Seguici su

Attualità

Cina esplodono le proteste dopo che dieci persone muoiono per un incendio per il lockdown. E Apple rischia di perdere 1/3 della produzione

Pubblicato

il

 

 

A Pechino e nell’estrema regione occidentale dello Xinjiang sono scoppiate le proteste per i lockdown del COVID-19, quando un incendio mortale  in un grattacielo di Urumqi  giovedì  ha provocato la morte almeno 10 persone che potrebbero essere 40 secondo alcune notizie.

La folla è scesa in strada a Urumqi, la capitale dello Xinjiang, con i manifestanti che scandivano “Basta con il lockdown!” e battevano i pugni in aria, dopo la diffusione dei video dell’incendio sui social media cinesi venerdì sera.

Video di protesta mostrano persone in una piazza che cantano l’inno nazionale cinese, in particolare il verso: “Alzatevi, coloro che rifiutano di essere schiavi!”. Altri hanno gridato di non volere le serrate. Nel distretto settentrionale di Pechino di Tiantongyuan, i residenti hanno strappato i cartelli e sono scesi in strada.

La Reuters ha verificato che il filmato è stato pubblicato da Urumqi, dove molti dei suoi 4 milioni di abitanti sono stati sottoposti a una delle più lunghe serrate del Paese, con il divieto di lasciare le loro case per un periodo di 100 giorni.

Nella capitale Pechino, a 2.700 km di distanza, alcuni residenti in isolamento hanno inscenato piccole proteste o affrontato i funzionari locali per le restrizioni di movimento imposte loro, e alcuni sono riusciti a fare pressioni per revocarle prima del previsto. -Reuters

Secondo una conferenza stampa tenuta sabato dalle autorità di Urumqi, le misure COVID non hanno ostacolato la fuga e il salvataggio durante l’incendio, ma i social media cinesi non se la sono bevuta.

“L’incendio di Urumqi ha sconvolto tutti nel Paese”, ha dichiarato Sean Li, residente a Pechino.

 

Secondo la Reuters;

Il blocco programmato per il suo complesso “Berlin Aiyue” è stato annullato venerdì dopo che i residenti hanno protestato con il loro leader locale e lo hanno convinto a cancellarlo, trattative che sono state riprese da un video pubblicato sui social media. I residenti erano venuti a conoscenza del piano dopo aver visto gli operai mettere delle barriere ai loro cancelli. “Questa tragedia sarebbe potuta accadere a chiunque di noi”, ha detto. Sabato sera, almeno altri dieci complessi hanno revocato l’isolamento prima della scadenza annunciata dopo le proteste dei residenti, secondo un conteggio della Reuters dei post dei residenti sui social media.

Nel frattempo il principale partner produttivo di Apple, Foxconn Technology Group, è destinato a veder crollare le spedizioni di iPhone di novembre dall’enorme fabbrica di Zhengzhou, in Cina, nota come iPhone City, dopo una settimana di disordini, secondo quanto riportato da Reuters.

Queste fonti hanno dichiarato che la produzione di iPhone sarà ridotta di oltre il 30% presso lo stabilimento Foxconn di Zhengzhou a novembre, rispetto a una stima precedente di un massimo del 30% quando sono iniziati i problemi nella fabbrica a fine ottobre.

La maggior parte dei 200.000 dipendenti vive in isolamento dal mese scorso. Di recente sono state effettuate nuove assunzioni perché la dirigenza voleva continuare a sfornare modelli di iPhone premium, tra cui l’iPhone 14 e 14 Pro, ma questo ha perfino peggiorato la situazione perché i nuovi assunti non volevano  entrare in contatto con gli altri lavoratori, hanno iniziato una rivolta e la società è stata costretta a pagarli perché se ne andassero.

La politica Covid Zero di Xi Jinping sta creando sempre più caos in Cina, eppure è presa come modello dal WEF.

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito