Seguici su

Attualità

Gli USA battono cassa a Berlino e vogliono i carri armati

Pubblicato

il

Gli alleati occidentali stanno intensificando le consultazioni sull’opportunità di fornire armi pesanti moderne all’Ucraina, mentre Kiev chiede la consegna urgente di carri armati di fronte all’incessante offensiva della Russia, dove il presidente Volodymyr Zelenskiy afferma che la situazione in prima linea rimane “difficile”.

Il Segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha incontrato il suo omologo tedesco di recente nomina, Boris Pistorius, a Berlino il 19 gennaio, un giorno prima di ospitare una riunione del Gruppo di Contatto per la Difesa dell’Ucraina presso la base militare statunitense di Ramstein per discutere con gli alleati di un ulteriore sostegno, compresi gli aiuti militari, all’Ucraina.

“La Germania rimane uno dei nostri più importanti alleati…. Vorrei ringraziare il governo tedesco per tutto ciò che ha fatto per rafforzare l’autodifesa dell’Ucraina”, ha detto Austin all’inizio del suo incontro con Pistorius. Austin avrebbe fatto pressioni su Pistorius per consentire il trasferimento di carri armati di fabbricazione tedesca all’Ucraina, hanno detto i funzionari statunitensi.

Zelenskiy ha dichiarato il 16 gennaio di aspettarsi che dall’incontro di Ramstein scaturisca una “decisione chiave sulle forniture di armi da parte dei nostri partner”. Anche il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel è arrivato a Kiev il 19 gennaio per colloqui con i funzionari. “Di nuovo a #Kyiv per discutere tutti gli aspetti della cooperazione”, ha scritto su Twitter.

“Gli ucraini stanno combattendo per la loro terra, per il futuro dei loro figli. Ma stanno anche combattendo per i nostri valori comuni europei di pace e prosperità. Hanno bisogno e meritano il nostro sostegno”, ha scritto in un precedente messaggio su Twitter.

Irritata dalla lentezza dei negoziati tra alleati per la consegna di armi pesanti, l’Ucraina ha sollecitato gli alleati occidentali ad accelerare la consegna di carri armati e sistemi di difesa aerea. “Non abbiamo tempo, il mondo non ha questo tempo”, ha scritto su Telegram Andriy Yermak, capo di gabinetto del presidente ucraino.

“La questione dei carri armati per l’Ucraina deve essere chiusa il prima possibile. Proprio come la questione dei sistemi di difesa aerea aggiuntivi”, ha detto. “Stiamo pagando la lentezza con le vite del nostro popolo ucraino. Non dovrebbe essere così”.

Lo Stato Maggiore ucraino ha dichiarato nel suo rapporto quotidiano del 19 gennaio che nelle ultime 24 ore ha respinto 14 attacchi russi nelle regioni di Luhansk e Donetsk. I russi hanno preso di mira soprattutto Bilohoryvka a Luhansk e Bakhmut, Soledar e Avdiyivka nella vicina Donetsk.

“Allo stesso tempo, il nemico ha effettuato 25 attacchi aerei e ha lanciato più di 85 attacchi da sistemi di salve di razzi”, ha dichiarato lo Stato Maggiore, aggiungendo che la minaccia di attacchi aerei e missilistici su obiettivi civili “rimane alta in tutto il territorio dell’Ucraina”. L’esercito ha dichiarato di aver continuato a monitorare i movimenti di truppe russe e bielorusse verso il confine dell’Ucraina, ma finora non sono state rilevate mosse offensive.

Kiev ha ripetutamente chiesto a Berlino di inviare i carri armati Leopard 2 di produzione tedesca, considerati tra i migliori al mondo, soprattutto perché messi raramente, se non mai, sul campo di battaglia.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, parlando il 18 gennaio al forum di Davos, ha detto che la Germania sosterrà l’Ucraina “per tutto il tempo necessario”. “Forniamo continuamente all’Ucraina grandi quantità di armi, in stretta consultazione con i nostri partner”, tra cui artiglieria, sistemi di difesa aerea e veicoli blindati, ha detto Scholz.

Ma Scholz, nonostante le critiche non solo di Kiev, ma anche degli alleati della NATO e dei membri della sua stessa coalizione, si è finora opposto all’invio di carri armati Leopard 2.

Il 19 gennaio, il rappresentante statunitense Gregory Meeks, il democratico più alto in grado della Commissione Affari Esteri della Camera, ha dichiarato all’AFP che Scholz ha detto ai deputati statunitensi a Davos che la Germania fornirà carri armati pesanti all’Ucraina se anche gli Stati Uniti li invieranno. Un bel modo per smarcarsi elegantemente dalle pressioni degli alleati, dato che gli USA hanno chiaramente affermato che non invieranno i propri carri Abrahams. Se Washington non manda i carri, perché dovrebbe farlo Berlino?

Quindi prosegue il tira e molla fra Washington-Nato e Berlino sui carri armati. Un discorso piuttosto sterile perché il numero di carri disponibili sarebbe comunque molto limitate e dilatato nel tempo. Si tratterebbe più che altro di un segnale simbolico della definitiva rottura fra Russia e Germania, un Atto da Fè che la NATO vuole in modo definitivo.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito