Seguici su

Attualità

Scambi Cina Africa a livelli record, per la fame di materie prime di Pechino

Pubblicato

il

L’anno scorso gli scambi commerciali tra Cina e Africa hanno raggiunto la cifra record di 282 miliardi di dollari, con un aumento dell’11% rispetto all’anno precedente, favorito dall’impennata dei prezzi delle materie prime, dalla riapertura della Cina e dalla recente spinta di Pechino a incrementare le importazioni dall’Africa.
Secondo le autorità doganali cinesi, le esportazioni verso l’Africa hanno totalizzato 164,49 miliardi di dollari nei 12 mesi fino a dicembre, con un aumento dell’11,2% rispetto all’anno precedente. Le importazioni dal continente sono aumentate allo stesso ritmo, raggiungendo i 117,51 miliardi di dollari nello stesso periodo.
È stato il secondo anno consecutivo di crescita dopo che la pandemia di Covid-19 ha avuto un effetto devastante sul commercio nel 2020.
Gli analisti hanno attribuito i numeri dello scorso anno in parte all’aumento dei prezzi delle materie prime, dato che le risorse naturali come il petrolio greggio, il rame, il cobalto e il minerale di ferro rappresentano gran parte delle esportazioni africane verso la Cina.
I prezzi del greggio Brent sono stati elevati per gran parte del 2022. Dopo aver iniziato l’anno a circa 79,65 dollari al barile, i prezzi sono balzati a 133,18 dollari al barile all’inizio di marzo – poche settimane dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia – e sono saliti ancora di più a giugno prima di iniziare un graduale declino.
Charles Robertson, capo economista globale della banca d’investimento Renaissance Capital, ha affermato che l’aumento dei prezzi del petrolio nel 2022 avrebbe incrementato il valore delle esportazioni africane. Ha aggiunto che la riapertura della Cina è positiva per il commercio, ma deve essere considerata insieme ai continui problemi del settore immobiliare, che ha smesso di essere un motore di crescita a lungo termine per le importazioni.

Il rame ha raggiunto il suo prezzo più alto di sempre nel marzo 2022, superando i 10.400 dollari per tonnellata, ma è sceso nella seconda metà a circa 8.400 dollari per tonnellata entro la fine del 2022.
I prezzi del cobalto hanno raggiunto un massimo di 82.000 dollari per tonnellata nel marzo 2022 e sono scesi gradualmente a circa 49.000 dollari per tonnellata entro la fine dell’anno.
Lauren Johnston, ricercatrice Cina-Africa presso l’Istituto sudafricano per gli affari internazionali, ha affermato che il balzo degli scambi potrebbe essere stato causato anche da guadagni sui tassi di cambio o dal fatto che la Cina ha scambiato alcuni prodotti australiani – ad esempio il carbone da coke – con merci africane in seguito a controversie commerciali con Canberra.

Mentre l’Africa esporta principalmente materie prime, tende ad acquistare dalla Cina prodotti finiti come macchinari, elettronica e tessili, determinando un surplus commerciale a favore della Cina. Negli ultimi anni, però, Pechino ha introdotto politiche per aumentare le importazioni dal continente.
L’anno scorso, la Cina ha permesso a decine di Paesi africani, tra cui Tanzania, Etiopia e Uganda, di iniziare a esportare in Cina alcuni dei loro prodotti in esenzione dai dazi doganali, nel tentativo di correggere lo squilibrio commerciale.

Wu Peng, direttore generale del dipartimento per gli affari africani del ministero degli Esteri cinese, ha osservato che il 90% del sesamo in Cina proviene da Paesi africani come Etiopia, Tanzania e Uganda.
“Cina e Africa hanno vantaggi complementari in termini di risorse. Continueremo a promuovere le ‘corsie verdi’ per le esportazioni agricole africane, a beneficio di entrambi i popoli”, ha twittato Wu a dicembre.  Diversi Paesi africani hanno firmato accordi con la Cina per l’esportazione di prodotti agricoli come peperoncini, anacardi, semi di sesamo e spezie. La Tanzania ha iniziato a esportare soia in Cina nel 2020. Pechino ha inoltre accettato di importare avocado, tè, caffè e rose dal Kenya, prodotti a base di carne bovina dalla Namibia e dal Botswana, caffè dal Ruanda, frutta dal Sudafrica, caffè e soia dall’Etiopia.
“Questo aumenterà il numero delle esportazioni, ma nel caso dei Paesi esportatori di risorse, non è probabile che questo rappresenti una quota consistente del commercio, poiché il valore totale sarà probabilmente modesto rispetto alle commodity”, ha detto Johnston a proposito della spinta della Cina ad aumentare le importazioni agricole africane.
Tuttavia, ha affermato che le importazioni agricole potrebbero aumentare i redditi di coloro che vivono nelle aree rurali, dove le persone tendono ad essere le più povere, portando comunque a un effetto di ridistribuzione delle ricchezze positive. “Queste esportazioni sono quindi ottime per l’occupazione e la riduzione della povertà”, ha aggiunto Johnston, aggiungendo che contribuiscono anche ad aumentare la produttività agricola, un grande vantaggio per i Paesi con popolazioni in crescita.

La Cina è il principale partner commerciale bilaterale dell’Africa da quando ha superato gli Stati Uniti nel 2009.
Ma il commercio è fortemente concentrato su alcuni Paesi ricchi di risorse come il Sudafrica, che è il più grande mercato del continente per i prodotti cinesi e la principale fonte di minerali come diamanti, oro e minerale di ferro per la Cina.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito