attualita' posted by

Quando il Sahara era verde e perché è diventato un deserto in un batter d’occhio

Tra 11.000 e 5.000 anni fa, dopo la fine dell’ultima era glaciale, il deserto del Sahara si trasformò in un paradiso verde. La vegetazione verde cresceva in cima alle dune sabbiose e l’aumento delle precipitazioni trasformava le aride caverne in laghi. Quasi9 milioni di chilometri quadrati del Nord Africa sono diventarono verdi, attirando animali come ippopotami, antilopi, elefanti e uri, i progenitori dei bovini domestici. Tutto questo scomparve in un batter d’occhio geologico, ma potrebbe tornare?

La risposta è sì. Secondo Kathleen Johnson, professore associato di sistemi terrestri presso l’Università della California Irvine, il Sahara Verde, noto anche come Periodo Umido Africano, è stato causato dalla rotazione orbitale della Terra attorno al proprio asse in costante cambiamento, uno schema che si ripete ogni 23.000 anni.

Come appariva il Sahara quando non era un deserto

Il cambiamento verde del Sahara è avvenuto perché l’inclinazione della Terra è cambiata. Circa 8.000 anni fa, l’inclinazione iniziò a spostarsi da circa 24,1 gradi agli attuali 23,5 gradi, come riportato in precedenza da Space.com, un sito gemello di Live Science. Quella variazione di inclinazione fece una grande differenza; in questo momento, l’emisfero settentrionale è più vicino al sole durante i mesi invernali. (Questo può sembrare controintuitivo, ma a causa dell’attuale inclinazione, l’emisfero settentrionale è inclinato lontano dal sole durante la stagione invernale.) Durante il Sahara Verde, tuttavia, l’emisfero settentrionale era più vicino al sole durante l’estate.

come l’inclinazione dell’asse terrestre influenza la capacità di ricevere luce e calore solare

Ciò ha portato ad un aumento della radiazione solare (in altre parole, calore) nell’emisfero settentrionale della Terra durante i mesi estivi. L’aumento della radiazione solare ha amplificato il monsone africano, uno spostamento del vento stagionale sulla regione causato dalle differenze di temperatura tra la terra e l’oceano. L’aumento del calore sopra il Sahara ha creato un sistema a bassa pressione che ha spostato l’umidità dall’Oceano Atlantico nel deserto arido.

Questa maggiore umidità ha trasformato l’ex Sahara sabbioso in un savana  ricoperta di erba e arbusti, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). Man mano che gli animali lì prosperavano, anche gli umani lo fecero, addomesticando alla fine bufali e capre e persino creando un primo sistema di arte simbolica nella regione, ha riferito il NOAA.

Quindi il deserto era percorso da fiumi, ora prosciugati e chiamati Wadi.

Perché  l’inclinazione della Terra è cambiata e perché cambia? Per comprendere questo cambiamento monumentale, gli scienziati hanno guardato ai vicini della Terra nel sistema solare.

“La rotazione assiale della Terra è perturbata dalle interazioni gravitazionali con la luna e i pianeti più massicci che insieme inducono cambiamenti periodici nell’orbita terrestre”, Peter de Menocal, direttore del Center for Climate and Life al Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University di New York, ha scritto su Nature. Uno di questi cambiamenti è un “oscillazione” nell’asse terrestre, ha scritto.

Quell’oscillazione è ciò che posiziona l’emisfero settentrionale più vicino al sole in estate – ciò che i ricercatori chiamano un massimo di insolazione estiva dell’emisfero settentrionale – ogni 23.000 anni. Sulla base di una ricerca pubblicata per la prima volta sulla rivista Science nel 1981, gli studiosi stimano che l’emisfero settentrionale abbia avuto un aumento del 7% della radiazione solare durante il Sahara Verde rispetto a oggi. Questo aumento avrebbe potuto aumentare le precipitazioni monsoniche africane dal 17% al 50%, secondo uno studio del 1997 pubblicato sulla rivista Science.

Ciò che è interessante per gli scienziati del clima del Sahara Verde è quanto sia apparso e scomparso bruscamente. La fine del Sahara Verde ha richiesto solo 200 anni, ha detto Johnson. Il cambiamento della radiazione solare è stato graduale, ma il paesaggio è cambiato improvvisamente. Un esempio di cambiamento climatico che perfino gli umani noterebbero, e che probabilmente all’epoca hanno notato.

“I record dei sedimenti oceanici mostrano [che il Sahara Verde] si verifica ripetutamente”, ha detto Johnson a WordsSideKick.com. Si prevede che il prossimo massimo di insolazione estiva dell’emisfero settentrionale, quando il Sahara Verde potrebbe riapparire, accadrà di nuovo tra circa 10.000 anni nel 12000 d.C. o nel 13000 d.C. Però non credo che saremo qui a vederlo.

Tutto questo però ci permette di trarre due conclusioni:

  • “non tutto il caldo viene per nuocere”, dato che il “Sahara verde” corrisponde a un periodo più caldo, non più freddo;
  • la nostra vita viene a dipendere da un un nulla casuale. Un grado di inclinazione trasformano un paradiso verde in un deserto inabitabile.

Però l’uomo pretende di condizionare tutto


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal