attualita' posted by

Avremo ancora due anni di problemi logistici. Si cambia modello strategico produttivo

Just-in-time (JIT) è un modello di produzione utilizzato dalle aziende per creare articoli per la domanda immediata. Il punto di JIT è evitare gli sprechi associati alla sovrapproduzione e gli inutili investimenti in risorse in magazzino. Ma quando compaiono interruzioni della catena di approvvigionamento, il JIT è diventato un notevole grattacapo per le aziende statunitensi come Ford, che ha dovuto chiudere più stabilimenti di veicoli a causa della loro incapacità di procurarsi chip a semiconduttore.

Le aziende stanno ripensando al loro modello di produzione, passando al modello just-in-case inventory (JICI), un modello più adatto nel difficile ambiente odierno, che consente d’immagazzinare più semilavorati e materie prime ed effettuare ordini solo se si intacca un livello strategico di riserve, valutato caso per caso,   e questo contribuirà a garantire una produzione più continua in futuro.

JIT domina ancora il mondo aziendale, ma JICI potrebbe esplodere nell’uso  a causa  delle incertezze globali. Bloomberg ha fornito una visione approfondita di varie industrie statunitensi e delle loro potenziali interruzioni nelle forniture estere, concentrandosi sull’export dalla Cina verso gli USA in diversi settori industriali.

Fonte: Bloomberg

Attenzione che un grafico molto simile potrebbe essere costruito anche dal lato europeo, evidenziando comunque la dipendenza di numerosissimi nostri settori dal’export cinese. Rotture di stock nell’estremo oriente, ad esempio per i black out, possono portare senza adeguate scorte, a interruzione della produzione, con quello che ne consegue.
La produzione estera della catena di approvvigionamento è la più grande nel settore tessile, dei metalli di base, delle apparecchiature elettriche, dei veicoli a motore e dell’elettronica. Molte di queste industrie dipendono interamente dalla produzione cinese. Il problema è che Pechino ha ordinato alle fabbriche ad alta intensità energetica di chiudere le operazioni per conservare l’elettricità in mezzo a una massiccia crisi energetica. Ciò complicherà il quadro per le aziende che acquistano la maggior parte dei loro beni dal paese. Inoltre, la congestione portuale su entrambe le sponde del Pacifico continua ad aumentare a livelli record.

Il JIT è un modello di produzione imperfetto quando le catene di approvvigionamento si rompono. Forse le aziende impareranno a passare a JICI e a tenere delle riserve per i brutti momenti.

Per ulteriori informazioni su quando si ridurranno i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento globale, DP World di Dubai, uno dei più grandi operatori portuali internazionali, il presidente e amministratore delegato Sultan Ahmed Bin Sulayem ha dichiarato a Bloomberg all’inizio di questo mese che le interruzioni potrebbero durare per altri due anni.

“La catena di approvvigionamento globale era in crisi all’inizio della pandemia”, ha affermato Bin Sulayem. “Forse nel 2023 vedremo un allentamento”.

Quindi la complessa interconnessione della catena di approvvigionamento globale combinata con il JIT è una ricetta per il disastro nel nuovo mondo di oggi. Ciò suggerisce che più aziende statunitensi potrebbero abbracciare JICI e diversificare le loro catene di approvvigionamento lontano dalla Cina per mitigare il rischio. Una possibile buona notizia per l’Europa.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal