attualita' posted by

Facebook Meta dichiarata peggior società del 2021. Complimenti…

Meta Platforms, precedentemente nota come Facebook, è stata dichiarata “la peggior compagnia del 2021” in un sondaggio sul pubblico condotto da Yahoo Finance.

Il sondaggio, che ha intervistato 1.541 lettori, ha visto Facebook ricevere l’8% dei voti totali negativi, guadagnando l’ottima, o pessima posizione.

Gli intervistati sono stati polarizzati nelle loro valutazioni dell’azienda tecnologica e hanno espresso ragioni contraddittorie per la loro scarsa considerazione. Conservatori e dissidenti hanno espresso frustrazione  e rabbia nei confronti dell’azienda tecnologica per l’applicazione di una soffocante censura e un continua discriminazione. Gli utenti più  progressisti si sono  lamentati del fatto che la società non sia andata abbastanza lontano nei suoi sforzi per sradicare la disinformazione percepita. Molti hanno lamentato una non sufficiente censura delle opinioni sul covid-19.

Lo scorso settembre, Facebook è stato messo sotto esame per The Facebook Files, una serie di rapporti investigativi pubblicati dal Wall Street Journal e basati su fughe di notizie fornite dall’informatore Frances Haugen. Gran parte della pubblicità intorno alle fughe di notizie si è concentrata sull’impatto di Instagram (una sussidiaria di Meta Platforms) sulle ragazze adolescenti e sulla presunta indifferenza dell’azienda a tali preoccupazioni. Haugen ha anche affermato che il potenziale di radicalizzazione di Facebook ha contribuito ai genocidi in Myanmar ed Etiopia, tra una miriade di altre preoccupazioni espresse nei rapporti. Recentemente i fuoriusciti Rohingya dal Myanmar hanno iniziato una causa da 150 miliardi di dollari contro Fb accusata di aver contribuito alla loro persecuzione.

Inoltre, la società è stata per diversi anni sotto il controllo delle autorità di regolamentazione antitrust. L’anno scorso, la Federal Trade Commission e i procuratori generali di 48 stati hanno citato in giudizio Facebook per presunte violazioni delle leggi antitrust. Quel particolare caso contro la società è stato respinto come legalmente insufficiente, ma la causa è ancora pendente poiché il tribunale ritiene di archiviare il caso a titolo definitivo.

Anche per sfuggire a questa immagine negativa,  lo scorso ottobre Facebook ha rinominato la società madre che supervisiona le sue piattaforme come Meta Platforms. Il nuovo nome coincide con la crescente enfasi di Zuckerberg sul concetto di “metaverso”, un concetto in cui Internet sarebbe presentato come un mondo simulato e tridimensionale accessibile attraverso la realtà virtuale. Il metaverso di Facebook proposto non è stato meno controverso, con i critici che lo definiscono di tutto, dal ridicolo al distopico.

Tuttavia, il valore delle azioni di Meta ha registrato una crescita del 22% nell’ultimo anno, leggermente inferiore rispetto all’indice  S&P, ma difficilmente una crisi per gli investitori. Per questioni strettamente finanziarie, Meta appare in una forma molto migliore rispetto al secondo posto per la peggior compagnia del 2021: il gigante cinese dell’e-commerce Alibaba, che ha visto il suo prezzo delle azioni crollare di oltre il 50 percento dopo un anno tumultuoso di molestie da parte del Partito Comunista Cinese.

Alla fine Pecunia Non Olet e anche una azienda moralmente non perfetta diventa appetibile per gli speculatori…

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal