Euro crisis posted by

Se non Puoi Fare Arrivare Soldi dalla BCE Falli Arrivare Dalle Banche (come Roosevelt)

Vi proponiamo un ottimo post di Giovanni Zibordi da Cobraf.com blog-forum di Economia e Finanza che consigliamo di inserire tra i preferiti.

 

Abbiamo inviato un Email alla BCE e questa ha gentilmente risposto: a) che si possono usare banche pubbliche per farsi dare liquidità dalla BCE e b) poi niente impedisce a queste di usare la liquidità per finanziare lo stato.

Sarebbe una soluzione bizzarra ? Se leggi la storia è la stessa soluzione che è stata usata sempre, da Draghi in modo parziale l’anno scorso, in Asia e anche da Roosevelt negli anni ’30. Cominciamo con la storia di Roosevelt e dei suoi, che per salvare l’economia fecero cose che sembrarono da pazzi.

Il 30 gennaio era l’ottantesimo anniversario del Gold Riserve Act, l’atto con cui Roosevelt in America raddrizzò la barca dell’economia che stava affondando. Ottanta anni fa il governo Roosevelt sganciò il Dollaro dall’Oro, con una manovra azzardata che all’epoca fu considerata quasi demenziale:

i) in aprile, con il decreto presidenziale No. 6102, aveva decretato il sequestro in pratica di tutto l’oro detenuto da privati cittadini vietandone il commercio pena la prigione e obbligandoli a cedere il proprio oro alla Federal Reserve (a 20 dollari l’oncia)

ii) Il 29 gennaio aveva decretato la svalutazione dell’oro del 41% (l’oro passò da 20 a 35 dollari l’oncia)

iii) Il giorno dopo, 30 gennaio, decretò che tutto l’oro detenuto dalla Federal Reserve passava al Tesoro .

Con questa tripla azzardata manovra i consiglieri di Roosevelt fecero guadagnare istantaneamente 2 miliardi di dollari allo stato, perché appunto si svalutava il dollaro rispetto all’oro e simultaneamente l’oro passava nelle casse dello Stato (questo era pari al 20% delle entrate dello stato).

Poi usarono questo profitto sull’oro così “sottratto” al pubblico prima e alla FED dopo, per emettere certificati del Tesoro basati sull’oro con cui andarono a comprare altro oro a Londra e all’estero!

Man mano che comprava oro, il Tesoro americano emetteva sempre più certificati e così via, creando una quantità enorme di moneta, monetizzando in pratica l’oro , partendo da quello preso alla Federal Reserve.
L’obiettivo era svalutare del 40% secco il dollaro rispetto all’oro e creare una enorme quantità di moneta

La manovra all’epoca fu giudicata dalla maggioranza degli esperti come al limite della follia, perché puntava a svalutare e inflazionare e in più esautorava completamente la Banca Centrale (la Federal Reserve), la quale non poteva nemmeno provare a bilanciare questa creazione di moneta.

Questo perché il Tesoro vendeva poi i certificati basati sull’Oro alla Federal Reserve ricevendo in cambio dollari e questa però anche volendo non poteva più rivenderli a nessuno perché era stato proibito per legge a chiunque di comprare oro (o certificati basati sull’oro). Il risultato è che appunto la Banca Centrale era forzata a creare moneta, comprare certificati emessi dal Tesoro in cambio di dollari (che ovviamente non aveva, ma creava sul momento dal niente come accrediti per il Tesoro). E non poteva neanche fare manovre per riassorbire tutta questa liquidità, perché riceveva certificati d’oro che erano invendibili per legge. Questi certificati d’oro che la Federal Reserve fu obbligata a monetizzare siedono ancora nel suo bilancio!

Cosa successe all’economia ?

Leggi il resto nel documento in PDF
(adesso quando metto assieme qualche cosa di più impegnativo per ragioni di grafica li inserisco come PDF a fianco). E’ una storia affascinante, ripresa da Peter Stella e indica la soluzione per l’Italia, che è abbastanza semplice e non richiede nemmeno di uscire dall’Euro.

1

 

2

 

3

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog