attualita' posted by

Cos’hanno in comune AIDS e Covid-19

 

Nel 1981, i medici di New York e Los Angeles videro giovani uomini sani ammalarsi e morire nell’arco di  pochi mesi, il loro sistema immunitario apparentemente distrutto e non avevano mai visto nulla di simile.

Le morti avviarono una frenetica ricerca del colpevole. Nel 1983 i virologi avevano identificato un nuovo agente patogeno che avrebbero chiamato virus dell’immunodeficienza umana, cioè il virus dell’AIDS.

Con il tempo medici e scienziati hanno imparato che cosa era, e come agiva. Se all’inizio la mortalità era pari, praticamente, al 100%, questa si ridusse drammaticamente negli anni, aumentando le prospettive di sopravvivenza in quello che forse è stato uno dei maggiori successi della fine del XX secolo.

Come riportato dalla rivista Smithsonian nel 2013:

Le campagne finanziate dalla Confederazione hanno cercato di rivolgersi a un gran numero di persone di ogni estrazione: maschi, femmine, omosessuali o eterosessuali. La campagna America Responds to AIDS, creata dal CDC, è andata avanti dal 1987 al 1996 ed è diventata una parte centrale del messaggio “tutti sono a rischio”…

L’inganno probabilmente ha aumentato la disponibilità del pubblico a finanziare la ricerca. Ma è arrivato con gravi effetti collaterali. Smithsonian ha continuato spiegando:

“Alcune organizzazioni per l’AIDS, in particolare quelle che forniscono servizi alle comunità a più alto rischio di contrarre l’HIV, videro  la campagna come un distogliere denaro e attenzione dalle comunità che ne avevano più bisogno“. Ed in buona parte avevano ragione.

Il che ci porta al COVID.

Premettimo che SARS COV-2 non è mai stato neanche lontanamente vicino all’IADS come mortalità, sono proprio su due scale di misurazione diversa. Nonostante l’allarmismo il 100% di mortalità del primo AIDS non è mai stato neanche lontanamente simile  quello del Covid.

Dopo un anno, la maggior parte di noi sa che gli anziani sono a rischio molto più elevato di coronavirus (anche se anche le persone ben informate potrebbero non essere consapevoli di QUANTO sia più alto il rischio).

Ma ciò che le autorità sanitarie hanno fatto di tutto per oscurare è quanto l’obesità, in particolare l’obesità grave, incrementi il rischio collegato al virsu.

Ad aprile, i ricercatori britannici hanno pubblicato un documento definitivo sull’argomento in The Lancet Diabetes & Endocrinology, una rivista peer-reviewed. I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di quasi 7 milioni di persone in Inghilterra per esaminare il legame tra l’obesità e gli esiti gravi del Covid, inclusi il ricovero in ospedale e la morte.

I risultati principali mostrano solo un collegamento moderato tra peso extra e rischio Covid. Ma quando i ricercatori hanno esaminato più da vicino, hanno scoperto che nelle persone anziane il sovrappeso NON porta a un rischio eccessivo.

Quindi i ricercatori hanno diviso i pazienti in quattro fasce di età: 20-39, 40-59, 60-79 e oltre 80. Hanno scoperto che nei due gruppi più giovani, compresi gli adulti fino a 60 anni, l’obesità era associata a quasi TUTTI il rischio che il Covid porti alla rianimazione o alla morte. I risultati sono stati mantenuti anche dopo essersi adeguati a molti diversi altri  potenziali fattori, come il fumo, le malattie non legate al peso e la ricchezza.

Ecco i dati:

 

L’eccesso di rischio era estremamente alto anche per le persone che non erano patologicamente obese – definito come un indice di massa corporea di 40 o più. Una persona tra i 40 e i 60 anni con un BMI di 35 – qualcuno che è di 120 kg ed è alto 1,72- aveva circa cinque volte il rischio di morire di Covid di una persona di peso normale. Per gli adulti più giovani, il rischio in eccesso era ancora più alto e per le persone con obesità patologica ancora più alto.

Al contrario, le persone di peso normale sotto i 40 anni non corrono sostanzialmente alcun rischio di morte per Covid. I ricercatori hanno scoperto che il loro tasso è inferiore a 1 su 10.000 all’anno. Anche nella fascia di età compresa tra 40 e 59 anni, gli adulti normopeso avevano un rischio annuo ben inferiore a 1 su 1.000.

Alla fine che cosa dice la ricerca: “I nostri risultati di questa ampia coorte basata sulla popolazione sottolineano che l’eccesso di peso è associato a rischi sostanzialmente maggiori di esiti gravi di COVID-19 e uno dei più importanti fattori di rischio modificabili identificati fino ad oggi”. Eppure si è trasmesso il pericolo come legato in generale alla popolazione. La motivazione è politica ed economica: non ci sarebbe stato un supporto sufficiente alla lotta al covid-19, ma così non si è concentrata l’attenzione su quelle che effettivamente sono categorie a rischio e sulla vera prevenzione basata su una lotta all’obesità.

Alla fine AIDS e COVID hanno questo in comune: per ottenere un mobilitazione generale non ci si è fissati sui fattori di rischio veri. Un peccato, che è costato sicuramente molte vite.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal