attualita' posted by

Nigeria: forse potebbe raggiungere le quote OPEC+. Petrolio importantissimo per il mercato europeo

 

Il ministro del petrolio della Nigeria ha dichiarato venerdì che il Paese sarà in grado di raggiungere la sua quota di produzione OPEC entro la fine di agosto, mentre il Paese punta a rafforzare la sicurezza della sua industria petrolifera.

La Nigeria è il più grande ritardatario della produzione dell’OPEC e, da quando è entrato in vigore l’accordo di espansione della produzione, ha costantemente sottoperformato le sue quote di produzione. Secondo fonti secondarie, la produzione di greggio della Nigeria è scesa a maggio – ultimo dato disponibile – a 1,262 milioni di bpd. La quota di produzione di maggio prevista dall’accordo OPEC era di 1,753 milioni di bpd, un deficit di quasi mezzo milione di barili al giorno.

La Nigeria è da tempo alle prese con atti di vandalismo e furti nel settore petrolifero. Le promesse di ripulire il settore non sono riuscite a riportare la capacità di produzione di greggio della Nigeria al suo pieno potenziale. Corruzione e ladroneria pesano molto sulla produzione, con spesso

“Per noi in Nigeria, siamo a un punto morto. Non siamo in grado di soddisfare la nostra quota OPEC”, ha dichiarato il ministro del Petrolio nigeriano Timipre Sylva a una conferenza stampa, pur sottolineando che presto dovrebbero riuscirci. “Ci siamo dati un mese di tempo per assicurarci di poterlo fare… crediamo che entro agosto vedremo qualche miglioramento nella sicurezza”, ha aggiunto Sylva.

Sylva ha anche respinto l’idea che l’OPEC possa attivare la capacità di riserva e pompare di più, citando i problemi di capacità. “In questo momento, c’è poca capacità che può essere immessa sul mercato”.

La percepita mancanza di capacità di riserva tra molti membri dell’OPEC ha contribuito a mantenere alti i prezzi del petrolio negli ultimi mesi, nonostante le ambizioni elevate del gruppo per quanto riguarda gli obiettivi di produzione di luglio, che sono stati fissati a 648.000 bpd in più rispetto agli obiettivi di giugno e a oltre un milione di bpd in più rispetto agli obiettivi di maggio, che non sono stati raggiunti.

Se la Nigeria riuscisse a raggiungere l’obiettivo di produzione di agosto, farebbe un’enorme differenza sui mercati petroliferi, perché fornirebbe una parte importante del petrolio attualmente mancante per le auto sanzioni poste da molte società al petrolio russo. Inoltre sarebbe un importante spinta verso prezzi petroliferi più contenuti e una riduzione della spinta inflazionistica, anche se la crisi del gas naturale verrebbe comunque a pesare.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal