attualita' posted by

Un inverno di scontento e paura rischia di colpire il Regno Unito

 

Nel Regno Unito alti costi energetici e carenze di personale nei trasporti e nelle catene logistiche rischiano di far saltare nervi ed economia. Il giorno dopo che il gigante petrolifero BP ha messo in guardia su un possibile razionamento dei carburanti nelle stazioni di servizio del Regno Unito, il panico e l’accaparramento sono scoppiati fra i cittadini britannici, nonostante gli sforzi del governo per tranquillizzare la popolazione.

Si sono formate lunghe linee di auto e mezzi commerciali alle stazioni di servizio del paese. Un portavoce della BP ha detto giovedì che la scarsità di camionisti sta causando problemi nella consegna del carburante dalle raffinerie alle stazioni di servizio. Queste parole hanno spaventato il pubblico ed hanno fatto partire l’accaparramento, con il rischio di far finire effettivamente il carburante..

Le scene delle lunghe file alle stazioni di servizio riportano alla memoria la crisi petrolifera dell’Opec del 1973, la carenza di carburante del 2000 e le interruzioni della pandemia di virus tra i timori che il paese si stia tuffando a capofitto in un “inverno di malcontento”, come succedeva negli anni settanta, con manifestazioni alternate a carenze improvvise dei prodotti petroliferi.

Venerdì pomeriggio, il segretario ai trasporti Grant Shapps ha detto ai britannici su Sky News che non c’era carenza di carburante e che “tutti potevano continuare a vivere normalmente”. Le sue parole rassicuranti non sono state sufficienti per fermare il panico dell’acquisto che sta proseguendo durante questo weekend.

tutto questo non fa che peggiorare la crisi legata all’esplosione dei prezzi del gas naturale, che ha già colpito il Regno Unito portando all’aumento delle bollette e alla chiusura di alcune attività industriali.

Il Daily Mail fornisce un elenco di problemi che minacciano un inverno di malcontento:

1. Una carenza di gas naturale che causa un picco nelle bollette del gas per milioni di britannici, insieme alla possibilità che dozzine di piccole aziende energetiche falliscano;

2. Tuttavia, dicono i ministri, ‘si tratta di spegnere le luci, di persone che non sono in grado di riscaldare le proprie case. Non ci sarà una settimana lavorativa di tre giorni, né un ritorno agli anni ’70’ Come se lasciare le persone al freddo non fosse un problema sufficiente…;

3. Una carenza di gas naturale sta portando alla chiusura degli impianti di fertilizzanti, che producono la CO2 utilizzata nelle bevande gassate e nell’industria della carne;

4. Per evitarlo, il governo ha concordato un accordo con le aziende di fertilizzanti per riavviare una fabbrica nel tentativo di mantenere la produzione di CO2;

5. La carenza di camionisti  sta paralizzando l’industria dei trasporti del Regno Unito, lasciando a scaffali vuoti e tempi di consegna lenti. Questa è una conseguenza della Brexit che ha tolto di mezzo i camionisti a basso prezzo dell’est Europa;

6. Questa carenza nei trasporti potrebbe impattare sulle consegne di alimenti nel periodo natalizio;

7. inoltre la frammentazione nella distribuzione delle stazioni di servizio viene a condurre a problemi di consegna dei carburanti, data la scarsità di trasportatori;

8. La Banca d’Inghilterra ha avvertito giovedì che l’aumento delle bollette energetiche delle famiglie farebbe salire il costo della vita di oltre il 4% quest’inverno, il tasso di crescita più alto da un decennio

Quindi c’è il rischio che le famiglie britanniche abbiano, quest’anno un Natale piuttosto triste. Eppure la soluzione sarebbe semplice: assumere qualche decina di migliaia di camionisti europei, almeno a termine, mentre si avviano al lavoro un numero adeguato di britannici con paghe adeguate. Purtroppo il governo non aveva pensato che la Brexit avrebbe potuto causare questo tipo di problemi.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal