attualita' posted by

NASA: i tre disegni per sostituire la Stazione Spaziale Internazionale

 

La NASA ha rivelato i nomi e i progetti delle tre società che sono state selezionate e finanziate “per sviluppare progetti di stazioni spaziali e altri servizi commerciali nello spazio”, rivelando l’enmtità del  denaro assegnata a ciascuna società. Queste società sono:

  • Blue Origin di proprietà di Jeff Bezos ($ 130 milioni),
  • Nanoracks LLC ($ 160 milioni)
  • Northrop Grumman Systems Corporation ($ 125,6 milioni).

Ora che queste tre società sono state selezionate, la NASA afferma che è iniziata la prima fase di un processo  per sostituire la Stazione Spaziale Internazionale con iniziative commerciali. Con i finanziamenti assicurati, queste tre società “formuleranno e progetteranno capacità commerciali di destinazione in orbita terrestre bassa adatte alle potenziali esigenze del governo e del settore privato”. La NASA prevede che questa prima fase durerà fino al 2025.

Orbital reef 

Le intenzioni di Blue Origin erano note prima che venisse selezionato per ricevere questo finanziamento. A ottobre, Blue Origin e il partner Sierra Space hanno rivelato i primi piani per costruire una stazione spaziale chiamata Orbital Reef. Orbital Reef è destinato a essere uno spazio a uso misto per scopi di ricerca, commerciali e governativi, con Blue Origin che fornisce un trasporto riutilizzabile per trasportare i clienti avanti e indietro verso la stazione spaziale. Blue Origin e Sierra Space intendono lanciare Orbital Reef nella seconda metà di questo decennio.

Starlab

Nanoracks LLC, d’altra parte, prevede di sviluppare una stazione spaziale commerciale chiamata Starlab, il cui lancio è attualmente previsto per il 2027. Starlab è destinato ad ospitare quattro astronauti ininterrottamente e sarà simile alla ISS in termini di “potenza, volume e carico utile”. capacità.” Inoltre, ospiterà il George Washington Carver Science Park, che comprenderà “un laboratorio di biologia, un laboratorio di abitazione delle piante, un laboratorio di scienze fisiche e di ricerca sui materiali e un banco di lavoro in un’area aperta”.

Northrop Grumman,

Northrop Grumman, l’ultima azienda che riceve finanziamenti dalla NASA, ha in programma di sviluppare una stazione spaziale che a questo punto suona un po’ più concettuale. Sappiamo che sarà modulare, quindi può essere ampliato oltre la sua configurazione di base, con Northrop Grumman che anticipa componenti aggiuntivi come alloggi per l’equipaggio, laboratori e persino “strutture capaci di gravità artificiale”, il che suona piuttosto selvaggio.

Commercializzazione dell’orbita terrestre bassa?
Potrebbe essere un po’ strano sentire la NASA parlare della commercializzazione dell’orbita terrestre bassa perché, nel corso della sua storia, non c’è stato davvero un motivo di profitto alla guida della ricerca della NASA nello spazio. Tuttavia, la NASA sta cercando di preparare il terreno per la commercializzazione dello spazio e si considera persino un cliente di queste stazioni spaziali una volta che siamo in un futuro post-ISS.

Detto questo, ci sono potenziali vantaggi nell’aprire l’orbita terrestre bassa alle imprese private. L’orbita terrestre bassa è un buon posto per condurre ricerche libere dalla forte attrazione gravitazionale della Terra. La Stazione Spaziale Internazionale ha ospitato quella ricerca negli ultimi anni, ma quella ricerca dovrà spostarsi altrove una volta raggiunta la fine del ciclo di vita. Dare a tutti l’accesso a laboratori e stazioni di ricerca nell’orbita terrestre bassa potrebbe aprire la porta a progressi che non sarebbero necessariamente possibili sulla Terra o consentire esperimenti troppo delicati per la gravità terrestre.

La stessa NASA afferma che prevede di diventare “uno dei tanti clienti nell’orbita terrestre bassa”, utilizzando potenzialmente stazioni spaziali private per addestrare gli astronauti prima delle missioni sulla luna o persino su Marte. Infatti, nel suo annuncio odierno, la NASA afferma che sarà in grado di ottenere i servizi di cui il governo ha bisogno dalle stazioni spaziali private a un costo inferiore. Ciò, a sua volta, consentirà all’agenzia di concentrarsi sulle sue missioni Artemis, che promettono di riportare gli umani sulla luna entro il 2024 come trampolino di lancio per eventuali missioni su Marte.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal