attualita' posted by

Dati sul lavoro: Più occupazione precaria crea più disoccupazione.

precari

Il dato odierno dell’Istat  indicante l’occupazione in lieve aumento al + 0.5% su base annua e la disoccupazione giovanile in calo attestandosi sotto quota 43% sta a significare che precarizzando ancora di più il lavoro, si possono in teoria registrare degli effetti “positivi” occupazionali ma solo nel breve periodo, ad esempio, assunzioni stagionali.
Cattura youth
Ciò è confermato dal fatto che il tasso classico di disoccupazione è in aumento, passando dal 12,5% al 12,6% da agosto a settembre.
italy-unemployment-rate
Questi tre dati, ovvero aumento disoccupazione seguito da aumento occupazione e calo della disoccupazione giovanile, sembrerebbero contrastanti, ma in realtà seguono la logica descritta prima, ovvero  che un aumento dell’occupazione precaria crea disoccupazione.
I giovani neo assunti (stagionali) quando perderanno il posto andranno nel computo dei disoccupati, mentre al lor posto verranno assunti altri giovani che faranno aumentare di poco l’occupazione ovviamente quella precaria.
Se questa tendenza dovesse confermare nel medio e lungo periodo, assisteremo ad un rovesciamento del modello lavorativo, in cui il lavoro non precario si ridurrà, portando ad un aumento della disoccupazione, per essere rimpiazzato dall’aumento dell’occupazione sotto il regime della precarietà e “flessibilità” come sta avvenendo in Spagna e come è avvenuto e tutt’ora in corso in Germania sotto la politica dei “minijob”.
Questa politica del lavoro basata su un aumento dell’occupazione precaria seguita da aumento della disoccupazione, risulta essere il metodo principale imposto dalla logica monetaria europea per recuperare competitività sui mercati esteri in assenza della flessibilità dei cambi.
L’obbiettivo del governo pertanto è incentrato maggiormente nel far aumentare l’occupazione precaria e sottopagata per recuperare gap di competitività principalmente con la Germania che di far diminuire la disoccupazione fattore che potrebbe far aumentare la domanda interna e quindi erodere la competitività aggravando la bilancia pagamenti italiana.
Tale politica occupazionale nel medio e lungo periodo si rivelerà anzi già si sta già rivelando contro producente per tutto il continente in termini di consumi e tassi di inflazione negativi con tutti i problemi annessi e connessi a partire dalla sostenibilità dei debiti.

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog