analisi e studi posted by

Mettere insieme Liberali e Sovranisti, ecco la vera “rivoluzione” (di P. Becchi e G. Palma)

di Paolo Becchi e Giuseppe Palma su Libero del 10 ottobre 2020.

Salvini parla di “rivoluzione liberale”. In molti sono rimasti basiti dalla ripresa dello slogan berlusconiano degli anni Novanta. Ma “liberale” può significare tante cose. “ Liberale“ non significa solo “meno Stato e più mercato” – questo semmai è “liberismo” – “liberale” significa anzitutto piena libertà di pensiero e di parola senza i diktat del “politicamente corretto”, libertà di stampa senza censure ideologiche, libertà di impresa senza le folli regole che distruggono il piccolo artigiano o il libero professionista, libertà nella giustizia – dove i diritti dell’imputato sono sacri – libertà di insegnamento, libertà personale ritenuta inviolabile, e così via.

Negli ultimi sette mesi si è avuta nel nostro Paese una vera e propria “resa” liberale: libertà fondamentali, come quelle di movimento e di circolazione, limitate per decreto del Presidente del Consiglio, obblighi invasivi per l’integrità fisica statuiti da ordinanza ministeriale, rispetto per i moribondi e i defunti cancellato in pochi secondi, libertà di parola garantita solo a chi parla con la bocca del governo, persecuzione mediatica invece contro chi esprime qualsiasi critica alle decisioni del governo, diffusione di terrorismo sanitario sul virus attraverso dogmi irrazionali, come quello dell’obbligo della mascherina all’aperto, pur nel rispetto del distanziamento, allarmismo continuo senza ragionare sui dati, e così via.

In questa situazione ben venga una “seconda ondata” di liberalismo. Oggi però occorre fare i conti con una realtà diversa: esiste una Ue molto più invasiva, che non collabora con gli Stati come accadeva prima degli anni Novanta, ma li obbliga a fare ciò che Francia e Germania impongono di fare, seguendo politiche neoliberali in economia che hanno avuto come conseguenza l’indebolimento dell’economia del nostro Paese. Inutile nascondere che tutto questo sia avvenuto con l’introduzione dell’euro. A parte la decisione di sospendere il patto di stabilità a pandemia in corso, decisione giusta e salvifica, anche oggi di fatto l’Unione è più matrigna che madre. Basti vedere il passo indietro sui miliardi del Recovery Fund promessi all’Italia solo tre mesi fa.
Occorre dunque a nostro avviso, come più volte abbiamo scritto da oltre un anno a questa parte, coniugare il liberalismo, nel significato chiarito sopra, con il sovranismo, dottrina che risponde all’esigenza dei popoli europei di ritornare ad avere un ruolo centrale in Europa attraverso i rispettivi Stati nazionali. Stati nazionali e Ue possono collaborare senza che i primi vengano assorbiti nella seconda, privandoli della loro identità per sottomettere tutti all’ideologia del mercato. Il liberalismo del mercato non basta a creare forti legami politici di appartenenza. Questo è il suo limite più evidente.

Ecco la funzione del sovranismo: limitare le storture liberiste della Ue, proponendo soluzioni come – facciamo qualche esempio – l’abrogazione definitiva del patto di stabilità e del fiscal compact, la revisione in melius dei trattati Ue e del funzionamento della moneta unica. Essere nell’Unione non significa necessariamente essere con coloro che oggi costituiscono la maggioranza nell’Unione, e si può continuare a svolgere in modo del tutto legittimo il ruolo di opposizione nel parlamento europeo, senza per questo passare per degli estremisti nazionalisti.

Lo stesso si potrebbe dire con riferimento al parlamento italiano. È importante per la Lega far emergere in Europa questa immagine “sovranista-liberale”, onde evitare l’isolamento.
Socialdemocrazia e liberaldemocrazia sono entrambe ideologie da tempo in crisi, il “sovranismo liberale” potrebbe essere la nuova alternativa di governo, non solo in Europa ma anche Italia. Ideologicamente il problema del “liberalismo” è di aver dimenticato i popoli, il problema del “socialismo” è invece quello di aver dimenticato gli individui. L’ipotesi di un “sovranismo debole”, “liberale”, supera – in senso hegeliano – i limiti delle due precedenti concezioni. Su questa carta Salvini, a nostro avviso, dovrebbe puntare.

di Paolo Becchi e Giuseppe Palma su Libero del 10 ottobre 2020.

*** *** ***

Consigli letterari:

di Paolo Becchi e Giuseppe Palma, “DEMOCRAZIA IN QUARANTENA. Come un virus ha travolto il Paese“, Historica edizioni, aprile 2020.

Qui i link per l’acquisto:

http://www.historicaedizioni.com/libri/democrazia-in-quarantena/

https://www.ibs.it/democrazia-in-quarantena-come-virus-libro-paolo-becchi-giuseppe-palma/e/9788833371535

https://www.mondadoristore.it/Democrazia-quarantena-Come-Giuseppe-Palma-Paolo-Becchi/eai978883337153/

https://www.libreriauniversitaria.it/democrazia-quarantena-virus-ha-travolto/libro/9788833371535

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal