Seguici su

Attualità

Apple guarda a Vietnam e India per sostituire la Cina

Pubblicato

il

Quattro giorni prima di Natale il più grande assemblatore a contratto di gadget elettronici del mondo ha tranquillamente finalizzato i piani per trasferire parte della produzione di Apple iPad e MacBook in Vietnam.
La mossa di Foxconn Technology Group, in progetto dalla fine del 2020, dovrebbe diventare realtà quest’anno, con i primi prodotti che dovrebbero uscire dal suo stabilimento nella provincia vietnamita di Bai Giang già a maggio.
Né Foxconn né Apple hanno confermato formalmente il cambiamento. Tuttavia, il piano è in linea con la strategia di Apple di fare del Vietnam il più grande assemblatore finale dei suoi prodotti al di fuori della Cina continentale. La Foxconn , che ha sede centrale a Taiwan, nota anche con il nome aziendale Hon Hai Precision Industry, ha già 60.000 dipendenti in Vietnam e l’anno scorso ha annunciato un investimento di 270 milioni di dollari per la creazione di una nuova filiale.
“L’incertezza e la dipendenza dalla Cina hanno fatto sì che l’importanza di conoscere i propri fornitori sia al centro dell’attenzione e dei consigli di amministrazione”, ha dichiarato Sumit Vakil, cofondatore di Resilinc, una società di consulenza che offre soluzioni per la mappatura, il monitoraggio e la resilienza della catena di fornitura. “Non si può tornare indietro a come operavano le catene di approvvigionamento [prima dell’inizio di] Covid-19”.

I produttori globali, che hanno contribuito a rafforzare la reputazione della Cina come “fabbrica del mondo” per qualsiasi cosa, dagli ombrellini da cocktail all’abbigliamento, fino alle parti di aerei, negli ultimi anni hanno ridotto la loro dipendenza dalla Cina, in una serie di settori.
La confluenza di diversi fattori ha aumentato l’urgenza: l’aumento del costo della manodopera in Cina, i dazi imposti da Donald Trump su quasi tutto ciò che è prodotto in Cina e le interruzioni della produzione causate dal precedente approccio zero-Covid del Paese.
Il “just in time” si trasforma in “just in case” quando Covid-19 taglia le catene di fornitura

Simili cambiamenti si stanno verificando in altri punti della catena di approvvigionamento di Apple, in particolare in India.
Dal 2017 Apple ha incaricato la Wistron Corp di Taipei di assemblare l’iPhone SE in India. Lo scorso settembre, l’azienda di maggior valore al mondo ha intensificato il suo piano B, annunciando che avrebbe prodotto l’ultimo iPhone14 in India a pochi mesi dal suo rilascio mondiale. In altre parole, Apple ha dato all’India un’importante spinta per passare dalla produzione di modelli obsoleti a quella delle ultime versioni.
“Il programma di produzione di massa dell’iPhone 14 in India è ancora in ritardo di circa sei settimane rispetto alla Cina, ma il divario è migliorato in modo significativo”, ha scritto Kuo Ming-chi, analista di TF International Securities, forse il più noto osservatore della catena di approvvigionamento di Apple. “Pertanto, è ragionevole aspettarsi che l’India e la Cina saranno in grado di produrre l’iPhone 15 nello stesso periodo del prossimo anno”.

Secondo l’analisi di Bloomberg sulla catena di fornitura globale di Apple, per ora la Cina si trova ancora diversi gradini sopra l’India e il Vietnam. Ben 121, pari al 17,7%, dei 2022 fornitori di Apple sono domiciliati in Cina, dove operano 2.360 strutture, pari al 19,3% del totale. La Cina è quindi la più grande fonte globale della catena di approvvigionamento di Apple dopo gli Stati Uniti, però le cose stanno cambiando molto rapidamente e presto Cina, India e Vietnam potrebbero trovarsi praticamente allo stesso livello. Un segnale importantissimo che viene anche a indicare la corrosione della base industriale tecnologica di Pechino a favore dei concorrenti.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito