attualita' posted by

Washington Times – vicino a Trump – lancia campagna durissima contro il miliardario George Soros

Quello che in molti si attendevano è iniziato. Lo scontro inevitabile tra due miliardari: uno sceso in politica con lo slogan “America first” e “Make America Great Again” e un programma decisamente sovranista, l’altro uso a manovrare i politici come marionette per promuovere ovunque la sua agenda liberal, globalista e no-border. Il quotidiano Washington Times ha lanciato una serie di articoli durissimi contro George Soros, da molti considerato un filantropo e da molti altri un affarista che usa la sua fortuna per destabilizzare paesi interi e speculare su titoli e valute. Soros, che appoggia ovunque i politici cosiddetti progressisti dai Clinton in giù e non esita a promuovere organizzazioni di supporto all’immigrazione, ha da subito cercato di contrastare l’azione di Trump in ogni modo possibile. E l’articolo del Washington Times non può non avere un placet dall’alto.

In molti si chiedono perché Soros, lo speculatore senza scrupoli che a suo stesso dire non ha nessuna compassione per i cittadini dei paesi vittime dei suoi raid, spenda miliardi per ONG e iniziative “filantropiche” e politiche, gender o pro-islam.

L’articolo del Washington Times cerca di spiegarlo. Il nostro commento: si scontrano due visioni opposte del capitalismo: l’immobiliarista che cerca stabilità e domanda interna e lo speculatore globale che trae profitto dalla destabilizzazione di intere nazioni. Semplice, no?

https://www.washingtontimes.com/news/2018/feb/4/george-soros-funds-movements-disrupt-communities/

 

Qui la traduzione.

 

“Com’è che proteste altamente organizzate contro il presidente Trump continuano a spuntare in tutto il paese?

Seguite i soldi.

Perché la definizione tradizionale di matrimonio è stata improvvisamente scartata dopo anni in cui i cittadini hanno votato perché venisse preservata?

Seguite i soldi.

Come mai gli immigrati clandestini si organizzano così in fretta e giovani elettori sono riuniti inello spazio di una notte per chiedere l’apertura delle frontiere? Da dove viene la saturazione dell’ideologia transgender e pansessuale? Com’è possibile che Black Lives Matter sembra essere ovunque? O che la richiesta di legalizzazione degli spinelli stia investendo la nazione? O che esiste un movimento internazionale per la globalizzazione che appare simultaneamente in paesi di tutto il mondo?

Segui i soldi – i soldi di George Soros attraverso la sua Open Society Foundation.

In questa lunga stagione di tensione culturale e politica, gli americani hanno bisogno di conoscere la verità sulla fonte dei conflitti, sul perché le comunità e la nostra nazione vengono fatte a pezzi.

La Open Society Foundation di Mr. Soros è impegnata in USA e all’estero in un tentativo ben finanziato di spogliare l’America e le altre nazioni della nostra sovranità e di renderci ostaggio di un governo sovranazionale.

Soros finanzia così tanti di questi sforzi odiosi, dirompenti (anche violenti) qui in patria e all’estero che è difficile tenere traccia.

Ma, alla fine, un gruppo ad hoc di americani pro-libertà sta facendo proprio questo.

Per un elenco aggiornato di tutte le organizzazioni che George Soros ha iniziato o sta finanziando, visitate DiscoverTheNetworks.org. Vi farà star male vedere come tutti questi gruppi sono collegati.

Tuttavia, quella sensazione malata e disgustata dovrebbe rapidamente trasformarsi in sollievo nel sapere che la situazione non nasce da un odio tra persone. Si tratta di un uomo e dei suoi amici che pagano persone in gran parte disoccupate per causare problemi.

La ricerca mostra che il miliardario Soros sta spendendo milioni per finanziare un’enorme industria di risentimento e anarchia che finge di essere una protesta della giustizia di base.

Puoi vedere gli sforzi di reclutamento in uno dei portali di assunzione OrganizersForAmerica.org, dove, ad esempio, i ragazzi universitari vulnerabili che hanno bisogno di denaro extra possono guadagnare denaro creando eventi dirompenti per nuovi gruppi come BadAssWomen e Green Corps e l’ACLU. Altre “opportunità” consistono nel ricevere soldi per uno stage e partecipare a proteste in vari stati per richiedere un salario minimo obbligatorio o semplicemente per disturbare il signor Trump nel tentativo di delegittimarlo.

Basta dare un’occhiata all’IRS 990 di Mr. Soros (della sua Open Society Foundation da $ 20 miliardi), e si può vedere la portata degli sforzi di finanziamento per sconfiggere tutto, dal sistema del libero mercato alla struttura della famiglia nucleare senza tempo.

Perché distruggere l’unità della famiglia, chiedi? Perché il signor Soros sa che la famiglia nucleare è stata la base su cui ogni singola società civile stabile è stata costruita dall’inizio del tempo. È per questo che l’ideologia marxista ha anche cercato la scomparsa delle famiglie composte da una mamma e un papà.

L’elenco di progetti pacchiani, destabilizzanti e disumanizzanti finanziati dal signor Soros va avanti e avanti: legalizzazione delle droghe, leggi che consentono “all’industria del lavoro sessuale”, pansessualità, aborto e politiche di identità di genere. Inoltre, i gruppi Black Lives Matter in tutto il paese e i gruppi chiamati Resist, DisruptJ20 Indivisible e Women’s March – sono tutti progettati per indebolire le politiche di Donald Trump e pro-libertà.

Poi ci sono i “preti in affitto” in varie chiese che vengono pagati per difendere cause “progressiste” anticristiane.

E le élites nei media e negli spettacoli sono fin troppo felici di propagandare il piccolo circo della sinistra come se fosse la vera vita delle nostre nazioni.

Perfino Fox News consente regolarmente agli ospiti di organizzazioni supportate da Soros come Center for American Progress, La Raza, National Immigration Forum, Sojourners, Faith in Public Life, ACLU e altro di apparire nei suoi spettacoli senza mai informare che George Soros sostiene tutti costoro.

Complimenti a conduttori come Sean Hannity, Tucker Carlson e Laura Ingraham, che combattono ogni giorno contro la sinistra. Fox ha bisogno di iniziare a identificare, in ogni singola intervista, chi lega tutti questi gruppi con una solida catena monetaria.

Qual è il loro obiettivo finale di tutte le interruzioni? Si tratta di potere. E l’America e le persone che amano la libertà in tutto il mondo stanno subendo le conseguenze.

Grazie a Dio c’è una crescente consapevolezza e le persone cominciano a far luce sulla follia.

Uno dei leader preoccupati è Kelly Monroe Kullberg, co-autore ed editore del libro “Finding God at Harvard” e un leader della nuova coalizione, l’American Association of Evangelicals (vedi la ricerca lì). Nel 2016, la signora Kullberg e oltre 100 leader cristiani tra cui Alveda King, Eric Metaxas e George Barna hanno chiesto agli americani di prendere in considerazione il finanziamento di gruppi radicali e “affittati” evangelici e cattolici.

La signora Kullberg riassume il chiaro appello per tutti noi: “Poiché i miliardari progressisti indeboliscono le culture e le nazioni sovrane e storicamente cristiane, il loro potere globale cresce. Questo è regresso, non progresso. È ingiusto e senza amore. Il declino dell’America e dell’Europa non è inevitabile; è stato comperato. E milioni soffrono”


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog