Seguici su

Attualità

Anniversario di Bophal: un disastro ecologico con decine di migliaia di vittime

Pubblicato

il

 

Nell’anniversario del tragico evento vogliamo proporvi questo articolo che parla del disastro di Bophal, una tragedia enorme causata dalla superficialità nelle misure di sicurezza industriale che non de ve essere dimenticato. 

La notte fra il 2 e il 3  dicembre 1984, l’isocianato di metile (MIC) fuoriuscito dalla fabbrica di pesticidi della Union Carbide India Ltd (UCIL) trasformò la città di Bhopal in una colossale camera a gas. Fu il primo grande disastro industriale dell’India. Almeno 30 tonnellate di gas isocianato di metile uccisero più di 15.000 persone e colpirono oltre 600.000 lavoratori. La tragedia del gas di Bhopal è nota come il peggior disastro industriale del mondo.

Campanello d’allarme prima della tragedia

Nel 1969, la fabbrica UCIL era stata costruita per produrre Sevin (un pesticida) utilizzando l’isocianato di metile come intermedio. Nel 1976, i sindacati di Bhopal denunciarono l’inquinamento dell’impianto. Qualche anno dopo, un operaio inalò accidentalmente una grande quantità di gas fosgene tossico, che lo portò alla morte un paio d’ore dopo. Osservando gli eventi, un giornalista iniziò a indagare sull’impianto e pubblicò le sue scoperte anche sul giornale locale di Bhopal, affermando: “Svegliatevi gente di Bhopal, siete sull’orlo di un vulcano”. Due anni prima che la tragedia colpisse Bhopal, circa 45 lavoratori esposti al fosgene furono ricoverati in ospedale. Tra il 1983 e il 1984 si verificarono perdite di fosgene, tetracloruro di carbonio, isocianato di metile e monometilammina.

Come è avvenuta la fuoriuscita di isocianato di metile

Lo stabilimento della Union Carbide India a Bhopal ospitava tre serbatoi di stoccaggio di MIC liquido da 68.000 litri: E610, E611 e E619. Mesi prima della tragedia, la produzione di MIC era in corso e i serbatoi venivano riempiti. Nessun serbatoio poteva essere riempito oltre il 50% della sua capacità e il serbatoio era pressurizzato con azoto inerte. La pressurizzazione consentiva di pompare il MIC liquido da ogni serbatoio. Tuttavia, uno dei serbatoi (E610) perse la capacità di contenere la pressione dell’azoto gassoso e quindi non è stato possibile pompare il MIC liquido. Secondo le regole, ogni serbatoio non poteva essere riempito con più di 30 tonnellate di MIC liquido. Ma questo serbatoio ne conteneva 42 tonnellate. Questo guasto costrinse la UCIL a interrompere la produzione di isocianato di metile a Bhopal e l’impianto venne parzialmente chiuso per manutenzione. Il 1° dicembre si tentò di rimettere in funzione il serbatoio difettoso, ma il tentativo fallì. A quel punto, la maggior parte dei sistemi di sicurezza legati all’isocianato di metile dell’impianto erano malfunzionanti. Secondo quanto riferito, alla vigilia del 2 dicembre, l’acqua era entrata nel serbatoio malfunzionante, provocando una reazione chimica inaspettata. La pressione nel serbatoio aumentò di cinque volte durante la notte. A mezzanotte, i lavoratori dell’area MIC hanno iniziato a sentire gli effetti del gas MIC. La decisione di affrontare la perdita doveva essere presa un paio di minuti dopo. Tuttavia, a quel punto la reazione chimica nel serbatoio aveva raggiunto uno stato critico. Circa 30 tonnellate di MIC fuoriuscirono dal serbatoio nell’atmosfera nel giro di un’ora. La maggior parte degli abitanti di Bhopal si accorse della fuga di gas grazie all’esposizione al gas stesso.

Impatto della fuga di isocianato di metile

I medici non erano a conoscenza dei metodi di trattamento adeguati all’incidente. La fuga di gas isocianato di metile uccise  oltre 15.000 persone e colpì oltre 600.000 abitanti. Il tasso di nati morti e il tasso di mortalità neonatale sono aumentati rispettivamente del 300% e del 200%. La fuga di gas ha avuto un impatto anche sugli alberi e sugli animali. Nel giro di un paio di giorni, gli alberi dell’area vicina sono diventati sterili. Le carcasse di animali gonfie dovevano essere smaltite. La gente correva per le strade, vomitando e morendo. La città rimase senza aree di cremazione.

La risposta del governo alla tragedia di Bhopal

Fino ad allora, il governo indiano non aveva mai affrontato un disastro del genere. I procedimenti legali tra India, UCC e Stati Uniti iniziarono subito dopo la catastrofe. Nel marzo 1985 il governo approvò il Bhopal Gas Leak Act, che gli consentiva di agire come rappresentante legale delle vittime. Inizialmente l’UCC offrì all’India un fondo di soccorso di 5 milioni di dollari, ma il governo rifiutò l’offerta e chiese 3,3 miliardi di dollari. Alla fine, nel febbraio 1989, è stato raggiunto un accordo extragiudiziale: la Union Carbide ha accettato di pagare 470 milioni di dollari per i danni causati. La Corte Suprema indiana stabilì anche le linee guida per il denaro: i familiari dei morti dovevano ricevere 100.000-300.000 rupie. Inoltre, gli invalidi totali o parziali dovevano ricevere 50.000-500.000 rupie e quelli con lesioni temporanee 25.000-100.000 rupie. La Corte suprema ha chiesto all’UCIL di finanziare “volontariamente” un ospedale a Bhopal per curare le vittime della tragedia. Nel giugno 2010, sette ex dipendenti dell’UCIL, tutti di nazionalità indiana, sono stati condannati per aver causato la morte per negligenza e a due anni di reclusione. Tuttavia, sono stati successivamente rilasciati su cauzione.

Bhopal dopo oltre tre decenni dalla tragedia

Mentre erano in corso le battaglie legali in India e negli Stati Uniti, nel 2001 la Dow Chemical Company rilevò con successo l’UCC, che divenne una filiale interamente controllata. In seguito, la Dow ha sostenuto che l’UCC non aveva alcuna responsabilità nei confronti della tragedia, in quanto era legalmente una nuova società con una nuova proprietà.

Ingrid Eckerman nel suo libro – La saga di Bhopal ricorda ciò che una vittima gli disse: “La morte sarebbe stata un grande sollievo. È peggio essere un sopravvissuto”. Migliaia di sopravvissuti alla tragedia del gas di Bhopal continuano ad affrontare la mancanza di strutture sanitarie. Dopo la chiusura della fabbrica, tutto ciò che era rimasto all’interno è stato sigillato in loco. Le organizzazioni di assistenza alle vittime del gas chiedono da anni la sua rimozione. Molte petizioni sono state depositate presso l’Alta Corte e la Corte di Giustizia per la rimozione dei resti velenosi dell’impianto.

Che cos’è l’isocianato di metile (MIC)?

L’isocianato di metile è un liquido incolore utilizzato per la produzione di pesticidi. Il MIC è sicuro se conservato correttamente. La sostanza chimica è altamente reattiva al calore. Se esposto all’acqua, i composti del MIC reagiscono tra loro provocando una reazione termica.
L’isocianato di metile non è più in produzione, anche se viene ancora utilizzato nei pesticidi. L’impianto Bayer CropScience di Institute, West Virgina, è attualmente l’unico luogo di stoccaggio del MIC rimasto in tutto il mondo.

Impatto della reazione chimica dell’isocianato di metile sulla salute

Gli effetti immediati sulla salute includono ulcere, fotofobia, problemi respiratori, anoressia, dolori addominali persistenti, problemi genetici, nevrosi, alterazione della memoria audio e visiva, riduzione della capacità di ragionamento e molto altro.

Gli effetti a lungo termine sulla salute includono congiuntivite cronica, riduzione della funzionalità polmonare, aumento della perdita di gravidanza, aumento della mortalità infantile, aumento delle anomalie cromosomiche, riduzione dell’apprendimento associato e altro ancora.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito