attualita' posted by

Perchè Gates finanzia l’ente per il controllo sui farmaci britannico?

 

Il 13 agosto, il governo del Regno Unito ha pubblicato una risposta a una richiesta di libertà di informazione in relazione alla Medicine and Healthcare Products Regulatory Agency (MHRA), l’equivalente britannico della FDA americana o dell’EMA europea. Era in risposta a una domanda che chiedeva se l’agenzia avesse ricevuto o meno finanziamenti dalla Fondazione Bill e Melinda Gates. La risposta è stata sì:

Riceviamo finanziamenti dalla Fondazione Bill e Melinda Gates e da altre fonti esterne al governo come l’OMS. Questo finanziamento sostiene principalmente il lavoro per rafforzare i sistemi normativi in ​​altri paesi…

L’attuale livello di sovvenzioni ricevute dalla Fondazione Gates ammonta a circa 3 milioni di dollari. Questo copre una serie di progetti e il finanziamento è distribuito su 3-4 esercizi finanziari. Siamo un’agenzia esecutiva del Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale.

Dopotutto, la Gates Foundation (GF) è un’organizzazione di beneficenza – la più grande del suo genere, con circa 60 miliardi di dollari di attività – quindi cosa potrebbe esserci di sbagliato se dona fondi a un’organizzazione incaricata di decidere quali prodotti farmaceutici e dispositivi medici raggiungere il mercato e quali no? In realtà non è proprio così semplice e trasparente.

Conflitto di interessi
Il patrimonio di circa 60 miliardi di dollari della Gates Foundation include, tra le altre cose, azioni e altre forme di investimento in alcune delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo, i cui prodotti dovrebbero essere regolati dalla MHRA. Tali società includono Sanofi, Merck, Eli Lilly and Company e Abbott Laboratories, tutte e quattro le quali hanno sviluppato o stanno sviluppando trattamenti e/o vaccini per il covid-19 che devono ancora ricevere l’autorizzazione nel Regno Unito. Includono anche Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech, che insieme hanno sviluppato e commercializzato il vaccino più redditizio e probabilmente di più breve durata di sempre.

Vale anche la pena notare che l’ex CEO della  MHRA, Ian Hudson, ora lavora come consulente senior presso la Gates Fundation. Quindi e porte girevoli sono un sistema molto utilizzato anche nella sanità fra pugblico e privato.

Quando si tratta di assistenza sanitaria globale, la  Gates  Fundation è tutt’altro che una terza parte disinteressata. Il suo co-fondatore, Bill Gates, è più che mai impegnato nei diritti di proprietà intellettuale. A gennaio abbiamo appreso che Gates aveva svolto un ruolo chiave nel convincere l’Università di Oxford a rinunciare a un precedente comitato per donare i diritti sul suo vaccino a qualsiasi produttore di farmaci. L’idea era quella di fornire medicinali per prevenire o curare il COVID-19 ai paesi più poveri a basso costo o addirittura gratuitamente. Ma Gates ha convinto l’università britannica a firmare invece un accordo sui vaccini con AstraZeneca che ha dato al colosso farmaceutico diritti esclusivi e nessuna garanzia di prezzi bassi.

Abbiamo anche appreso che Gates è stato determinante nel bloccare i tentativi, da parte di una coalizione di paesi guidati da Sudafrica e India, di presentare una proposta di rinuncia al brevetto al Consiglio TRIPS (Trade Related Aspects of Intellectual Property Rights) dell’Organizzazione mondiale del commercio. Una deroga avrebbe consentito ai paesi più poveri di produrre essi stessi i vaccini. E ciò accelererebbe enormemente l’adozione globale dei vaccini, il che potrebbe aiutare nella lotta globale contro il Covid. Ma Gates ha sostenuto che i paesi poveri non erano preparati ad aumentare la produzione. Una deroga eliminerebbe anche gli incentivi per la ricerca futura, ha affermato. La sua argomentazione ha vinto e anche oggi la deroga TRIPS è ancora in discussione presso l’OMC, e finirà in niente.

In un articolo per la rivista Wired Mohit Mookim, uno studente della Stanford Law School ed ex ricercatore presso lo Stanford Center for Ethics in Society,  si mostra poco sorpreso che un monopolista nell’informatica lavori, nascondendosi dietro l’etica, per trasformare altri settori in monopolistici:

Negli ultimi due decenni, Gates ha ripetutamente sostenuto politiche di salute pubblica che rafforzino la capacità delle aziende di escludere altri dalla produzione di farmaci salvavita, incluso il consentire alla stessa Fondazione Gates di acquisire una sostanziale proprietà intellettuale. Questo continua attraverso la pandemia di Covid-19”. Alla faccia della filantropi.

Ora apprendiamo che la fondazione, con le sue vaste partecipazioni in aziende farmaceutiche e sostanziali interessi di proprietà intellettuale, ha anche contribuito a finanziare l’MHRA negli ultimi quattro anni. In altre parole, un’organizzazione che ha versato miliardi di dollari nella ricerca e nello sviluppo di vaccini, altri nuovi trattamenti e dispositivi medici ha anche finanziato l’agenzia britannica responsabile dell’approvazione di quei vaccini, nuovi trattamenti e dispositivi medici. Cosa può andare storto?

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal