Seguici su

Attualità

Drone militare spaziale USA rientra dopo un record di 908 giorni di missione nello spazio

Pubblicato

il

 

Dopo un record di 908 giorni in orbita per la sua sesta missione, un drone militare statunitense è atterrato al Kennedy Space Center della NASA sabato scorso.

La minuscola navetta spaziale X-37B, alimentata a energia solare per effettuare test scientifici, ha battuto il precedente record di missione, che aveva richiesto 780 giorni per essere completata, secondo quanto riportato da diversi media.

In a testing procedure, the X-37B Orbital Test Vehicle taxis on the flightline March 30, 2010, at the Astrotech facility in Titusville, FLa. (Courtesy photo)

“Dal primo lancio nel 2010, l’X-37B ha infranto i record e ha fornito alla nostra nazione una capacità senza pari di testare e integrare rapidamente nuove tecnologie spaziali”, ha dichiarato Jim Chilton, vicepresidente senior della Boeing, che lo ha sviluppato.

Il velivolo senza equipaggio e riutilizzabile che l’Air Force Rapid Capabilities Office e la U.S. Space Force gestiscono congiuntamente, noto come Orbital Test Vehicle 6, è stato messo in orbita da un razzo United Launch Alliance Atlas 5 il 17 maggio 2020.

Il veicolo spaziale ospitava per la prima volta un modulo di servizio, che conteneva esperimenti per il Naval Research Laboratory, la U.S. Air Force Academy e altre istituzioni. Il modulo si è sganciato dal veicolo prima del de-orbiting per garantire un atterraggio sicuro.

Il satellite FalconSat-8, creato dai cadetti dell’accademia in collaborazione con l’Air Force Research Laboratory, era uno degli esperimenti. Il progetto consisteva nel catturare la luce solare e trasformarla in energia elettrica a corrente continua. Il satellite è ancora in orbita dopo essere stato schierato nell’ottobre 2021.

Altro espererimento era iil Materials Exposure and Technology Innovation in Space (METIS-2), uno dei progetti della NASA testati bordo dell’aereo. Gli scienziati utilizzeranno i dati per capire come l’ambiente spaziale influisce su vari tipi di materiali.

Uno degli esperimenti consisteva anche nell’esaminare come l’esposizione spaziale a lungo termine influisse sui semi. È la prima volta che nella missione OTV-6 viene realizzato un modulo di servizio per ospitare esperimenti supplementari.

L’X-37B è stato tenuto segreto dall’Air Force per dieci anni, ma ora la Space Force lo mostra con orgoglio. Il veicolo spaziale è una variante dell’X-37A creato dalla NASA alla fine degli anni ’90 per essere lanciato dallo Space Shuttle.

In seguito, il Dipartimento della Difesa ha preso possesso del programma. Dal volo inaugurale dell’aereo, nel 2010, sono state realizzate due navicelle X-37B, inizialmente destinate a missioni di 270 giorni.

“Questa missione sottolinea l’attenzione della Space Force per la collaborazione nell’esplorazione dello spazio e per l’espansione dell’accesso allo spazio a basso costo per i nostri partner, all’interno e all’esterno del Dipartimento dell’Aeronautica”, ha dichiarato il generale Chance Saltzman, capo delle operazioni spaziali.

Secondo il tenente colonnello Joseph Fritschen, direttore del programma X-37B presso l’Air Force Rapid Capabilities Office, “l’X-37B continua a spingersi oltre i confini della sperimentazione, grazie a un team d’élite di governo e industria dietro le quinte”.

Prima dell’atterraggio, il modulo di servizio che si è sganciato dall’OTV sarà smaltito, secondo la Space Force, in conformità con le migliori procedure progettate per ridurre la quantità di rifiuti spaziali in orbita, ha riportato la rivista SpaceNews.

“Con l’aggiunta del modulo di servizio, questo è stato il massimo che abbiamo mai portato in orbita con l’X-37B”, ha dichiarato Jim Chilton, vicepresidente senior di Boeing Space and Launch.

Dopo 3.774 giorni di permanenza nello spazio, l’X-37B ha già percorso più di 1,3 miliardi di chilometri.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


E tu cosa ne pensi?

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un commento