attualita' posted by

Norvegia: uno sciopero dei lavoratori petroliferi rischia di piegare Europa e Regno Unito

 

La crisi energetica europea è destinata a peggiorare questa settimana dopo che i lavoratori norvegesi del settore petrolifero e del gas offshore sono entrati in sciopero, minacciando di interrompere le forniture energetiche del Paese scandinavo al Regno Unito e all’Europa, secondo quanto riportato dalla Reuters.

Se gli scioperi continueranno a chiudere i giacimenti, la lobby datoriale norvegese del petrolio e del gas (NOG) ha avvertito che entro sabato andranno persi ben 1.117.000 barili di petrolio equivalente, ovvero il 56% delle esportazioni giornaliere di gas naturale, e 341.000 barili di petrolio. Il bello è che proprio ieri il governo aveva autorizzato un consistente aumento delle produzioni.

“Lo sciopero è iniziato”, ha dichiarato in un’intervista Audun Ingvartsen, leader del sindacato norvegese dei lavoratori del settore petrolifero, Lederne. Ha aggiunto che lo sciopero si intensificherà, poiché i lavoratori fanno pressione sulle compagnie petrolifere/gas affinché aumentino i salari e i benefit, in un contesto di inflazione che in Europa è il peggiore degli ultimi decenni.

La Norvegia è il secondo fornitore di energia in Europa dopo la Russia. La tempistica degli scioperi arriva mentre i Paesi europei si affrettano a iniettare le forniture di gas naturale nei depositi in vista dell’inverno e il gigante russo dell’energia Gazprom ha ridotto significativamente i flussi di Nord Stream verso l’Europa. Gazprom prevede di interrompere i flussi di Nord Stream per la manutenzione ordinaria a partire dall’11 luglio per dieci giorni.

La norvegese Gassco, un gestore di gasdotti di proprietà statale, ha spiegato al Financial Times che “nel peggiore dei casi, le consegne al Regno Unito potrebbero interrompersi del tutto”.

“Il Regno Unito è diventato anche un canale chiave per spostare le forniture verso l’Europa durante l’estate, con i suoi gasdotti di esportazione verso il Belgio e i Paesi Bassi che funzionano a velocità sostenuta per inviare le importazioni in eccesso di gas naturale liquefatto e le forniture norvegesi negli stoccaggi continentali in vista dell’inverno”, ha dichiarato FT.

La notizia degli scioperi ha fatto salire del 16% il prezzo all’ingrosso del NatGas britannico per la consegna giornaliera.

Gli scioperi sono iniziati lunedì e hanno messo fuori uso la produzione di 89.000 barili di petrolio equivalente al giorno in tre giacimenti sulla piattaforma continentale norvegese. Altri tre giacimenti potrebbero essere chiusi entro mercoledì, con un impatto ancora maggiore sulla produzione. Se il sindacato e le compagnie energetiche non troveranno una soluzione sui salari, entro sabato potrebbero essere interrotti 14 siti, con una riduzione del 56% delle esportazioni di NatGas.

Considerando che la Norvegia è la principale fonte di gas naturale del Regno Unito nel 2021, i prezzi del gas naturale e dell’energia elettrica sono in aumento a causa dei problemi di approvvigionamento. Anche in Europa i prezzi sono in aumento, sempre per le incertezze legate a Norvegia e Russia.

Tom Marzec-Manser, analista della società di consulenza ICIS, ha dichiarato che il Regno Unito riceverà quattro carichi di LNG tra il 10 e il 19 luglio e potrebbe essere in grado di far fronte alla grave perdita di forniture di gas naturale dalla Norvegia.

“Ma per l’Europa nel suo complesso questo non potrebbe accadere in un momento peggiore, al di fuori dell’inverno profondo, dato che abbiamo un disperato bisogno di riempire gli stoccaggi in vista dei mesi più freddi”, ha aggiunto Marzec-Manser.

Oltre alle forniture norvegesi, l’Europa ha puntato sui carichi di GNL provenienti dagli Stati Uniti. Tuttavia, la chiusura del terminale GNL di Freeport, in Texas, avvenuta il mese scorso a causa di un’esplosione, comprometterà circa il 16% della capacità totale di esportazione di GNL degli Stati Uniti fino alla fine dell’anno.

Con l’aggravarsi della crisi delle forniture in Europa, Samantha Dart di Goldman Sachs ha aumentato le sue previsioni sui prezzi del gas naturale europeo, poiché “non vede più” una piena ripresa dei flussi di Nord Stream.

“Al contrario, la mancanza di una soluzione per le necessarie riparazioni delle turbine e l’assenza di un reindirizzamento dei flussi ridotti di NS1 da parte di Gazprom attraverso un gasdotto alternativo per mitigare l’impatto sulle forniture suggeriscono che è più probabile una prolungata riduzione del flusso di NS1”, ha scritto Dart in una nota ai clienti di lunedì. Ha alzato le previsioni di prezzo del TTF a 153 euro per MWh nel terzo trimestre, da 104 euro.

 

Gli sviluppi dello sciopero in Norvegia, che ha colpito le forniture al Regno Unito e all’Europa, non potevano arrivare nel momento peggiore.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal