Uncategorized posted by

IL CAPITALISMO CHE SI AUTOFAGOCITA: GLI ENORMI STOCK BUYBACKS DEL MERCATO AZIONARIO USA

buybacks_diagram

Successivamente alla crisi finanziaria sono riprese in modo prorompente i riacquisti di azioni proprie da parte delle aziende quotate alla borsa USA.

Ora vediamo in questo grafico il loro recente sviluppo:

share repu 1

Come vedete il riacquisto azioni proprie negli USA è in crescita notevole a partire dal 2009, quando toccò il suo limite minimo a seguito della crisi finanziaria.

Vediamo anche chi ha effettuato, recentemente , i riacquisti maggiori

riacquisti azioni

Normalmente l’acquisto azioni proprie viene visto come uno strumento per :

  • stabilizzare i corsi azionari
  • ridurre la base quotata, aumentando il potere del gruppo di controllo.

Queste motivazioni vanno però un po’ al di fuori delle classiche motivazioni economiche, travalicando nella politica  . In realtà gli azionisti dovrebbero voler comprare azioni proprie solo nei seguenti casi:

  • il valore intrinseco delle azioni è superiore al valore di borsa;
  • non esistono migliori condizioni di investimento, per cui l’acquisto azioni proprie è il miglior investimenti possibile.

Al di fuori di questi casi l’acquisto di azioni proprie si configura come una perdita per gli azionisti, perchè i potenziali investimenti o vengono utilizzati per acquistare un’azione sopravvalutata  oppure non vengono utilizzati in modo ottimale.

Iniziamo dal primo punto: per valutare il valore intrinseco di una azione bisogna partire dai valori di bilancio e  rettificarlo con un avviamento negativo e positivo sulla base delle prospettive di utile/perdita. Fatta questa variazione è possibile calcolare un nuovo patrimonio netto rettificato e quindi un nuovo valore azionario.

Purtroppo una recente ricerca pubblicata da zerohedge mostra come questo accada molto raramente:

720 repo 1

In rosso vedete tutti i casi in cui il valore di riacquisto è stato superiore al valore intrinseco. Questo significa che dall’effettuazione di queste operazioni la società ha perso dei soldi: praticamente è come se avesse pagato 1,10 dollari una banconota del valore di 1 dollaro!

Eppure questi comportamenti sono sempre più frequenti e trovano la loro giustificazione esclusivamente in giochi interni di potere: il management ed il “Cuore” degli azionisti di controllo utilizza questo strumento per restringere la base azionaria della società.

Eppure si tratta di un clamoroso errore economico e di una cattiva allocazione delle risorse : gli utili andrebbero meglio investiti in attività economiche ad alto rendimento, piuttosto che a ricomprare mediocri azioni societarie. Inoltre vi è una gravissima ricaduta sociale di queste operazioni: il reinvestimento degli utili condurrebbe alla creazione di nuovi posti di lavoro e di nuova ricchezza, cosa che l’acquisto azioni proprie non viene a generare.

Quindi, concludendo, il capitalismo americano ha questa tendenza a rinchiudersi in se stesso, a costruire “Fortezze societarie” sterili per la crescita economica, sociale e tecnologica. Sarebbe necessario un intervento normativo per limitare questo tipo di operazioni, rimettendo le risorse sanamente in cricolo.

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


2 Comments

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog