Bilancia dei Pagamenti posted by

A Dicembre 2014, attivo commerciale extra-UE record

Nel mese di 2014 il saldo commerciale extra-UE risulta attivo per 5,3 miliardi (+3,4 miliardi a dicembre 2013), il livello più alto da gennaio 1993. Il saldo attivo destagionalizzato raggiunge i 3,3 mld. Rispetto ad un anno fa l’export fa +5,3%, l’import -8,7% (escludendo pero’ l’import energetico, l’import manifatturiero fa +10%).

Le ragioni di questo saldo attivo record sono:

a) Una crescita dell’export, spinta anche dal “Dollaro Forte” e da un buon andamento economico delle economie USA ed Asiatiche

b) Un crollo dell’Import del tutto imputabile al crollo dei prezzi e delle quantita’ importate energetiche. 

 gpg02 - Copy (247) - Copy - Copy

Da Istat

A dicembre 2014, rispetto al mese precedente, i flussi commerciali con i paesi extra Ue mostrano dinamiche divergenti: export (+3,2%) e import (-3,7%).

L’incremento congiunturale delle esportazioni risulta diffuso a tutti i raggruppamenti di beni, con l’eccezione dei beni di consumo durevoli (-2,4%). Energia (+7,2%), prodotti intermedi (+5,1%) e beni di consumo non durevoli (+4,3%) sono in forte crescita.

Al netto dei prodotti energetici (-10,3%), la flessione congiunturale dell’import è molto meno accentuata (-1,1%). Solo i beni di consumo durevoli sono in espansione (+4,9%).
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue risulta positiva (+1,8%) e investe tutti i raggruppamenti principali di beni, esclusa l’energia (-3,6%).

Dal lato dell’import, si registra per lo stesso periodo una contenuta flessione (-0,9%) da ascrivere all’energia (-13,1%), al netto della quale le importazioni crescono del 4,9%.

L’incremento delle importazioni di beni strumentali (+8,5%) e di beni di consumo non durevoli (+5,7%) è rilevante.

A dicembre 2014, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, si rileva una crescita tendenziale dell’export (+5,3%) particolarmente sostenuta per i prodotti intermedi (+10,4%) e i beni strumentali (+8,4%).

Su base annua le importazioni registrano un forte calo (-8,7%) ascrivibile alla marcata contrazione degli acquisti di energia (-35,3%). Al netto di questa componente, l’import è in forte espansione (+10,0%).

Nel 2014, rispetto al 2013, le esportazioni verso i paesi extra Ue risultano sostanzialmente stabili (-0,1%) mentre le importazioni sono in forte calo (-5,4%). Al netto dell’energia, entrambi i flussi presentano dinamiche positive, rispettivamente pari a +1,0% e +4,6%.

A dicembre 2014 il saldo commerciale risulta attivo per 5,3 miliardi (+3,4 miliardi a dicembre 2013), il livello più alto da gennaio 1993. Nell’intero anno il surplus raggiunge 28,1 miliardi, a fronte di 19,6 miliardi nel 2013.

Nel 2014, l’andamento pressoché stazionario delle esportazioni è il risultato di dinamiche divergenti rispetto ai principali mercati di sbocco. Stati Uniti (+10,2%), paesi EDA (+9,6%), Cina (+6,6%) e paesi ASEAN (+5,1%) forniscono un forte impulso alla crescita delle vendite sui mercati esteri. Al contrario, la marcata flessione dell’export verso alcuni mercati, quali Russia (-11,6%), Giappone (-10,9%), paesi MERCOSUR (-7,2%), Svizzera (-6,4%) penalizza la dinamica complessiva delle esportazioni verso i paesi extra Ue.

 

GPG

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog