attualita' posted by

Tensione Cina -India di nuovo alle stelle, e Pechino mostra video dei prigionieri indiani

 

Ci risiamo: dopo il fallimento dei colloqui di pace fra Cina e India sul problema dei confini himalayani fra i due stati, è ricominciato sia il gico delle accuse sia le provocazioni.

Pechino, nel giorno della festa dell’esercito, ha diffuso delle immagini degli scontri nella valle  di Galwan del 2020, nelle quali si vedono prigionieri indiani umiliati e portati via bendati verso la prigionia.

Gli scontri portarono alla morte di decine di soldati indiani e cinesi, alcuni negli scontri, altri cadendo del fiume gelato, e portarono al culmine della tensione fra i due paesi. Ecco una mappa della situazione:

Pechino ha incolpato del fallimento delle trattative Nuova Delhi, affermando che le sue richieste erano eccessive e irragionevoli. L’India però vuole opporsi a ogni costo all’espansionismo cinese nell’area, contesa anche con il Pakistan, e sta ammassando, nel limite del possibile, una certa forza militare anche sul proprio lato del confine. Il problema è che la Cina ha fortemente migliorato le proprie infrastrutture militari sul proprio lato del confine, con la costruzione di strade ampie che facilitano i collegamenti in un’area fortemente disagiata e oltre i 5000 metri di altezza. L’India fa di questo confronto una questione di orgoglio nazionale, nonostante il proprio esercito non sia all’altezza di uno scontro diretto con Pechino. C’è solo da sperare che non si giunga ad un confronto militare esplicito, tutt’altro che da scartare.

 

 

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal