attualita' posted by

Mercks si farà pagare 40 volte il costo per la pillola contro il covid-19

 

Il nuovo trattamento Covid-19 “non Ivermectin” sviluppato  Merck, Molnupiravir, costa $ 17,74 alla produzione per dose – ma la società sta addebitando al governo degli Stati Uniti $ 712 per il trattamento – un ricarico di 40 volte, secondo The Intercept, citando un documento pubblicato la scorsa settimana dalla Harvard School della sanità pubblica e del King’s College Hospital di Londra.

La pillola, originariamente sviluppata utilizzando fondi del governo degli Stati Uniti come possibile trattamento per l’encefalite equina venezuelana, (alla faccio del termine di Pasta per i cavalli, usato per l’Ivermectina), ha dimezzato il rischio di ospedalizzazione e morte in uno studio randomizzato su 775 adulti con Covid lieve/moderato che erano considerati ad alto rischio di malattia a causa di comorbidità. come obesità, diabete e malattie cardiache. La sperimentazione è stata interrotta anticipatamente in modo che l’azienda potesse richiedere un’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA). Il farmaco non ha beneficiato i pazienti che erano già stati ricoverati in ospedale con una malattia grave, quindi è da considerare una forma quasi di profilassi.

La notizia del “farmaco miracoloso” orale ha fatto aumentare le azioni di Merck la scorsa settimana, poiché la società afferma di poter fornire 10 milioni di dosi entro la fine dell’anno.

Chiaramente, la pillola potrebbe portare enormi profitti a Merck e al suo partner sul farmaco, Ridgeback Biotherapeutics, che ha concesso in licenza il farmaco dalla Emory University nel 2020 e poi ha venduto i diritti mondiali del farmaco a Merck per una somma che non è stata divulgata.

Nel frattempo, la Defense Threat Reduction Agency, una divisione del Dipartimento della Difesa, ha finanziato lo sviluppo del farmaco da parte della Emory University per un importo di 10 milioni di dollari tra il 2013 e il 2015, secondo il gruppo no profit scoperto da Knowledge Ecology International.

Tuttavia, come sottolinea Quartz, solo Merck e Ridgeback trarranno profitto dal nuovo antivirale – che secondo loro “potrebbe essere uno dei farmaci più redditizi della storia”, portando fino a sette miliardi di dollari in vendite solo entro la fine di quest’anno.

Nonostante il suo investimento iniziale, il governo degli Stati Uniti sembra dover affrontare un forte aumento dei prezzi. A giugno, il governo ha firmato un contratto da 1,2 miliardi di dollari con Merck per la fornitura di 1,7 milioni di cicli del farmaco al prezzo di 712 dollari per ciclo di cura. La transazione dovrebbe avvenire non appena Molnupiravir riceverà l’autorizzazione all’uso di emergenza dalla Food and Drug Administration.

 

La co-fondatrice di Ridgeback, Wendy Holman, ha dichiarato alla CNBC in un’intervista la scorsa settimana di aver chiesto, ma “non ha mai ottenuto finanziamenti governativi” per la produzione di Molnupiravir. La società ha anche affermato in un comunicato stampa pubblicizzando lo studio che “da quando Ridgeback ha ottenuto la licenza, tutti i fondi utilizzati per lo sviluppo di Molnupiravir sono stati forniti da Merck e da Wayne e Wendy Holman di Ridgeback”. Essendo implicati lo stato e delle aziende farmaceutiche, non sapremo mai la verità dei fatti. Comunque il prezzo di 700 dollari a ciclo di cura appare, ai più assurdamente alto, soprattutto per un trattamento profilattico. Ad un prezzo così alto probabilmente assicurazioni e privati senza copertura non lo acquisteranno, con il rischio di rendere la cura preventiva inutile.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal