attualita' posted by

Strage di Buolder: ennesimo flop della FBI

 

Sono state sollevate domande sul ruolo dell’FBI nel monitoraggio del sospetto uomo armato che ha ucciso 10 persone a Boulder, in Colorado, questa settimana, tra i rapporti che era nel mirino del Bureau fedeerale.
Ahmad Alissa, un uomo di 21 anni di Denver che è andato su tutte le furie in un negozio di alimentari King Soopers a Boulder lunedì sera, è stato accusato di 10 capi di omicidio di primo grado.

La sparatoria di massa ha provocato proteste, comprese richieste per un rigoroso controllo delle armi e per un giro di vite contro i “suprematisti bianchi” , peccato che il sospetto killer sia nato in Siria ed un americano piuttosto recente. Un grande boomerang per gli “Anti Suprematisti”.

Tuttavia, la rabbia tra il pubblico e i commentatori è cresciuta ancora di più a seguito di un rapporto del New York Times che affermava che Alissa era nota ai funzionari dell’intelligence a causa dei suoi legami con un altro individuo sotto inchiesta da parte dell’FBI.

Ciò ha spinto alcuni esperti a sostenere che la sparatoria a Boulder ha segnato l’ultimo fallimento dell’FBI nel prevenire attacchi terroristici sul suolo statunitense, evidenziando precedenti massacri, come la sparatoria a Las Vegas nel 2017 e gli attentati della maratona di Boston nel 2013.

 

Il commentatore conservatore Jack Posobiec ha suggerito che l’FBI – sotto il suo attuale capo Christopher Wray – non ha dato la priorità all’individuazione di quegli attacchi di pianificazione.

Ha accusato i funzionari dell’intelligence di non essere riusciti a individuare un potenziale complotto di Alissa, nonostante il presunto tiratore abbia utilizzato metodi “basici” per evitare la sorveglianza, come il software Tor e le VPN commerciali.

Sulla sua pagina Facebook, ora cancellata, Alissa avrebbe scritto post in cui criticava la politica di immigrazione dell’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Ha anche detto che i musulmani uccisi nella sparatoria alla moschea di Christchurch del 2019 in Nuova Zelanda sono stati vittime di “islamofobia”.

Alcuni critici dell’FBI hanno sottolineato il fatto che la sparatoria a Boulder è avvenuta mentre il Bureau era impegnato a cercare “estremisti di destra” come il gruppo cospirazionista QAnon sulla scia delle rivolte del Campidoglio degli Stati Uniti del 6 gennaio.

Dopo la sparatoria a Boulder, il presidente Joe Biden ha rinnovato i suoi appelli a vietare le armi d’assalto e ha invitato il Congresso a sostenere le fatture che impediscono alle persone di eludere i controlli sui precedenti quando acquistano armi da fuoco. Peccato si sia dimenticato di dire che stesse usando quelle armi.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal