attualita' posted by

CEO Exxon: questa brutta transizione energetica sarà tutta pagata dai consumatori. A voi han mai chiesto qualcosa?

La ExxonMobil prevede che tutte le nuove auto vendute tra due decenni saranno veicoli elettrici, ma anche che ritene che i consumatori “pagheranno un prezzo elevato” in questa corsa alle energie rinnovabili fatta senza fornire l’energia di cui la società ha attualmente bisogno. Questo è emerso da un’intervista a Darren Woods, amministratore delegato della Exxon, concessa la scorsa settimana a David Faber della CNBC. La Exxon si unisce a molti altri produttori di petrolio che affermano che i governi e i politici devono trovare un equilibrio tra la spinta a ridurre le emissioni di carbonio e l’attuale bisogno di energia a prezzi accessibili per la popolazione. Il recente sottoinvestimento nelle fonti energetiche tradizionali è un colpo alle forniture energetiche del presente e del prossimo futuro, che porta a prezzi elevati e a prezzi della benzina da record, ha dichiarato l’amministratore delegato della Exxon alla CNBC. Questo è l’ultimo avvertimento dell’industria petrolifera, secondo cui i politici dovrebbero guardare al fabbisogno energetico a breve termine e pianificare un futuro a basse emissioni di carbonio.

Certo, non è insolito che una grande azienda petrolifera metta in guardia da una transizione affrettata. Tuttavia, l’attuale crisi energetica globale, con prezzi della benzina da record, dà ragione a tutti quei dirigenti e funzionari dei Paesi produttori di petrolio del Medio Oriente che da oltre un anno avvertono che la riduzione degli investimenti in petrolio e gas si sarebbe ritorta contro i consumatori e i governi.

Dopo i primi blocchi COVID, molti analisti del settore avevano previsto la fine della crescita della domanda globale di petrolio e che non avremmo mai più visto una domanda di petrolio così alta come nel 2019. Ma le persone sono tornate a viaggiare e, secondo gli analisti, l’anno prossimo la domanda supererà i livelli precedenti al COVID. Persino l’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE), che l’anno scorso ha affermato che non si dovrebbero fare investimenti in nuove forniture se il mondo vuole raggiungere lo zero netto entro il 2050, nel suo ultimo rapporto mensile ha previsto che la domanda globale raggiungerà una media record di 101,6 milioni di barili al giorno (bpd) e supererà i livelli pre-COVID nel 2023. Inoltre, le turbolenze del mercato dovute all’invasione russa dell’Ucraina potrebbero persino portare l’offerta a faticare a tenere il passo con la domanda l’anno prossimo, dato che le sanzioni contro la Russia ridurrebbero l’offerta quando entreranno ufficialmente in vigore alla fine di quest’anno.

Secondo l’industria, la lotta per l’approvvigionamento non è solo il risultato di un mercato petrolifero globale in continuo mutamento, con la guerra russa in Ucraina e le sanzioni occidentali contro le esportazioni di petrolio della Russia. È anche il risultato di diversi anni di scarsi investimenti nell’offerta, e questo è anche il punto di vista di Exxon.

All’inizio di questo mese, il presidente Joe Biden ha criticato la Exxon e altre compagnie petrolifere per i loro profitti eccessivi, affermando che “quest’anno la Exxon ha guadagnato più soldi di Dio”. Il Presidente Biden vuole che le compagnie producano più benzina e riducano le bollette per i consumatori americani.

“In un periodo di guerra, non è accettabile che i margini di profitto delle raffinerie, ben al di sopra della norma, vengano scaricati direttamente sulle famiglie americane”, ha dichiarato il Presidente Biden in una lettera all’industria.

In risposta alla lettera, la Exxon ha dichiarato che nel breve termine il governo americano potrebbe adottare misure spesso utilizzate in caso di emergenza dopo uragani o altre interruzioni delle forniture, come la deroga alle disposizioni del Jones Act e ad alcune specifiche sui carburanti per aumentare le forniture.

“A più lungo termine, il governo può promuovere gli investimenti attraverso politiche chiare e coerenti che sostengano lo sviluppo delle risorse statunitensi, come vendite di leasing regolari e prevedibili, nonché un’approvazione normativa più snella e un sostegno alle infrastrutture come gli oleodotti”, ha dichiarato la major petrolifera.

Quello che è vero è che la crisi energetica attuale è creata ad arte. Nessuno ha pensato a fornire le fonti di energia alternativa prima di tassare il petrolio o di non investirvi, creando una forzata carenza energetica. Hanno voluto farvi tutti più poveri, in modo doloso. Salvo lamentarsi che poi, magari, vengano votati i partiti populisti.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal