crisi posted by

Mario Draghi: non c’e’ un Piano B (il pensiero delle classi dirigenti Europee su Euro, banche e crisi)

Sul sito web della BCE, si trova l’intervento di Mario Draghi  del 4 Aprile Introductory statement to the press conference (with Q&A) e le risposte ad una serie di domande.

Per Mario Draghi, il problema e’ il sistema Bancario, e fa un analisi realmente allarmante. Non parla invece di disoccupazione, collasso dell’economia reale che sono questioni non meno importanti.

Vi riporto alcuni estratti delle risposte del Governatore da me tradotte e provo a mettere il tutto in forma logica. Leggetele con attenzione, perche’ sono lo specchio del pensiero delle classi dominanti europee.

 draghi

 

1. L’Euro non funziona nel modo in cui si suppone che funzioni (e le banche sono un problema):

Abbiamo pienamente affrontato la questione dei finanziamenti attraverso una serie di strumenti – misure non convenzionali, prevalentemente. E una di queste autorizza le banche a concedere prestiti alle imprese e utilizzare i prestiti concessi alle imprese a titolo di garanzia per il loro prestito dalla BCE, dall’Eurosistema. Ora, si dà il caso che questa misura funziona a meraviglia in alcuni paesi, ma non funziona per niente in altri paesi. Quindi, il problema ora è capire il motivo per cui non funziona in alcuni paesi. Cosa non va bene? Questo è un problema che dovremo affrontare.

 2. Stimoli all’Economia (ed i governi sono un problema, ma anche le banche sono un problema)

Un altro punto è che penso che si dovrebbe sempre essere consapevoli di ciò che la BCE può fare e che cosa non può fare. Non si può sostituire il capitale che manca nel sistema bancario. Questo è chiaro. Non si può compensare la mancanza di azione da parte dei governi – per esempio, in alcuni paesi la misura più potente stimolante che il governo può intraprendere è di rimborsare gli arretrati, che in alcuni casi sono di diversi punti percentuali del PIL.

3. Le banche sono un problema

Quando guardiamo le misure intraprese da altri paesi o da altre giurisdizioni di politica monetaria – tenendo sempre presente che il nostro set-up istituzionale è diverso, e dobbiamo agire all’interno di quel set-up – vediamo che, prima di tutto , non tutte le esperienze sono incoraggianti. Vediamo che alcune di queste misure sono state prese, ma con una ridotta reazione sul lato del credito. In altri casi, le misure sono state adatte al mercato finanziario specifico. In altre parole, quando si ha una quota molto importante di intermediazione finanziaria in corso attraverso i mercati dei capitali, allora avete attività che, potenzialmente, la banca centrale può decidere di acquistare. Tali attività hanno un prezzo, hanno un rating. Nell’area dell’euro abbiamo solo una piccola quota di intermediazione finanziaria in atto tramite i mercati finanziari, e una gran parte, circa l’80%, che si svolge attraverso il sistema bancario. Quindi, nel caso specifico della zona euro, tutte queste iniziative sono molto più difficili.

 4. Siamo tutti insieme in questa crisi

Questa debolezza (crisi) si sta estendendo a paesi in cui la frammentazione non è un problema.

5. Cipro: Draghi era indignato per i prelievi ai conti dei piccoli risparmiatori (ma la BCE era lì e faceva parte del problema).

La BCE aveva presentato una proposta che non prevede alcun prelievo ai depositanti assicurati. E lasciatemi anche dire che questo era esattamente lo stesso per tutte le altre proposte – le proposte della Commissione e l’FMI aveva esattamente la stessa caratteristica. Poi ci sono stati lunghi negoziati con le autorità cipriote, rappresentate a questa riunione, il cui risultato è stato quello che sapete, vale a dire un prelievo anche sui depositanti assicurati. Questo non era intelligente, a dir poco, ed è stato subito corretto in una teleconferenza dell’Eurogruppo il giorno successivo. Ma questo è ciò che è passato.

6. Cipro: non sapevamo quello che stavamo facendo, perché non abbiamo un modello e questo non è un modello, ma abbiamo davvero bisogno di un modello e avremo un modello che sarà simile a questo (e le banche sono un problema).

… vorrei sottolineare che Cipro non è un modello! Non ho avuto occasione di parlare con il Presidente dell’Eurogruppo, ma sono assolutamente sicuro che è stato frainteso. Dopo tutto, il salvataggio della banca olandese SNS REAAL, che ha coinvolto le garanzie dei soli azionisti e debitori junior per la somma di € 4 miliardi di euro, era stato concordato solo pochi giorni prima. E pure questo non è modello ….

Una garanzia di per sé non è un problema: è ​​la mancanza di regole condivise da tutti e la mancanza di riserve di capitale o attività che possono rendere un salvataggio un evento disordinato. L’esistenza di tali attività è quindi essenziale. Nel caso di Cipro, una particolarità è il fatto che questi beni sono stati in realtà molto limitati rispetto alle dimensioni delle banche … Un progetto di direttiva è attualmente in discussione in sede di Consiglio europeo e il Parlamento europeo, che specifica una gerarchia delle categorie di titolari di attività che potrebbero essere salvata. In questo contesto, ci piacerebbe davvero vedere queste norme entrano in vigore, non nel 2018 o 2019, come è previsto, ma molto prima, per esempio nel 2015 … Il meccanismo unico di vigilanza (SSM), non richiederebbe attualmente una mutualizzazione delle perdite … le banche non dovrebbero solo essere adeguatamente controllate – affinche’ queste non si sovradimensionino rispetto all’economia in cui risiedono – ci dovrebbero essere anche sufficienti garanzie, siano esse di capitale, obbligazioni o di altri tipi di  passività.

7. Le banche in Lussemburgo e Paesi Bassi sono un problema. E i governi hanno bisogno di un surplus perché le banche sono un problema.

L’esperienza recente mostra che i paesi in cui il settore bancario è diverse volte più grande di quello dell’economia sono, in media, più vulnerabili. Shock finanziari hanno colpito questi paesi più duramente – semplicemente a causa della dimensione del loro settore bancario – rispetto ai paesi in cui il settore bancario è una componente più piccola dell’economia. Lo abbiamo visto in tutto il mondo, in realtà, a partire dal Regno Unito. Allora, che cosa fare? Beh, una cosa è quello di ridurre le dimensioni dei settori bancari sovradimensionati, ma altre cose si possono fare. È necessario agire in modo più prudente di quanto si farebbe normalmente. Vale a dire, non avere deficit di bilancio, e di mantenere riserve di capitale o di attivita’ di grandi dimensioni o di grandi dimensioni.  

8. Non stiamo ancora facendo quello che avremmo dovuto fare molto tempo fa

L’entrata in vigore e l’applicazione del meccanismo unico di vigilanza (SSM) è assolutamente essenziale. Non c’è modo migliore per prevenire queste crisi che far luce sulla situazione dei sistemi bancari nazionali attraverso il tipo di controllo internazionale che sarebbe stato fornito dal SSM. Questo vale per l’Irlanda, la Spagna, la Grecia e ora Cipro. Ogni ritardo su questo fronte è quindi estremamente deludente.

9. L’austerità uccide la fiducia, e questo crollo ha fatto saltare tutti i modelli economici previsionali.

Non credo che i moltiplicatori fiscali sono stati sottovalutati. La domanda interna si è rivelata più debole del previsto, essenzialmente a causa della maggiore incertezza e mancanza di fiducia.

10. Tutti i debiti sono uguali – ma alcuni debiti sono più uguali degli altri debiti

Per quanto riguarda la seconda domanda, non c’è niente sul mercato che dice che la ELA è senior, ma se si vuole rimanere come controparte nelle operazioni della BCE in materia di politica monetaria, si dovrebbe certamente essere trattati come tali.

11. Non vi è alcun piano B

Non vi è alcun piano B

  

 

By GPG Imperatrice

Mail: gpg.sp@email.it

Facebook di GPG Imperatrice

Clicca Mi Piace e metti l’aggiornamento automatico sulla Pagina Facebook di Scenarieconomici.it

2 Comments

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog