attualita' posted by

POWELL TAGLIA I TASSI DI MEZZO PUNTO… ma semina il panico! Intanto al Lagarde…

Qualcosa non ha funzionato. Jerome Powell  era intervenuto pochi giorni fa per affermare che la FED sarebbe intervenuta a sostegno dell’economia, messa in crisi da Coronavirus, ed ha tenuto fede alle sue parole. Ora è intervenuto ed ha abbassato i tassi della FED di un 0,5%, portandoli a 1,25%,il primo  taglio del genere dal 2008. Questo indica che la situazione è tesa e che non tutto va bene, anche se, dopo i tagli, Powell ha affermato che i fondamentali dell’economia sono buoni, sorta di mantra che segue tutte le sue mosse.  Peccato che l’effetto delle sue parole sia durato un quarto d’ora e poi i titoli abbiano ripreso a scendere:

Alla fine si è chiuso con un -2,83% . Ancora peggio la situazione dei titoli di stato USA, che hanno sfondato il muro del 1%

Cosa è successo? Un ribasso così ampio ed inatteso ha dato la sensazione che la situazione sia più grave di quanto prima preventivato per cui la borsa, che lavora di previsioni, dopo aver digerito il mezzo punto in meno, ha scontato un peggioramento molto più ampio dell’economia, e si è buttata sul reddito fisso. A questo punto ci si attende almeno altri due ribassi nel prossimo futuro, ed il mercato si ricorda che, nel 2008, dopo il primo dagli di 0,50% ve ne fu uno di 0,75%. Solo che con un -0,75% si torna a 0,5%, cioè al 2017 e poi si passa a zero. Due anni e mezzo passati per niente. Quale effetto avranno questi tagli, quando la banca centrale sembra ormai disarmata? Powell si inventerà qualcosa di diverso?

Nel frattempo,dopo aver detto inizialmente che la situazione non era grave, Lagarde e la BCE si dicono pronti ad intervenire per difendere l’economia. Qualcuno li avrà svegliati dai loro sonni verdi. Qui però partiamo da tassi negativi del -0,5%. Cosa si inventeranno a Francoforte? Helicopter Money o QE?


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed