Seguici su

Analisi e studi

USA: crolla il numero di case vendute. Siamo ai minimi da 13 anni

Pubblicato

il

I tassi di interesse fanno sentire il loro effetto sul mercato immobiliare americano, oltre che sul mercato dei titoli.

Le vendite di case precedentemente possedute negli Stati Uniti sono diminuite del 2% rispetto al mese precedente a un tasso annualizzato destagionalizzato di 3,96 milioni di unità nel settembre 2023, il più basso da ottobre 2010.

Tuttavia, il risultato è stato leggermente superiore alle aspettative del mercato di 3,89 milioni di unità. Il calo è stato coerente con altri comunicati del periodo, poiché l’impennata dei tassi ipotecari non solo continua a scoraggiare gli acquirenti della prima casa, ma impedisce anche ai proprietari di casa di vendere immobili vincolati a tassi ipotecari più bassi.

Le vendite di case unifamiliari sono diminuite dell’1,9% a 3,53 milioni, mentre le vendite delle cooperative sono diminuite del 2,3% a 430.000 unità.

Nel frattempo, i prezzi medi di vendita delle case esistenti sono aumentati del 2,8% su base annua arrivando a 394.300 dollari, ma meno della svalutazione, per cui i valori reali sono calati. Nonostante l’impennata dei prezzi, l’inventario totale delle abitazioni alla fine del mese è aumentato del 2,7% a 1,13 milioni, equivalente a un’offerta di 3,4 mesi al ritmo attuale delle vendite.

Ecco il relativo grafico

Come si vede mai negli ultimi 10 anni, neanche durante i periodi più bui del covid-19, il numero di case non nuove vendute è stato cos basso. La relazione inversa con i tassi di interesse sui mutui è evidete

I tassi di interesse alti si stanno facendo sentire sulle transazioni e sui prezzi degli immobili, che non riescono a seguire l’inflazione e mostrano quindi un calo nel valore reale degli stessi.

Da un lato quindi le case diventano più convenienti, ma dall’altro lato chi ha un mutuo in corso rischia di trovarsi in grande difficoltà, sia per gli interessi sia per il calo nel valore reale immobiliare.

 

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


E tu cosa ne pensi?

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un commento