Seguici su

Attualità

Petrolio: l’OPEC cala la produzione, la Russia lo aumenta

Pubblicato

il

 

A soli 3 giorni dall’entrata in vigore del divieto dell’UE sulle importazioni di greggio russo via mare, i produttori di petrolio russi stanno andando contro ogni aspettativa e hanno effettivamente aumentato la produzione nelle ultime settimane, secondo alcune testimonianze. Il 5 ottobre, il gruppo di produttori di petrolio noto come OPEC+ ha deciso di tagliare la produzione a novembre di 2 milioni di bpd, ignorando le richieste degli Stati Uniti di pompare più greggio per mantenere i prezzi appetibili per i consumatori. Il taglio proposto è arrivato in un momento in cui l’OPEC+ ha ritenuto necessario tagliare la produzione per stabilizzare i mercati del greggio di fronte all’incertezza della domanda globale di quest’autunno.

Un mese dopo, i risultati effettivi dei tagli proposti cominciano a farsi sentire. Secondo un sondaggio Reuters, la produzione effettiva dell’OPEC a novembre è stata di 29,01 milioni di bpd, circa 710.000 bpd in meno rispetto a ottobre. Il grosso, secondo il sondaggio, lo ha fatto l’Arabia Saudita, che ha ridotto la produzione di novembre di 500.000 bpd rispetto a ottobre.

Anche se, secondo i dati di Reuters, il gruppo ha superato l’obiettivo di taglio della produzione, i dati non includono la Russia, né altri produttori al di fuori dell’OPEC-13. In totale controtendenza rispetto alle aspettative, la Russia, che, secondo le proprie cifre ufficiali e i dati della società di intelligence energetica Kpler, ha effettivamente aumentato la produzione a novembre.

Viktor Katona, analista petrolifero presso la Kpler di Vienna, conferma che “i produttori di petrolio russi hanno fatto ciò che contrasta la narrativa principale, ovvero hanno aumentato la produzione”.

In vista dell’entrata in vigore delle sanzioni UE la prossima settimana, la Russia ha prodotto 10,9 milioni di bpd a novembre e il mese scorso ha aumentato le esportazioni verso Cina, India, Corea del Sud e Giappone. Nonostante gli scarsi dati sui consumi in Cina, i dati di Refinitiv Research mostrano che l’Asia ha importato un record di 29,1 milioni di barili al giorno (bpd) di greggio a novembre, rispetto ai 25,6 milioni di bpd di ottobre e ai 26,6 milioni di bpd di settembre.

Anche se gli acquirenti asiatici non hanno aderito alla proposta del G7 di fissare un tetto massimo ai prezzi del petrolio, l’incertezza sulla futura fornitura di greggio russo e sulla capacità di finanziare e assicurare i carichi di greggio russo ha suscitato preoccupazione tra gli importatori asiatici.

In effetti, l’incertezza è la parola chiave dei mercati energetici a dicembre. Con il divieto di importazione del greggio russo via mare dietro l’angolo, un potenziale taglio della produzione OPEC+ sul tavolo e le discussioni in corso sul tetto ai prezzi del petrolio e del gas russo, il lato dell’offerta del mercato è diventato ancora più complesso.

A partire da domenica, la riunione dell’OPEC+, che secondo le previsioni dovrebbe portare a una quota di produzione invariata, potrebbe comunque riservare una sorpresa rialzista. Circa una settimana prima della riunione, fonti anonime hanno riferito a Reuters di aspettarsi che l‘OPEC+ non intraprenda ulteriori azioni per sostenere i prezzi del greggio mentre l’UE sta discutendo un tetto al greggio russo, ma a soli due giorni dalla riunione, un numero crescente di opinionisti e analisti si aspetta che l’OPEC+ tagli nuovamente la produzione per far fronte alla debolezza della domanda in Cina.

Quindi ci troviamo di fronte a una situazione paradossale: da un lato l’OPEC intende tagliare le quote per mantenere il prezzo elevato, sicuramente sopra gli 80-90 dollari al barile, dall’altro la Russia sta aumenta do la propria produzione. Il prezzo quindi è incerto perché verrà a risultare dall’equilibrio di queste due forze opposte di cui è difficile prevedere da ora il livello. Una situazione confusa che dipenderà anche dall’efficacia della sanzioni occidentali.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito