Euro crisis posted by

LA SPAGNA FA I COMPITI A CASA MA RICADE IN UNA CRISI DI BILANCIA DEI PAGAMENTI

Gran post da Voci dall’estero

 

Dal blog spagnolo Voxpopuli un articolo sulla situazione economica della Spagna, che dopo aver fatto diligentemente i compiti a casa deve constatare come la situazione sia in realtà peggiorata, la disoccupazione non cala anche se i salari diminuiscono, e i tanto agognati investimenti esteri peggiorano la bilancia dei pagamenti…
Traduzione e grafici di Kappa di Picche.
Appare ancora una volta evidente, anche all’occhio del lettore più distratto, di quanto la realtà strida con il wishful thinking dei sostenitori dell’austerità. La Spagna ha attuato diligentemente tutti i diktat della Troika, comprimendo la spesa pubblica e tagliando i salari. Ciò nonostante, la sua economia non solo non è ripartita – come gli Austerians pensavano facesse grazie all’approccio mercantilista – bensì si è avvitata in una spirale deflattiva che ha aggravato la già precaria condizione del suo sistema bancario, salvato solo grazie agli aiuti statali ed europei (40 Miliardi di Euro).
La fuga degli skilled workers e lo spostamento dei settori dell’export iberico verso segmenti a basso valore aggiunto, non ha permesso di conseguire vantaggi sostanziali in termini di bilancia dei pagamenti, anzi ha costretto le imprese esportatrici – in massima parte nel settore automobilistico – ad approvvigionarsi di macchinari avanzati dall’estero, peggiorando la bilancia commerciale.
Il “repentino” e intenso peggioramento del nostro settore estero negli ultimi trimestri ha incrementato il debito estero netto della nostra amata Spagna fino ad arrivare ad un nuovo record storico: né più né meno di 1,021 miliardi di euro, il 99,8% del PIL. Ancora non siamo usciti dalla crisi e una nuova crisi di bilancia dei pagamenti si profila sulla nostra economia.
Com’è possibile che stia succedendo ciò, si domandano i consulenti della Moncloa (ndr: residenza del primo ministro spagnolo) ?
Non doveva la svalutazione interna – eufemismo con il quale si riferiscono all’impoverimento massivo della cittadinanza via tagli salariali, generare un boom del nostro settore estero? Non era la Spagna incamminata verso un nuovo Eldorado che ci avrebbe garantito grandi surplus della bilancia di conto corrente, nello “stile tedesco”?
Torniamo di nuovo al punto di partenza di questa crisi. La diagnosi realizzata dall’ortodossia economica, tra i quali si annoverano senza dubbio i consulenti dell’attuale esecutivo, sui problemi della nostra amata Spagna era sbagliata, e, per tanto, le sue raccomandazioni di politica economica tremendamente dannose, molto dannose. Però andiamo per gradi.
Effetti perversi della riforma del lavoro
Coloro che sono attualmente al governo attribuivano la colpa dei mali dell’economia spagnola all’inefficienza del settore pubblico e ad una bassa produttività del fattore lavoro.
Di conseguenza era una questione irrinunciabile e non negoziabile, secondo loro, imporre una svalutazione interna, un taglio salariale in piena regola. Ancora ricordo degli studi memorabili del servizio studi della BBVA dove si poteva incontrare questa nuova manna, l’evidenza empirica per la quale la discesa dei salari reali in Spagna si sarebbe accompagnata alla riduzione del tasso di disoccupazione.
Pura correlazione spuria, poiché c’era una terza variabile che loro non consideravano, e che in realtà provocava questa correlazione spuria. Ci riferiamo al debito.

Le riduzioni dei salari non sono efficaci nella lotta contro la disoccupazione, invece la domanda risulta importante, e molto.

Già da tempo gli economisti Engelbert Stockhammer e Özlem Onaran dimostrarono che per economie così differenti come quelle degli Stati Uniti, Regno Unito o Francia, e contrariamente alle aspettative neoclassiche, non esisteva nessuna evidenza che un cambiamento nei salari reali, e quindi della distribuzione dei redditi, avessero un effetto sulla disoccupazione. Non solo, la sostituzione dal lavoro al capitale in risposta a una maggiore partecipazione dei salari non si verificava empiricamente.
La conclusione politica più importante è molto semplice: le riduzioni salariali non sono efficaci nella lotta contro la disoccupazione, mentre la domanda risulta molto importante.
In verità , la riforma del lavoro ha convertito la Spagna in un paese di camerieri – impiego precario, part-time, salario miserabile, con straordinari non retribuiti – e di assemblatori. Lasciate che spieghi quest’ultimo punto con un esempio.
Il settore dell’automobile è uno dei nostri principali settori esportatori.

Ciò nonostante, qui, sfruttando una manodopera molto a basso costo e qualificata, si fa solamente assemblaggio. Nonostante ciò sia un bene, perché fa mantenere i posti di lavoro, in realtà tutti i componenti si importano, inclusi i macchinari necessari per la produzione. Il valore aggiunto va tutto all’estero, essenzialmente in Germania.

Come risultato la bilancia commerciale del settore alla fine si riduce praticamente a zero.

Lo specchio della bilancia dei redditi

Se il motore della crescita della nostra economia fosse il settore estero, il surplus crescente della bilancia commerciale si vedrebbe accompagnato da un processo netto di investimento che migliorerebbe il nostro apparato produttivo.
Questo però non sta accadendo. Né gli investimenti diretti esteri nel nostro paese stanno migliorando, né le imprese spagnole stanno implementando processi di investimento sui beni di produzione con i loro per nulla disdegnabili ritorni di capitale. Preferiscono, incomprensibilmente, ridurre il debito e investire fuori a tassi irrisori. E di questo il governo neppure si accorge.
Pertanto, dove sono andati questi milioni di euro stranieri che secondo i diversi portavoce dei media stanno o stavano entrando nel nostro paese? Sono andati a migliorare il nostro apparato produttivo? Oppure semplicemente approfittavano della brutale caduta dei prezzi in diversi attivi immobiliari e finanziari per ottenere rapidi, effimeri e grassi guadagni? La mia tesi è che si tratti di denaro caldo il cui unico obiettivo è ottenere una rendita rapida ed elevata per il solo fatto di comprare a basso costo.
Per sostenere questo argomento, ci concentriamo nella componente delle rendite della nostra bilancia dei pagamenti. Negli ultimi mesi questa sta registrando un deficit crescente. Da un lato gli investimenti stranieri ottengono un importante ritorno, il che si traduce in importanti aumenti di rendita. La principale spiegazione è che hanno comprato a prezzi molto bassi, prezzi di saldo. Dall’altro lato, gli importanti investimenti diretti spagnoli all’estero, in pieno processo di internazionalizzazione della grande impresa spagnola, producono un rendimento bassissimo, che si traduce in un ingresso di rendita ridicolo. La principale spiegazione è che hanno comprato ad un prezzo molto caro.
Di fronte alla verbosità del governo, pertanto, non c’è nessun nuovo modello di crescita basato sulle esportazioni, chiediamo prestiti all’estero per finanziare un debito pubblico crescente, parte del quale non va più a finanziare la spesa corrente, bensì a terzi.
A ciò dobbiamo aggiungere che ancora non abbiamo ridotto e ristrutturato il sistema bancario nazionale in accordo alla dimensione dell’economia reale,  e al costo di gestione e ai creditori. Nemmeno si è fatto nulla per diminuire mediante deroghe il volume del nostro debito totale – privato più pubblico, che risulta impagabile. In definitiva, se nessuno pone rimedio a questi punti ci vedremo condotti verso una crisi di debito sovrano e bilancia dei pagamenti.

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog