attualita' posted by

Speranza cristiana ed etica kantiana: il poco che ci resta, il molto che ci serve

È in atto un risveglio, individuale e collettivo, di straordinaria portata. Il Covid, almeno in questo, è stato di aiuto. Ha prodotto la accelerazione di un processo di illuminazione improvvisa di tante menti addormentate. Temi di cui fino a due mesi fa non si poteva neanche parlare, sono all’ordine del giorno. Saperi che, fino a all’anno scorso, erano confinati nei convegni per specialisti diventano consapevolezza diffusa tra gruppi sempre più nutriti di persone. Sta accadendo l’impensabile. E cioè la caduta del velo di Maya della incoscienza di massa.

Il Mondo, la Storia, il Contesto si stanno rivelando per ciò che, brutalmente, sono. È come nella storia del bambino il quale, nella sua ingenua innocenza, “vede” il re nudo occultato a tutti gli altri dalla stolta ottusità dei servi. A voler usare un’espressione abusata si potrebbe aggiungere: sta venendo giù tutto. Ma tranquilli:  non stanno venendo giù cose buone e giuste. Sta venendo giù la tela cerata che finora ricopriva cose cattive e ingiuste, celate ai nostri occhi da una accurata propaganda.

E mentre in tanti si destano, e stropicciano gli occhi cisposi e addormentati, ancora increduli, la Matrice capisce che non c’è più tempo. E accelera. Parla ormai apertamente di app destinate al controllo massivo, di limitazioni “legali”, e magari perpetue, delle libertà fondamentali, di vaccinazioni obbligatorie, di soppressione “giustificata” del dissenso, di uno Stato etico e “correttivo” così simile a quelli partoriti, nel Novecento, da alcune delle più brutali dittature della storia, così analogo a quelli disegnati dagli scrittori distopici di mezzo secolo fa. Ma abbiamo bisogno di conforto.

Abbiamo bisogno di armi psicologiche più potenti ed efficaci di quelle avversarie. Perché la sproporzione delle forze in campo è così evidente, prepotente, micidiale da scoraggiare anche il più visionario degli ottimisti. E allora, ve ne proponiamo due, benchè fuori moda: la speranza cristiana e l’etica kantiana. La speranza cristiana è la “fede”, incrollabile, nel fatto che tutto andrà veramente bene, ma non nel senso che intendono lorsignori.

Nel senso di un cambiamento epocale, di una rigenerazione morale, di un rinnovamento sociale indirizzato verso tutti i valori oggi a rischio di estinzione: pace, libertà, democrazia, indipendenza, partecipazione, collaborazione. La speranza cristiana non ammette deroghe. Alla fine, il “male” perde e il “bene” vince. Nonostante il male abbia la statura di Golia e il bene solo la fionda di Davide. Quanto all’etica kantiana risponde a una precisa domanda. Quella che si pone chiunque sia impegnato in opere politiche, pratiche, intellettuali di resistenza all’attuale, apparente “ordine” del mondo: chi me lo fa fare?

Tutto l’impegno profuso sembra troppo piccolo, vano, dispersivo rispetto alla potenza di fuoco delle armate mediatiche nemiche. Ebbene, Kant ci risponde: “tu devi”. Lo “devi” fare e basta. Non perché “serve”, non perché “funziona”, non perché “vinci”. Perché “devi”. È questo l’imperativo etico cui siamo tutti chiamati. Non dobbiamo preoccuparci dei risultati. I risultati verranno se noi, a dispetto delle evidenze, continueremo a impegnarci in questa guerra “perduta” in partenza. Ma, alla fine, vittoriosa.

Francesco Carraro

www.francescocarraro.com


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed