Euro crisis posted by

L’Euro è una Valuta da Super Potenza per un’Europa in Declino

Guest post di Stefano Bassi de Il Grande Bluff

 

L’EURO E’ UNA VALUTA DA SUPER POTENZA PER UN’EUROPA IN DECLINO

LA PEGGIORE DELLE DISGRAZIE POSSIBILI(PRITCHARD)

La valuta da super-potenza, l’euro, è una vera disgrazia. Fate attenzione a ciò che desiderate.
I padri fondatori dell’euro sognavano una moneta da superpotenza che avrebbe potuto tener testa al dollaro, liberando l’Europa dall’egemonia monetaria degli Stati Uniti.
Charles de Gaulle si lamentava del “privilegio esorbitante” dell’America in quanto titolare della valuta di riserva mondiale, in grado di cavarsela sempre nelle crisi dell’economia.
Ora ce l’hanno anche loro, solo per scoprire che si tratta di una maledizione.

La banca centrale cinese sta comprando euro a piene mani in quanto accumula un record mondiale di 3.700 miliardi di dollari di riserve estere, e le sue motivazioni non sono del tutto amichevoli.
 Così le banche centrali di Russia, Brasile e degli emirati del petrolio del Medio Oriente, che puntano tutte a ridurre la dipendenza dal dollaro statunitense, detengono parte dei 9.000 miliardi di dollari di riserve accumulate che si sono riversate sull’euro con la forza di una marea.

Nel caso della Cina, il governo sta deliberatamente spingendo per una svalutazione dello yuan al fine di conquistare quote di esportazione. Si potrebbe dire che la Cina sta esportando il suo eccesso di capacità produttiva in Europa, o per parlare chiaro sta esportando disoccupazione.

Questo è uno dei motivi per cui l’euro è stato per tanto tempo troppo forte contro i suoi stessi interessi.
E’ salito di un ulteriore 9% nei confronti del dollaro, prima di toccare i massimi di questa settimana.
In un anno è aumentato del 30% verso lo yen giapponese.
Si tratta di una situazione assurda per un’unione monetaria che lotta per uscire dalla recessione, gravemente in ritardo sul resto del mondo.
Prospettive deboli di solito significano una debolezza della valuta, ma nei meccanismi dell’unione monetaria europea non c’è niente di normale.

Il tasso di cambio dell’euro è troppo alto per i due terzi degli Stati membri che lo utilizzano, e rovinosamente alto per un terzo di loro. Sta spingendo le economie in crisi dell’Europa in una deflazione in stile anni ’30, rendendo quasi impossibile per l’Italia, la Spagna e il Portogallo tirarsi fuori dalla trappola del debito.
 Ecco una delle ragioni per cui la disoccupazione continua ad aumentare, a un massimo storico del 12.2% nel mese di settembre – 26.6% in Spagna e più del 22% in Italia se si calcola in maniera corretta.

Si noti che durante la crisi Lehman la disoccupazione negli USA e nell’Eurozona era a livelli simili.
Le due sponde dell’Atlantico hanno avuto lo stesso shock creditizio nel 2008-2009, eppure le conseguenze ci raccontano due destini diversi.
Gli americani hanno stampato denaro a oltranza e il tasso di disoccupazione è sceso costantemente fino al 7.2%.
Gli Europei lasciano la moneta atrofizzata, e ancora ne stanno pagando il prezzo.
E questo è il potere dello stimolo della banca centrale in una situazione difficile.

L’inflazione dell’area euro nel mese di ottobre è scesa allo 0.7%.
Una volta applicate le imposte dell’austerità, negli ultimi quattro mesi i prezzi sono diminuiti in dieci dei 17 stati della zona Euro, tra cui Italia, Francia e Spagna. Sono a un passo dalla deflazione conclamata.

Il ministro dell’industria francese Arnaud Montebourg chiede perché l’Europa stia permettendo questa asfissia dell’euro, sola nel rifiutarsi di proteggere le sue imprese, mentre i concorrenti mettono una marcia in più.
La Federal Reserve e la Banca d’Inghilterra hanno deprezzato le loro valute stampando moneta.
La Banca del Giappone ha fatto un putsch nel senso della svalutazione, e giustamente.
Gli svizzeri li hanno battuti tutti, stampando a oltranza per impedire la rivalutazione del franco.
“Ogni rivalutazione del 10% dell’euro costa alla Francia 150.000 posti di lavoro”, ha detto Montebourg .
La Gran Bretagna, gli Stati Uniti, il Giappone, tutti hanno una strategia di stimolo monetario, ma in Europa non abbiamo nulla se non una moneta forte e dei bilanci severi. La moneta non appartiene ai banchieri, e non appartiene alla Germania, appartiene a tutti i membri della zona euro, e su questo abbiamo qualcosa da dire “.

Invocare l’articolo 219 del trattato di Lisbona che dà ai ministri UEM l’ultima parola sul tasso di cambio, un potere che permette loro di dettare la politica monetaria dalla porta secondaria, a condizione che la Commissione gli serva la palla, corrisponde a una minaccia?

Uno studio di Deutsche Bank ha detto che la “soglia del dolore” dell’euro per la Germania è a 1,79 verso il dollaro. A 1,24 dollari per la Francia ed a 1,17 dollari per l’Italia, una differenza sconcertante. 
L’euro ha chiuso la settimana scorsa a $ 1,36. 
Questo significa che la Germania sta discretamente bene, ed è Berlino che domina la macchina politica.
Non ne ha sofferto troppo , anche se, come si può vedere nella tabella, non ha fatto poi così bene.
La sua produzione industriale è ancora inferiore al picco del 2008.

Nel frattempo l’Italia sta urlando di dolore, con la produzione industriale sotto ai massimi di ben il 26%, un calo molto più grande che durante la Grande Depressione
Nel mese di settembre (2013) ero in una riunione con un gruppo di imprenditori italiani sul Lago di Como, quando il commissario Ue italiano Antonio Tajani ha dato l’allarme su “un massacro industriale sistemico” e ha chiesto un intervento immediato per deprezzare l’euro. La sala è esplosa in un applauso.

La spaccatura Nord-Sud ha molte cause, inutile dirlo. La Germania vende macchine ad alta tecnologia e auto di prestigio con un buon margine di guadagno. I prodotti tedeschi non sono sensibili al prezzo.
Il Sud Europa compete a un livello più basso della catena, spesso in mercati di massa, contro la Cina, la Turchia o la Polonia.

Ma è anche perché la Germania ha schiacciato i salari nei primi anni dell’UEM – quando il mondo era in piena espansione, e una tale impresa era possibile – guadagnando un 25% di competitività sul costo del lavoro contro il Club Med.
Sì, la Germania ha effettuato le sue famose riforme del lavoro Hartz IV.
I guadagni sono stati in gran parte il risultato di una “svalutazione interna” all’interno dell’euro.
Quali che fossero le intenzioni originali, è stata di fatto una politica di beggar-thy-neighbor protratta nel tempo.

Come è successo è ormai una vecchia storia. Ma le conseguenze sono ancora molto vive e tossiche, così tossiche che Francois Heisbourg, capo francese dell’International Institute for Strategic Studies, chiede che l’euro sia “messo a riposo”, al fine di salvare il progetto europeo.
Dobbiamo affrontare la realtà che la stessa Unione europea ora è minacciata dall’euro“, ha detto.

A mio avviso, la BCE sta violando i trattati. Dovrebbe essere portata davanti alla Corte europea.
I suoi governatori dovrebbero essere chiamati a rendere conto al Parlamento europeo.
Se il Parlamento europeo non ce la fa ad affrontare la più grande e più urgente sfida che si sia mai trovato davanti sin dalla sua creazione nel 1979, allora tanto vale far saltare con la dinamite l’emiciclo di Strasburgo e sostituirlo con un monumento ai milioni di vite degradate dell’Europa mediterranea.

1 Comment

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog