attualita' posted by

Veramente i morti di Covid in Cina sono stati 170 volte quelli dichiarati?

 

Secondo un analista il governo cinese ha sottovalutato il tasso di mortalità per COVID-19 fino al 17.000 percento in una campagna sistematica di soppressione dei dati per sostenere la sua immagine politica, secondo un analista statunitense. Il 17000 percento è pari a 170 volte…

Ciò porterebbe il numero di morti per COVID-19 in Cina a circa 1,7 milioni anziché 4.636, la cifra cumulativa di due anni che le autorità cinesi hanno mantenuto sui libri contabili. È 366 volte la cifra ufficiale.

Questi calcoli sono stati fatti da  George Calhoun, direttore del programma di finanza quantitativa presso lo Stevens Institute of Technology, e si basano sui dati di gennaio generati da un modello sviluppato da The Economist.

La stragrande maggioranza dei decessi registrati ufficialmente in Cina è arrivata da Wuhan durante i primi tre mesi della pandemia, con solo altre centinaia segnalate nel resto del paese.

Il regime cinese ha riportato solo due ulteriori decessi dal 1 aprile 2020, classificando la Cina come il paese con il tasso di mortalità COVID-19 più basso al mondo, di cui Zhong Nanshan, l’epidemiologo cinese che supervisiona la risposta alle epidemie in Cina, si è vantato solo la scorsa settimana. “Questo è impossibile, statisticamente impossibile, impossibile dal punto di vista medico” Ha detto il Professor Calhoun a NTD.

Effettivamente zero morti in una nazione che , da sola, conta più di un ottavo della popolazione mondiale è un dato molto, molto

“Ricordiamo che, nel 2020 non c’era vaccino, non c’era trattamento“, ha detto. “Quindi c’era una popolazione non protetta che ha mostrato zero morti per COVID, anche se hanno avuto decine di migliaia di casi“.

Curando i registri pubblici e i rapporti di ricerca precedenti e analizzando il modo in cui il regime ha messo a tacere gli scandali in passato, Calhoun è giunto a una conclusione che gli sembra ovvia: la Cina ha fatto della sua politica “zero-COVID” un obiettivo politico e sta sistematicamente falsificando dati per sostenere il reclamo.

Qualcuno ha pubblicato un messaggio alla fine del primo trimestre e del 2020 e ha detto: ‘Va bene, vogliamo vedere zero COVID. Questa è la nostra politica.’ Ed è diventato zero-COVID“, ha affermato il ricercatore.

Anomalie
La prima “pistola fumante” è un improvviso calo delle morti per COVID-19 dall’aprile 2020 dalla Cina continentale dopo un tasso di infezione “furioso”, ha detto Calhoun.

Dal 1 aprile 2020 all’8 gennaio 2022, sono stati segnalati oltre 22.102 casi nella Cina continentale, secondo i dati del Johns Hopkins Coronavirus Resource Center. Nello stesso periodo sono stati registrati solo due decessi.

In confronto, Hong Kong, che ha contato circa la metà delle infezioni da COVID-19 nel periodo, ha riportato 213 decessi.

Il tasso di mortalità (la percentuale di persone infette che sono morte) a Wuhan durante i primi tre mesi della pandemia è stata in media di circa il 7,7%, più di cinque volte quella degli Stati Uniti e quattro volte la media mondiale.


Tasso di mortalità dei casi a Wuhan rispetto ad altre parti del mondo. (Per gentile concessione di George Calhoun)
Sono possibili due scenari: o il virus era “molto più letale all’inizio del 2020 a Wuhan che altrove, in qualsiasi altro momento”, o in alternativa, i numeri ufficiali di infezione dalla Cina erano troppo piccoli di un fattore tre o quattro, ha affermato Calhoun .

Nei 20 mesi successivi, c’è stata una consistente mancanza di dati COVID-19 dalla Cina. A partire da settembre, la Cina è diventata l’unico paese al mondo che non ha fornito dati completi sull’eccesso di mortalità: morti inspiegabili oltre le normali tendenze che possono offrire una stima approssimativa delle morti per COVID non contate, mostra un sondaggio dell’Università di Washington.

Il modello dell’Economist cerca di colmare questa lacuna di dati. Sulla base del modello, Calhoun ha affermato che l’eccesso di mortalità in Cina è diminuito di circa il 17.000%. Questa discrepanza, ha aggiunto, supera quelle anche dei paesi coinvolti in disordini civili su larga scala, come Libia, Iraq, Afghanistan e Venezuela, che hanno sottostimato il tasso di mortalità COVID-19 fino al 1.100%.

Quindi secondo questo modello i morti in Cina solo stati 170 volte quelli dichiarati. Ora magari non sarà così, ma quasi sicuramente non sono stati solo due. Interessante, al contrario, che i paesi europei abbiano avuto un numero di morti approssimativamente pari quelli effettivi, se non addirittura superiori…

Sarà vero ?

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal