attualita' posted by

Washington blocca importazioni dallo Xinjiang per il lavoro forzato

Gli Stati Uniti oggi si muovono per bloccare le importazioni di cotone e prodotti a base di pomodoro dalla regione dello Xinjiang, nella Cina occidentale, con l’accusa di essere prodotti con lo sfruttamento del lavoro forzato.  I “Withhold Release Orders” consentono alla Dogana USA (CBP, Custom Board Protection) di trattenere le spedizioni sulla base del sospetto di coinvolgimento nel lavoro forzato ai sensi delle leggi statunitensi  volte a combattere la tratta di esseri umani, il lavoro minorile e altre violazioni dei diritti umani.

L’amministrazione Trump sta aumentando la pressione sulla Cina per il trattamento riservato ai musulmani uiguri dello Xinjiang. Le Nazioni Unite hanno affermato di avere rapporti credibili secondo cui 1 milione di musulmani sono stati detenuti nei campi della regione, dove vengono messi al lavoro.

l commissario esecutivo del CBP, Brenda Smith, ha detto a Reuters che i divieti di importazione effettivi si applicheranno a tutte le catene di approvvigionamento che coinvolgono cotone, compresi filati di cotone, tessuti e abbigliamento, nonché pomodori, concentrato di pomodoro e altri prodotti esportati dalla regione.

Abbiamo prove ragionevoli ma non conclusive che vi sia il rischio di lavoro forzato nelle catene di approvvigionamento legate ai tessuti di cotone e ai pomodori che escono dallo Xinjiang”, ha detto la signora Smith. “Continueremo a lavorare le nostre indagini per colmare queste lacune”. La legge degli Stati Uniti impone all’agenzia di trattenere le spedizioni in caso di accusa di lavoro forzato, ad esempio da parte di organizzazioni non governative, ha affermato.

I divieti potrebbero avere effetti di vasta portata per i rivenditori e i produttori di abbigliamento statunitensi, nonché per i produttori di alimenti. La Cina produce circa il 20% del cotone mondiale e la maggior parte proviene dallo Xinjiang. La Cina è anche il più grande importatore mondiale di cotone, anche dagli Stati Uniti.

A marzo, i legislatori statunitensi hanno proposto una legislazione che presumerebbe effettivamente che tutti i beni prodotti nello Xinjiang siano realizzati con lavoro forzato e richiederebbe la certificazione che non lo sono.

A luglio, Washington ha emesso un avviso dicendo che le aziende che fanno affari nello Xinjiang o con entità che utilizzano manodopera nello Xinjiang potrebbero essere esposte a “rischi reputazionali, economici e legali”.

Il Dipartimento di Stato ha anche affermato di aver inviato una lettera alle principali aziende americane, tra cui Walmart, Apple e Amazon.com, avvertendole sui rischi affrontati dal mantenimento delle catene di approvvigionamento associate alle violazioni dei diritti umani nella regione dello Xinjiang.

In un annuncio visto da Reuters, il CBP ha affermato di aver identificato indicatori di lavoro forzato che coinvolgono le filiere del cotone, dei tessili e del pomodoro “tra cui schiavitù per debiti, movimento non libero, isolamento, intimidazioni e minacce, ritenzione dei salari e condizioni di vita e di lavoro abusive“. L’agenzia sta anche bloccando il cotone prodotto dal Xinjiang Production and Construction Corps e l’abbigliamento prodotto da Yili Zhuowan Garment Manufacturing e Baoding LYSZD Trade and Business. Dice che queste entità usano il lavoro carcerario dei campi di internamento di “rieducazione” amministrati dal governo cinese.

Spesso in Europa si parla di tutela dei diritti delle minoranze in Cina,   ma poi, veramente, cosa si fa dal punto di vista dei controlli dell’Import Export? Che cosa si sa delle merci che sbarcano a Rotterdam ed Amburgo, porti nordici dai controlli molto, ma molto , laschi,  e che poi invadono a basso costo l’Europa? Questa sarebbe una bella domanda da fare in Europa, ma anche a molti brand nordici di moda che si forniscono sui mercati estremo orientali di straccetti a quattro soldi. 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal