Seguici su

Attualità

Gazprom taglia seccamente ancora le forniture di gas all’Europa

Pubblicato

il

Venerdì, per il secondo giorno consecutivo, Gazprom ridurrà i flussi di gas in transito verso l’Europa attraverso l’Ucraina, ha dichiarato il gigante russo del gas in un comunicato riportato da Bloomberg.

La Russia continua a inviare gas in Europa attraverso i gasdotti, con una via di transito attraverso l’Ucraina e attraverso TurkStream. Gazprom non ha fornito una ragione per la riduzione dei flussi attraverso l’Ucraina. Secondo gli analisti, i minori flussi attraverso i gasdotti sono il risultato di una minore domanda di gas nell’ambito di contratti a lungo termine, considerando il clima più mite in alcune parti d’Europa e il fatto che l’offerta spot è attualmente più conveniente.

Venerdì mattina, i flussi di transito di gas dalla Russia attraverso l’Ucraina sono scesi a 24,4 milioni di metri cubi, rispetto ai 25,1 milioni di metri cubi di giovedì e ai 32,6 milioni di metri cubi dell’inizio della settimana. Nonostante i minori volumi di fornitura di gas dai gasdotti russi, i prezzi di riferimento del gas in Europa sono scesi giovedì, grazie ai livelli di stoccaggio di gas ancora ampi in tutta l’UE – dovuti al clima mite di questo inverno – e ai continui afflussi di carichi di GNL. Ecco comunque visibilmente il calo degli invii del gas riportato da @durezzadelviver

La vera preoccupazione per l’approvvigionamento di gas in Europa è per l’inverno 2023/2024, hanno dichiarato i massimi dirigenti delle maggiori major europee del petrolio e del gas poco prima dell’inizio della stagione invernale di riscaldamento. Alla fine dello scorso anno, i massimi dirigenti delle altre major europee, tra cui Bernard Looney della BP e Claudio Descalzi dell’Eni, avevano dichiarato che l’Europa era più o meno preparata ad affrontare l’inverno con siti di stoccaggio del gas quasi pieni e un flusso costante di importazioni di GNL.

“Ma, come abbiamo detto, il problema non è questo inverno. Sarà il prossimo, perché l’anno prossimo non avremo il gas russo – il 98% [in meno], forse niente”, ha detto Descalzi alla conferenza ADIPEC di Abu Dhabi a novembre.

Con il crollo delle forniture di gas dai gasdotti russi, l’Europa avrà bisogno di “enormi volumi” di importazioni di GNL quest’anno, ha dichiarato a dicembre il trader di materie prime Trafigura. Bisognerà vedere chi sarà in grado di fornire queste enormi quantità di gas a partire dalla prossima primavera, quando bisognerà iniziare a pensare a riempire


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito