attualita' posted by

Perché gli alti tassi sul Dollaro costituiscono un enorme problema per la Cina

 

SHANGHAI, CHINA – AUGUST 31: (CHINA OUT) A Chinese man identifies a new issued 100 yuan note with an old one issued in 1999, at a bank on August 31, 2005 in Shanghai, China. Authorities issued new yuan notes today that largely resemble bills in circulation but with new marks meant to foil currency counterfeiters. New 100, 50, 20, 10 and 5 yuan notes, as well as a 1 jiao coin (10 Chinese cents), were available from the People’s Bank of China. The design of the new bills, bearing a portrait of former Chinese leader Mao Zedong, remains the same as the last-issued 1999 series but incorporate new watermarks and other minor changes that will make it harder to duplicate, according to state media. (Photo by China Photos/Getty Images)

Secondo gli analisti, il flusso costante di capitali in uscita dalla Cina rappresenta una sfida crescente per Pechino e per le economie emergenti, che stanno già lottando per far fronte alla crescita economica vacillante e al rapido rafforzamento del dollaro statunitense, e questo problema viene messo in evidenza in modo adeguatamente approfondito dal SCMP. 
Il terzo rialzo di 75 punti base dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense, avvenuto mercoledì, ha portato i tassi di interesse di riferimento al livello più alto dal 2008 e ha ulteriormente ampliato il divario di politica monetaria tra le due maggiori economie mondiali.
Con la possibilità di un quarto rialzo dei tassi a novembre, la pressione su Pechino sembra destinata a crescere per evitare un eccessivo deprezzamento dello yuan e un massiccio esodo di capitali verso gli USA.
Tra febbraio e luglio, la Cina ha subito un deflusso netto record di 81 miliardi di dollari attraverso i meccanismi Stock Connect e Bond Connect, secondo i dati dell’Institute of International Finance (IIF). Il deflusso si è leggermente attenuato ad agosto, con gli investitori stranieri che hanno ridotto le loro partecipazioni in obbligazioni cinesi di 30 miliardi di yuan (4,24 miliardi di dollari), secondo i dati della People’s Bank of China (PBOC).

In totale, secondo l’IIF, ad agosto i mercati emergenti hanno registrato il primo mese di afflussi, per un totale di 27 miliardi di dollari, dopo cinque mesi consecutivi di deflussi. A luglio, i deflussi netti di portafoglio dai mercati emergenti hanno raggiunto i 9,8 miliardi di dollari.
Non siamo ancora ai livelli del 2015, quando la PBOC ha scioccato i mercati svalutando lo yuan di oltre il 3%. L’IIF ha stimato che nel 2015 la Cina ha registrato un deflusso netto di capitali pari a 676 miliardi di dollari.
Tuttavia, alcuni analisti chiedono a Pechino di mantenere la flessibilità nel tasso di cambio dello yuan, anche dopo che questo ha recentemente superato la linea psicologica chiave di 7,0 yuan per il dollaro USA. E sottolineano l’importanza di rafforzare la resistenza economica per compensare gli shock esterni.
Lo yuan, che negli ultimi tempi si è deprezzato rispetto al dollaro USA, ha raggiunto 7,0853 per dollaro nei primi scambi di giovedì sul mercato onshore – il livello più debole dal 29 giugno 2020 – e ha chiuso la giornata a 7,0810 contro il biglietto verde, rispetto alla chiusura precedente di 7,0496.

In una nota di giovedì, gli analisti di Commerzbank hanno messo in guardia dal “potenziale impatto negativo sullo yuan” derivante dalla forza del dollaro statunitense e dalle mosse politiche della Fed. “Ciò è ancora più pertinente alla luce dell’ultima proiezione della Fed di ulteriori rialzi quest’anno”, hanno aggiunto, aggiungendo che si aspettano che la PBOC proceda con cautela nelle sue decisioni sui tassi fino a quando il ciclo di rialzi dei tassi statunitensi non raggiungerà il suo apice.
La banca centrale cinese si è astenuta dall’abbassare i tassi di interesse di riferimento nel fixing mensile di martedì. Ha inoltre dichiarato che i tassi di interesse sono “ragionevoli” e che il Paese ha ancora spazio per allentare la propria politica monetaria al fine di promuovere la crescita economica.
Secondo una nota di questa settimana della società di ricerca londinese TS Lombard, la domanda fiacca contribuirà al deterioramento delle bilance commerciali, aggravando il rischio per le valute dei mercati emergenti derivante dal rafforzamento del dollaro.

I mercati emergenti, come la Malesia, hanno già iniziato a risentire dell’inasprimento delle condizioni finanziarie globali e della maggiore volatilità dei tassi di cambio, con gli investitori stranieri che stanno vendendo il loro debito e le loro azioni. “Con la forza del dollaro USA e la debolezza dello yuan che dovrebbero continuare, pensiamo che il Ringgit malese sarà ancora sulla difensiva rispetto al dollaro USA, raggiungendo 4,58 entro la fine dell’anno e 4,60 entro la metà del 2023”, ha dichiarato il Gruppo UOB in una nota all’inizio del mese.
Finora quest’anno, il dollaro USA si è rafforzato del 10,9% rispetto allo yuan, del 13,7% rispetto all’euro, del 17,4% rispetto al won coreano e del 24,9% rispetto allo yen giapponese.

“L’obiettivo principale dell’indebolimento dello yuan rispetto al dollaro USA è forse quello di stabilizzare lo yuan rispetto al paniere di valute ponderate per il commercio”, ha dichiarato Zhang Ming, vicedirettore dell’Institute of Finance & Banking dell’Accademia cinese delle scienze sociali.
Nonostante la debolezza nei confronti del dollaro USA, lo yuan rimane stabile rispetto alle altre valute dei suoi principali partner commerciali.
“Dal punto di vista dell’espansione della domanda esterna e del mantenimento di un certo livello di crescita del commercio estero, è necessario deprezzare moderatamente lo yuan al momento”, ha dichiarato la scorsa settimana Wang Yongli, ex vicepresidente della Bank of China, aggiungendo che la Cina dovrebbe prendere le misure “necessarie” per evitare un deprezzamento “eccessivo” dello yuan.
Oltre ai piani aggressivi di rialzo dei tassi da parte della Fed, il persistente deflusso di capitali della Cina, con gli investitori stranieri che hanno tagliato le loro partecipazioni in titoli di Stato cinesi, è anche guidato dall’aumento delle tensioni geopolitiche, tra cui l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.
L’indebolimento dello yuan comporta guadagni e perdite, ma ciò non giustifica un’eccessiva preoccupazione.
Yu Yongdong, economista
Nel 2015, per frenare l’esodo, la PBOC ha imposto duri controlli sui capitali, comprimendo i tassi d’interesse e bruciando quasi 320 miliardi di dollari di riserve in valuta estera per sedare il panico del mercato e ridurre il rischio di una fuga dallo yuan.
“Tutto ciò che possiamo fare è mantenere la massima flessibilità dello yuan e continuare a gestire i flussi di capitale transfrontalieri. Ci sono guadagni e perdite nell’indebolimento dello yuan, ma questo non giustifica un’eccessiva preoccupazione”, ha dichiarato martedì Yu Yongdong, economista cinese di chiara fama ed ex consigliere della PBOC, in un post sul suo blog. La fuga di capitali in Cina potrebbe essere relativamente grave, ma la sua gravità è difficile da valutare”.
“Per risolvere radicalmente il problema della fuga di capitali, la Cina deve approfondire le riforme istituzionali. Ma… la gestione dei capitali transfrontalieri non può essere abbandonata”.
“I rialzi dei tassi della Fed hanno messo sotto pressione le politiche macroeconomiche della Cina, ma fondamentalmente le sfide vengono dall’interno”.
Il valore delle riserve valutarie cinesi si è gradualmente ridotto, ma rimane stabilmente al di sopra dei 3.000 miliardi di dollari, il più grande totale al mondo. Le riserve si sono attestate a 3,05 trilioni di dollari alla fine di agosto, secondo l’autorità di regolamentazione dei cambi cinese, la State Administration of Foreign Exchange (SAFE).
A sorpresa, la Cina taglia il tasso di interesse di riferimento di 10 punti base
15 agosto 2022

Ad aprile è svanito un vantaggio decennale sui rendimenti dei titoli di Stato cinesi rispetto a quelli statunitensi. I rendimenti dei titoli di Stato americani sono ora più alti di quelli cinesi, rendendo le obbligazioni statunitensi più interessanti per gli investitori. Secondo alcuni, la PBOC potrebbe prenderne atto.
Jin Yi, responsabile del team di reddito fisso di Sealand Securities, ha dichiarato che il differenziale medio dei tassi d’interesse tra i titoli di Stato cinesi e statunitensi è stato di circa 14 punti base nel secondo trimestre del 2022, il che corrisponde a una diminuzione di 19 miliardi di dollari delle attività di riserva in valuta estera della Cina nello stesso periodo, secondo i dati della SAFE. Tuttavia, i depositi in dollari detenuti da esportatori e società nel sistema bancario onshore cinese ammontano a circa 1.000 miliardi di dollari, e questo potrebbe limitare il rialzo del dollaro USA rispetto allo yuan, secondo una nota della settimana scorsa di Western Asset.

Intanto però, allo stato attuale, il super-dollaro si sta rafforzando rispetto a quasi qualsiasi valuta, Yuan compreso,e questo continua a costituire un’incredibile attrattive per i capitali, cinesi in testa.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal