attualita' posted by

Scarafaggi nel caffé: l’attacco cinese a Starbucks

Ora vi spieghiamo perché il marketing social in Cina è una cosa pericolosissima. Un caffè Starbucks nella città meridionale di Shenzhen è stato accusato di avere uno scarafaggio vivo in uno dei suoi drink da asporto il 12 marzo, aggiungendo quest’anno un’altra sfida di pubbliche relazioni per il gigante della catena di caffè statunitense in Cina.

Il presunto ritrovamento di scarafaggi ha spinto Starbucks in cima alla lista di ricerca su Weibo, la principale piattaforma di social media in Cina, dopo che un cliente ha pubblicato un video di uno scarafaggio vivo in una bevanda Starbucks parzialmente consumata. 

Il giorno dopo l’accusa, Starbucks ha risposto dicendo di aver ispezionato il relativo caffè e di aver esaminato il video interno, senza trovare nulla che non andasse.

Il negozio “ha preparato la bevanda in stretta conformità con le procedure operative”, ha detto Starbuck.

Un dipendente di Starbucks ha detto ai media cinesi che se il personale di Starbucks avesse seguito le procedure di produzione non ci sarebbero stati scarafaggi vivi nei loro drink.

Il dipendente ha affermato che l’estratto freddo originale deve essere filtrato attraverso una carta da filtro, quindi è impossibile non vedere e rimuovere un corpo grande come uno scarafaggio. Inoltre, la schiuma a base di latte e sciroppo deve essere mescolata per 30 secondi, un processo molto meno probabile che lasci gli scarafaggi che in qualche modo sono entrati in vita, ha detto il dipendente.

Anche se lo scarafaggio fosse potuto entrare durante la produzione della bevanda, sarebbe annegato molto tempo fa“, ha aggiunto il dipendente.

Il Global Times, gestito dallo stato, è stato tra i media cinesi che hanno riportato le accuse. Un organo vicino al Partito Comunista. 

“Casualmente” le accuse di scarafaggio sono diventate virali pochi giorni prima della Giornata cinese dei diritti dei consumatori tenutasi il 15 marzo e sono apparse nel programma “3-15 Gala” della TV di stato CCTV. Il programma viene utilizzato per attaccare i marchi stranieri in Cina e negli ultimi anni, Apple, Burger King, General Motors e noti marchi di abbigliamento come H&M, ZARA e GAP sono stati tutti nella lista nera dello spettacolo. A Starbuck è andata anche bene, perchè il nome non è stato direttamente

La catena di caffè degli Stati Uniti in Cina ha amici in alto.

A gennaio, il leader cinese Xi Jinping avrebbe chiesto all’ex presidente di Starbucks Howard Schultz di aiutare a promuovere i tempi USA-Cina, secondo il media ufficiale Xinhua. La richiesta è arrivata sotto forma di una lettera di risposta a Schultz che in precedenza aveva inviato a Xi una copia tradotta del suo ultimo libro. In risposta alla lettera di Xi, il 13 gennaio Schultz ha dichiarato alla CNN che “credo davvero che i giorni migliori di Starbucks stiano arrivando in Cina”.

Starbucks opera in Cina dal 1999 e rispetto ad altre società straniere ha avuto uno sviluppo regolare, aprendo anche un punto vendita nella Città Proibita per sette anni, fino alla sua chiusura a causa di una campagna pubblica alimentata dal conduttore della CCTV Rui Chenggang.

Nel gennaio 2007, Rui ha scritto sul suo blog che Starbucks è “un simbolo della cultura gastronomica della classe medio-bassa” in Occidente  e la sua presenza nella città proibita “Capestava la cultura cinese”. Il post ebbe 500 mila visite in una notte, innescando una campagna nazionalista che provò il potere del web in Cina se guidato da figure vicine al partito. Rui poi cadde in disgrazia e fu condannato per corruzione. Risultò essere collegato a Jiang Zeming, avversario dell’attuale leader XCi Jinping. Quindi Starbucks con la sua vicinanza a Xi è entrato nei giochi di potere della leadership cinese.

Da gennaio sono però ricominciati gli attacchi dei consumatori. Può essere dovuto alle tensioni con gli USA o alla vicenda della Luckin Café, società concorrente, ma cinese, punita per truffa dalle autorità di borsa americane. Comunque sono ricominciati questi pesantissimi post sui social media. Ora Starbuck deve sopravvivere agli scarafaggi.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal