Seguici su

Attualità

135 navi cinesi invadono le acque filippine. Manila furiosa

Pubblicato

il

Le Filippine hanno affermato domenica che più di 135 navi cinesi stavano “sciamando” una barriera corallina al largo delle sue coste, descrivendo la crescente presenza delle barche come “allarmante”.


Le barche cinesi sono state “disperse e sparpagliate” all’interno della barriera corallina di Whitsun, a forma di boomerang, che le Filippine chiamano Julian Felipe Reef, a circa 320 km (200 miglia) a ovest dell’isola di Palawan, ha detto la guardia costiera. Whitsun Reef si trova a più di 1.000 km dalla principale terraferma cinese più vicina, l’isola di Hainan.

Le Filippine hanno dichiarato di aver contato 111 “navi della milizia marittima cinese” (CMM) il 13 novembre. Quando la guardia costiera ha schierato due motovedette nell’area sabato, il numero era aumentato a “più di 135”, ha detto la forza.
“Nessuna risposta è stata data alle sfide radio lanciate dal PCG (Guardia Costiera filippina) alle navi CMM che ora si stima siano cresciute fino a raggiungere più di 135 navi disperse e sparse all’interno della barriera corallina Julian Felipe”, ha detto la guardia costiera di Manila, descrivendo le barche. presenza come “allarmante” e “illegale”. Una vera e propria invasione marittima cinese.

Il presidente filippino fortemente preoccupato

Il presidente filippino, Bongbong Marcos,  afferma che la Cina mostra interesse per gli atolli del Mar Cinese Meridionale che si trovano vicino alle Filippine, e questo allarma Manila, che non intende rimanere a guardare. Le navi da pesca cinesi sono parte della “Milizia marittima”, bastimenti apparentemente civili, ma che obbediscono alle indicazioni del governo e che possono essere utilizzati anche per scopi militari.

Pechino rivendica la maggior parte del Mar Cinese Meridionale, comprese le acque e le isole vicine alle coste dei suoi vicini, e ha ignorato la decisione di un tribunale internazionale secondo cui la sua affermazione non ha base legale. Per questo ha costruito basi negli atolli e dispiega le proprie forze navali nell’area.

Anche Filippine, Brunei, Malesia, Taiwan e Vietnam hanno rivendicato varie isole e barriere coralline nel mare, che si ritiene abbia ricche riserve di petrolio nelle profondità delle sue acque.
Domenica la guardia costiera ha diffuso immagini che mostrano navi cinesi allineate in formazione mentre altre sono sparse nelle acque.

Nel 2021, un incidente simile che ha coinvolto più di 200 navi cinesi presso la barriera corallina ha scatenato una disputa diplomatica tra Manila e Pechino.
Le Filippine tracceranno le navi cinesi nel Mar Cinese Meridionale con una nuova stazione
1 dicembre 2023 All’epoca, Manila insisteva che la loro incursione nella zona economica esclusiva delle Filippine fosse illegale, ma la Cina ha insistito sul fatto che si trattava semplicemente di pescherecci che si riparavano dalle intemperie.

Le Filippine hanno annunciato venerdì che stanno istituendo una stazione di guardia costiera sulla più grande isola del Mar Cinese Meridionale per migliorare il monitoraggio delle navi cinesi.
La stazione della guardia costiera sarà dotata di “sistemi avanzati”, tra cui radar, comunicazione satellitare, telecamere costiere e gestione del traffico navale, ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale Eduardo Ano durante una visita all’isola di Thitu.
La stazione è stata costruita e dovrebbe essere operativa all’inizio del prossimo anno.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


2 Commenti

2 Comments

  1. Pingback: Le Filippine intendono difendere con ogni mezzo le proprie acque dalla Cina

  2. Pingback: Estremo Oriente: le crisi che rischiano di scaldare il 2024

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un commento