attualita' posted by

Omicron e vaccini: i primi studi indicano un calo secco nella copertura

La variante Omicron ha sostanzialmente ridotto i livelli di anticorpi generati dal vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, secondo i risultati preliminari di uno studio sudafricano che è ancora in attesa di revisione paritaria.

Questi sono i primi risultati di laboratorio per vedere come un vaccino COVID-19 regge a Omicron. Un team di ricercatori guidato da Alex Sigal dell’Africa Health Research Institute ha testato 14 campioni di sangue di 12 persone contro un campione vivo della variante Omicron. Tutte e 12 le persone sono state vaccinate e sei erano state precedentemente infettate dal virus.

Nel complesso, gli scienziati hanno riscontrato una riduzione di circa 40 volte dei livelli di anticorpi neutralizzanti, le proteine ​​che combattono i virus che svolgono un ruolo chiave nella nostra risposta immunitaria, rispetto alla versione originale del virus.

Omicron non ha eluso completamente la protezione del vaccino, ha scritto Sigal, il che significa che c’è ancora vantaggio nell’essere vaccinati contro questa nuova variante, ma la marcata riduzione degli anticorpi solleva interrogativi sulla reale durata della protezione del vaccino contro Omicron. Alla fine potrebbe essere talmente breve da essere oggettivamente inutile. Sigal ha parlato di un “calo molto grande nella neutralizzazione di Omicron”.

“Un buon richiamo probabilmente ridurrebbe la possibilità di infezione, in particolare l’infezione grave che porta a malattie più gravi”, ha detto Sigal in una presentazione online dei suoi risultati martedì, secondo Bloomberg.

Poco dopo che Sigal ha annunciato i risultati del suo team, un altro gruppo di ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia ha rivelato i propri risultati che suggerivano un calo sostanziale ma meno drammatico dei livelli di anticorpi. Il team di Karolinska ha riscontrato una riduzione di sette volte su 17 campioni di sangue.

Hanno notato che l’impatto di Omicron variava notevolmente tra i campioni e hanno utilizzato una versione di Omicron creata artificialmente in un laboratorio invece del virus vivo. Un ricercatore capo di quel gruppo ha affermato che i risultati rendono Omicron “sicuramente peggiore di Delta, ma, ancora una volta, non così estremo come ci aspettavamo”.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal