attualita' posted by

Tasse ed obbligo del contante ci distruggeranno. La dimostrazione di Valerio Malvezzi sugli errori enormi della politica governativa

La situazione economica attuale, dove il Covid-19 non ha fatto altro che peggiorare una situazione di crisi e di ciclo economico negativo già in corso. Eppure il  governo è preoccupato solo della riduzione del debito  e del rapido rientro, entro il 2023, nei parametri di bilancio europei. Si tratta della strada giusta oppure è solo una via verso la povertà ed il fallimento? Ci illustra la situazione Valerio Malvezzi che spiega come l’abolizione del denaro contante e l’aumento delle tasse, due tra le misure verso le quali l’esecutivo sembra essere indirizzato, sono esattamente ciò che non deve essere fatto.

Il perché lo ha illustrato attraverso uno schema di 5 punti in questo intervento andato in diretta a ‘Un giorno speciale’. Ecco cosa ha detto a Francesco Vergovich e Fabio Duranti. “Ho definito quello che dirò in questi punti ‘pillole di eresia economica’, perché quello che dirò è diverso da quello che la gente comune crede.

L’Italia è davvero un paese spendaccione? Nel bilancio primario cumulato delle amministrazioni pubbliche noi siamo i primi tra tutti quelli europei, in particolare in confronto a Germania, Spagna e Francia. Ma vi dirò di più: al mondo! Dovunque vado la gente è convinta che siamo in perdita, invece abbiamo accumulato 800 miliardi di utile nell’arco di circa 25 anni. Vuol dire che noi abbiamo avuto tasse più alte della spesa pubblica. E questo lo dice la fonte del dato che è la CommissioneEuropea.

L’Italia ha davvero il peggior rapporto deficit/Pil europeo? Noi siamo i più bravi! Negli ultimi 10 anni abbiamo avuto il 3% di rapporto deficit/Pil, ma a confronto con i paesi mediterranei noi abbiamo meno della metà di ciò che spendono gli altri.

L’Italia è davvero il paese dove si evade più di altrove? A livello mondiale noi abbiamo la pressione fiscale decisamente più alta della media e in continua crescita.

Davvero paghiamo meno tasse degli altri? Abbiamo una pressione fiscale del 25% più alta della media, questo vuol dire avere una competitività parziale. Immaginate di avere il cuore che funziona un quarto in meno degli altri e dovete fare una corsa: è chiaro che perdete! Oltretutto questa è la pressione fiscale media che tiene conto di tutte le imprese, ma se noi teniamo conto delle piccole e micro imprese la pressione fiscale reale è superiore abbondantemente al 60%, per cui ulteriori 20 punti in più.

Quanto sta pesando il covid nel mondo? Vi rendete conto di quanto sta pesando dal punto di vista economico chiudere tutto? A livello mondiale noi abbiamo una perdita di -4% del Pil. Un dato mostruoso. A livello di euro-area noi abbiamo un dato che è il doppio della media mondiale: il -8%. Se poi andiamo a vedere a livello euro qual è il paese peggiore scopriamo che siamo noi italiani. Noi abbiamo una distruzione del Pil reale italiano che è il peggiore del mondo perché secondo queste stime ci attestiamo al 10%. Io lo dicevo intorno a marzo-aprile e speravo di sbagliarmi, ma era impossibile che le cose andassero meglio. In conclusione: con questi dati fare la lotta al contante e alzare le tasse è da folli o incompetenti”.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito