contagiati (anche per effetto dell’aumento esponenziale dei tamponi effettuati), ma se non si muore più come prima e non si finisce più in terapia intensiva come in passato, a che servono nuovi lockdown?

Anche perché – ad oggi – i posti letto in terapia intensiva sono più di 11.000 (i primi di marzo erano 5.000). E per di più sono state scoperte la cura del plasma ed altre terapie che a metà marzo non si conoscevano ancora.

Il virus ha fatto 36.000 morti e danni economici devastanti – chi nega ciò è un cretino -, ma ora è diventato uno strumento di governo utile a conservare il potere e a reprimere le libertà fondamentali.

Esiste nel Paese un partito trasversale favorevole al lockdown2, un esercito di garantiti che non vede l’ora di tornare a sedersi sul divano, in smart-working, ad abbaiare contro i runner solitari sulla spiaggia, ad autolamentarsi e a puntare il dito contro l’untore di turno. Nuovi Gian Giacomo Mora sono pronti ad essere bersagliati.

Ai garantiti si unisce l’esercito dei virologi da passerella, sostenuti da un Comitato tecnico-scientifico che ha trovato nell’epidemia permanente la ragione della propria visibilità politica e professionale: lo stato terapeutico permanente per poter continuare ad esercitare il potere.

Ma state tranquilli, governo e comitato tecnico-scientifico conoscono benissimo la regola del “divide et impera“: non ci sarà più un lockdown valevole per tutto il territorio nazionale, ma mini-lockdown a macchia di leopardo. Ora in questa regione o provincia, poi in quell’altra, e così via. In tal modo ciascuno spererà sempre di non essere il prossimo, e sarà disposto a bastonare gli untori. Lotta e divisione tra poveri.

Andrà così, perché solo così il potere potrà auto-conservarsi e reprimere le libertà fondamentali. Lo stato terapeutico, il terrore sanitario permanente. È la regola di sopravvivenza del neoliberismo: sopravvivere non alle crisi, ma sulle crisi: 2001 crisi terrorismo internazionale; 2008 crisi economica mondiale; 2020 crisi sanitaria globale.

Avrò sicuramente torto, ma il dubbio lasciatemelo sollevare.

Giuseppe PALMA

*** *** ***

Consigli letterari:

1) di Paolo Becchi e Giuseppe Palma, “Una riforma sbagliata. Dodici motivi per dire NO al taglio dei parlamentari“, Gds, febbraio 2020. Qui per l’acquisto 👇: https://www.amazon.it/Una-riforma-sbagliata-Dodici-parlamentari/dp/8867829920/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=una+riforma+sbagliata&qid=1597305132&sr=8-1

2) di Paolo Becchi e Giuseppe Palma, “DEMOCRAZIA IN QUARANTENA. Come un virus ha travolto il Paese“, Historica edizioni.

Qui i link per l’acquisto:

http://www.historicaedizioni.com/libri/democrazia-in-quarantena/

https://www.ibs.it/democrazia-in-quarantena-come-virus-libro-paolo-becchi-giuseppe-palma/e/9788833371535

https://www.mondadoristore.it/Democrazia-quarantena-Come-Giuseppe-Palma-Paolo-Becchi/eai978883337153/

https://www.libreriauniversitaria.it/democrazia-quarantena-virus-ha-travolto/libro/9788833371535

https://www.amazon.it/Democrazia-quarantena-virus-travolto-Paese/dp/8833371530/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=democrazia+in+quarantena&qid=1593533348&s=books&sr=1-1


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed