attualita' posted by

Petrolio: non scomparirà, ma il potere passerà di mano

 

Abbiamo già scritto come il Green Deal e la politica “Verdognola” di Biden non segnerà tanto la fine degli idrocarburi, ma, semplicemente, il passaggio di mano del potere dall’occidente alle società di stato dei paesi produttori di petrolio, le cosiddette NOC (National Oil Companies).

Notizie del settore affermano che “Saudi Aramco e Abu Dhabi National Oil Co. stanno spendendo miliardi per aumentare le rispettive capacità di produzione”, così come Qatar Petroleum, altra società controllata dal proprio governo.

Si prevede che la quota di NOC della produzione petrolifera globale aumenterà al 65%, dall’attuale 50% circa, entro il 2050. Società come Exxon e Chevron ed ENI stanno mantenendo la produzione ai minimi e limitando gli investimenti futuri nelle tradizionali infrastrutture petrolifere e del gas, facendo il gioco dei propri concorrenti e preparandosi alla propria auto distruzione. Il successivo grafico è indicativo

Patrick Heller, consulente del Natural Resource Governance Institute, ha dichiarato a Yahoo Finance: “Sentiamo funzionari del governo e funzionari della NOC dire:” Consideriamo la dismissione di compagnie petrolifere internazionali da alcuni progetti come un’opportunità per noi di crescere. E penso che sia potenzialmente molto rischioso”, ovviamente per chi vende.

 

Jason Bordoff, direttore del Center on Global Energy Policy presso la School of International and Public Affairs della Columbia University, pensa che il passaggio ai proprietari del governo potrebbe finire per fare esattamente l’opposto di ciò che gli attivisti intendono fare.

Un passaggio della produzione alle principali società di proprietà nazionale, come in America Latina o nel Golfo o in Russia, comporta rischi di approvvigionamento geopolitico, mentre le aziende indipendenti più piccole hanno spesso dimostrato pratiche ambientali e di sicurezza più scadenti“, ha affermato. Per essere chiari, vi fidate di quanto può fare una società come la venezuelana PVSDA contro l’inquinamento da idrocarburi, quando buona parte delle coste del Venezuela è compromesso da una fattiva gestione delle estrazioni?

E alla fine sarà necessario affrontare le emissioni e l’impronta di carbonio dei NOC.

“I NOC sono una delle chiavi più importanti quando si tratta di esaminare le emissioni a livello nazionale. È facile vedere come agire sulle emissioni di NOC, in particolare il metano, produrrà risultati climatici piuttosto rapidi ed efficaci”, ha affermato Ratnika Prasad, direttore della strategia energetica presso l’Environmental Defense Fund.

Ricordiamo, pochi giorni fa abbiamo scritto come i produttori di petrolio sauditi e russi stavano effettivamente beneficiando dell’attivismo nel settore che coinvolgeva i produttori occidentali. Le vittorie in aula per gli attivisti contro Shell, Chevron ed Exxon sono state un vento in poppa per Saudi Aramco, Abu Dhabi National Oil Co e Gazprom, abbiamo scritto. La pressione sulle grandi società occidentali  per ridurre le emissioni di carbonio più velocemente spinge più affari alle aziende in Arabia Saudita e Russia e all’OPEC, il tutto con squilibri politici fortissimi.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal